Dietro le quinte del Web Marketing Festival: intervista a Cosmano Lombardo

Dietro le quinte del Web Marketing Festival: intervista a Cosmano Lombardo

Cosmano Lombardo

Ho fatto esperienza nel mondo universitario e in quello governativo riguardo al tema della formazione e della cooperazione e sviluppo. Poi è iniziato il grande percorso, abbiamo sviluppato le nostre idee. Dal 2007 mi occupo della creazione e dello sviluppo di GT Idea, azienda che nasce insieme ad Andrea Pernici e Giorgio Taverniti. Tutto parte dal forumgt e oggi la realtà di cui faccio parte si divide in tre rami fondamentali: network, consulenza e formazione.

[Total: 0 Average: 0]

Il Web Marketing Festival si avvicina. Questo è uno dei principali eventi dedicati a chi lavora nel settore: l’8 e il 9 luglio ci sarà tanta formazione nel Palacongressi di Rimini, interverranno oltre 160 docenti e nasceranno occasioni per fare networking. Senza dimenticare lo spazio dedicato alle startup, una vetrina per presentare la tua idea, e il Digital Job Match per fondere domanda e offerta di lavoro.

Insomma, il Web Marketing Festival diventa sempre più importante. Merito dello staff, attento alle esigenze del pubblico, e dei relatori che vengono scelti con cura. Qualche nome che già conosci? Alessandro Mazzù, Cinzia Di Martino, Valentina Falcinelli, Andrea Saletti.

Abbiamo già presentato questo evento su MediaBuzz e descritto gli aspetti decisivi di questo appuntamento. Oggi vogliamo fare qualcosa in più e ascoltare le parole di chi si trova nella “sala dei bottoni”. Ecco l’intervista a Cosmano Lombardo, chairman della maratona formativa.

Chi sei e di cosa ti occupi?

Un saluto a tutti i lettori di MediaBuzz. Sono Cosmano Lombardo, chairman del Web Marketing Festival. Mi occupo dell’ideazione e della creazione dell’evento in tutte le sue iniziative. Inoltre dirigo le singole attività, coordinando i vari team.

Racconta ai lettori come hai iniziato

Dopo alcuni anni nel mondo universitario, governativo e NGO, dal 2007 ho deciso di puntare verso la costruzione di un ecosistema di formazione e informazione sui temi dell’innovazione. Il tutto coinvolgendo istituzioni, aziende, professionisti e appassionati e contribuendo alla formazione di oltre 100.000 persone.

cosmano lombardo

Cosmano Lombardo, Andrea Pernici, Giorgio Taverniti

Coniugando la passione per l’innovazione al desiderio di contribuire a cambiare in positivo molti aspetti della società, ho dato vita insieme ad Andrea Pernici e Giorgio Taverniti al progetto aziendale GT Idea, oggi Search On Media Group.

Questo era un sogno coltivato sin da bambini insieme a Giorgio e, da una certa data in poi, abbiamo deciso di seguirlo. Durante il nostro percorso abbiamo poi incontrato Andrea Pernici, con cui abbiamo iniziato a condividere gli stessi obiettivi professionali e di vita.

Hanno sposato il nostro progetto persone speciali incontrate durante l’esperienza universitaria e nel corso dei nostri eventi. Alcuni colleghi di lavoro sono persone con cui abbiamo vissuto le esperienze indelebili che la vita ti pone davanti, e oggi continuiamo a costruirne di nuove insieme.

Abbiamo costruito un’azienda che è ancor prima una famiglia: io, Giorgio Taverniti, Andrea Pernici, Manuel Calzolari, Marco Quadrella, Gabriele Benedetti, Lisa Guerini, Beatrice Niciarelli, Brigida Giannotta, Vincenzo Bilotta, Andrea Chiga, Vito Esposito, Daniela Lanzellotto, Michela Lombardo, Francesco Demasi, Angelo Marolla, Alessio Taverniti.

L’attività aziendale va quindi di pari passo con l’impegno sociale: condizione naturale e parte integrante non solo della quotidianità, ma della natura stessa dell’impresa.

Meglio lavorare come freelance o in azienda?

Lavorare in azienda è una sfida continua, uno stimolo che spinge a fare sempre meglio e sempre di più. Creare un team di lavoro che funzioni e costruire un’azienda che sappia muoversi su più fronti è la parte più interessante. Ma la risposta a questa domanda dipende dalle caratteristiche e dalla “tensione” personale. Rispetto al mio modo di essere la risposta è azienda.

Come inizia la tua giornata?

Mi piace iniziare a lavorare molto presto, di solito mi sveglio alle 5 e arrivo in ufficio intorno alle 6. Le prime ore del mattino sono per me fondamentali e aiutano a rendere la giornata più produttiva. Comunque, l’aspetto più interessante non è come inizia ma come finisce: non finisce 🙂

Web Marketing Festival: le sue origini

Il web marketing ha vissuto periodi di alti e bassi. Momenti di esaltazione e altri in cui è stato bistrattato a causa dell’erronea applicazione di quanti ne hanno voluto sfruttare la tendenza del momento. Abbiamo, quindi, deciso di iniziare un percorso di formazione con un obiettivo: mettere a disposizione prodotti formativi di qualità sui temi del digital marketing.

