Scrittura creativa e digitale: intervista a Piero Babudro

Scrittura creativa e digitale: intervista a Piero Babudro

Facile parlare di scrittura creativa, vero? Basta saper mettere la penna sul foglio e tutto scorre. Anzi, oggi è sufficiente accendere il computer e aprire un qualsiasi programma per creare la propria opera d’arte. Ma è veramente così? Il testo scritto, nel panorama del content marketing, spesso viene declassato e riportato a una condizione primordiale. Tanto tutti sanno scrivere, vero? Non è proprio. Gli addetti ai lavori lo sanno bene. Ne sono consapevoli quelli che fanno storytelling, quelli che sviluppano i piani editoriali dei blog aziendali. Ma soprattutto chi si occupa di scrittura creativa. Oggi abbiamo intervistato un esponente di quest’ultima categoria: Piero Babudro. Chi sei e di cosa ti occupi? Innanzitutto grazie di cuore della bellissima opportunità di essere ospitato su MediaBuzz. È un piacere e un onore essere annoverato tra le eccellenze digitali italiane. Da più di dieci anni mi occupo di comunicazione digitale e di formazione aziendale nell’ambito della produzione e del design di contenuti. Parallelamente insegno Estetica dei New Media e Linguaggi Multimediali presso l’Istituto Europeo di Design. Ho all’attivo numerose docenze e corsi di formazione: Linguaggi digitali applicati alla comunicazione, Storia della televisione, Web Marketing, Copywriting digitale e Social media marketing. Ho inoltre scritto per quotidiani, riviste specializzate, testate online e blog parlando di Media e Marketing. Oggi collaboro con aziende e agenzie di comunicazione su progetti in grado di creare ponti tra persone, prima ancora che tra aziende e loro portatori di interesse o community di riferimento. In tutto questo, trovo il modo di aggiornare saltuariamente il mio sito/blog: www.segnalezero.com. Nel tempo libero leggo, faccio lunghe passeggiate sotto i portici di Bologna, scatto foto,...
Amore per la buona scrittura online: intervista a Vera Gheno

Amore per la buona scrittura online: intervista a Vera Gheno

Comunicare attraverso la scrittura, usare il web per raggiungere l’altro e usare le parole per lasciare un messaggio: esiste un lavoro più difficile? Certo, sicuramente. Però oggi è fondamentale per un’azienda impegnarsi su questo passaggio e assumere professionisti come Valentina Falcinelli e Primavera Contu per definire titoli, frasi, concetti. Solo le aziende hanno questa necessità? No, anche un libero professionista può aver bisogno di un bravo web writer. Anche un’associazione, o magari un nome sacro per la lingua italiana come l’Accademia della Crusca. Ecco, oggi per le Eccellenze Digitali Italiane abbiamo intervistato Vera Gheno: sociolinguista, docente per diverse università e Twitter manager per una delle più prestigiose istituzioni linguistiche. Chi sei e di cosa ti occupi? Mi chiamo Vera Gheno e sono una sociolinguista. Insegno, come docente a contratto, in tre università diverse: università di Firenze, università per Stranieri di Siena, sede fiorentina del Middlebury College. Collaboro con l’Accademia della Crusca dal 2000 in pianta stabile. Dal 2012 ne gestisco il profilo Twitter. In più, saltuariamente, traduco testi letterari dall’ungherese, sfruttando il mio bilinguismo. Racconta ai lettori come hai iniziato Per chi si laurea in materie linguistiche qui a Firenze è piuttosto comune passare un periodo (di studio, di tirocinio, di collaborazione a qualche progetto scientifico) in Accademia. Quindi è così che ho iniziato, quando ancora stavo scrivendo la tesi di laurea. Poi, a differenza di altri, ci sono rimasta! Nel corso degli anni ho collaborato a vari progetti scientifici, entrando in un secondo tempo nel gruppo che gestisce il sito web e in quello della consulenza linguistica. Lavori per L’Accademia della Crusca: cosa significa per te? Per una come me, linguista ma anche appassionata di lingua, lavorare nel “nexus” dello studio della lingua italiana è una bellissima opportunità....
La buona scrittura diventa video: intervista a Fiorella Atzori

La buona scrittura diventa video: intervista a Fiorella Atzori

Cosa è per te un influencer? Una persona che catalizza l’attenzione di tanti follower? Tutto si definisce intorno al concetto di numero? La massa è l’unico parametro per misurare la sua efficacia in una strategia di influencer marketing? Lo sai, non funziona così: ci sono diversi punti da rispettare per scegliere le persone giuste. Uno di questi è la capacità di guadagnarsi il rispetto e la credibilità di una community. Di una nicchia precisa, con delle esigenze chiare. Proprio quello che ho pensato quando ho incrociato il lavoro di Fiorella Atzori con Sgrammaticando. Ovvero il perno intorno al quale ruota una tribù chiara: gli appassionati della buona scrittura. Allora, facciamo qualche domanda a Fiorella? Chi sei e di cosa ti occupi? Salve a tutti! Mi chiamo Fiorella Atzori, ho 27 anni e sono una sarda ormai adottiva toscana. Dopo il liceo classico, mi sono laureata in Scienze della Comunicazione a Cagliari e da qualche anno mi dedico a Sgrammaticando, un progetto che ha come sede principale la nota piattaforma YouTube. Si tratta di un canale contenente ormai centinaia di video dedicati alla grammatica e alla lingua italiana, un numero in crescita continua dato che l’upload non si ferma mai. Un po’ di numeri? Ho superato da poco i 