Questo per permettere a tutti di conoscerne le potenzialità dando credito a un settore che sta facendo da traino per molte imprese. È stato una sorte di “fiume”, oltre 500 eventi, che dal 2007 ha attraversato tutta l’Italia per soddisfare parte della sete di conoscenza di coloro che volevano scoprire questi temi.

Il fiume aveva bisogno di sfociare in un mare che bagnasse tutte le terre limitrofe: così nel 2013 è nato, con un naming differente, la forma embrionale dell’evento che lo scorso anno ha dato vita al Web Marketing Festival. L’evento vuole rappresentare il mondo del Digital Marketing in tutte le sue declinazioni. La formazione viene veicolata e si abbina a iniziative di arte, musica, imprenditorialità, networking, innovazione e intrattenimento.

Negli anni il Web Marketing Festival si è trasformato, passando dall’essere un appuntamento per addetti ai lavori a un evento capace di coinvolgere il professionista di questo settore. Ma anche i dirigenti e le realtà aziendali decise a puntare sul digitale: una vera evoluzione su più fronti.

Un’evoluzione che si svolge prima di tutto nei suoi contenuti: col tempo abbiamo cercato sempre più di concentrarci su una visione non solo tecnica del mondo digitale. In che modo? Allargando i nostri orizzonti, ampliando il raggio dei temi trattati, avvicinandoci al digitale e all’innovazione come a delle opportunità per il business delle aziende, per lo sviluppo del nostro paese.

Il Web Marketing Festival ha cambiato città, trasferendosi da Roma a una location d’eccezione come il Palacongressi di Rimini. L’evento ha cambiato nome, ma non la sua identità improntata alla formazione e alla voglia di dare un reale e tangibile contributo a questo settore e di farlo in Italia.

Cosa significa per un professionista fare formazione?

Possiamo suddividere il mondo aziendale in tre macro-aree: la prima racchiude chi ha compreso le potenzialità del web e si è attrezzato o si sta adoperando per farlo. Molte realtà hanno trasformato il modello di business innovando non solo i prodotti e i processi, ma rivedendo la loro catena del valore.

Un’altra area comprende le aziende che sono indecise: hanno capito che sta accadendo qualcosa o che è già successo, ma non riescono a convincersi che dovrebbero vedere la questione “digital trasformation” dal punto di vista dell’investimento.

Queste realtà non riescono a convincersi che un investimento sulla costruzione di un’area digital equivale a un naturale processo di costruzione aziendale. È come se avessero auto con le ruote di legno, hanno visto o sentito parlare di auto con ruote moderne ma non sanno come si montano e pensano di poter affrontare migliaia di km con quelle in legno.

Infine, una numerosa fetta di aziende disconosce la presenza del mondo digital: in questo caso parliamo di “cavalli con paraocchi”. Noi operatori del settore dovremmo adoperarci per migliorare le competenze di chi è sulla buona strada, far comprendere a chi utilizza tecnologia obsoleta che è necessario innovare le gomme e il motore.

Soprattutto, dovremmo lavorare insieme per far capire che in una gara tra cavalli e auto da formula 1 chi è a cavallo perderà al 100%. Ma sarà travolto a causa dei paraocchi.

Basta partecipare a un festival o c’è bisogno di altro?

Non basta partecipare al festival per avere una formazione completa. Esistono molte organizzazioni che offrono prodotti qualitativamente elevati. È opportuno scegliere in modo accurato per evitare di perdere tempo. Quello che mi auspico è una concreta interazione e integrazione tra le realtà universitarie e chi opera sul mercato.

cosmano lombardo

Se riuscissimo a creare una commissione sui temi del digital marketing, facendo sedere attorno a un tavolo le realtà universitarie e chi opera sul mercato, potremmo rispondere alle esigenze di chi entra per la prima volta in questo mondo e sceglie di investire parte del suo tempo in formazione.

Perché un’azienda dovrebbe favorire la formazione?

Avere dipendenti formati significa capire l’importanza di un team di lavoro che sappia muoversi nel settore. La formazione dovrebbe essere alla base di qualsiasi azienda perché è da qui che partono le radici per la costruzione di un’impresa che funzioni, sia in ambito digital che in altri ambiti.

Nel 2020 ci saranno circa 1 milione di posti di lavoro non occupati nel settore dell’ICT a causa della mancanza di competenze digitali, questo spiega davvero bene importanza di una formazione aziendale.

Un consiglio che cambierà la vita del lettore

Mai abbandonare il lavoro fisico: nel lungo periodo aiuta a fare la differenza. Raccogliere feedback sul lavoro svolto e accogliere il punto di vista altrui come un valore aggiunto e non come un attacco personale. Inoltre, svegliarsi presto al mattino,permette di guardare il mondo con la prospettiva dell’alba… E ciò rende tutto più chiaro 🙂

Danilo Polidori

Danilo Polidori, Online Media Manager e fondatore di MediaBuzz, inizia la sua giornata alle 6:00 am con una corsa di 50 minuti a Battersea Park durante la quale raccoglie idee ed energie per affrontare con positività la giornata. Crede con fermezza che lo sviluppo tecnologico e dell’economia digitale rappresenti l’occasione per internazionalizzare le eccellenze produttive del nostro paese e tornare grandi.

More PostsWebsite

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterest

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.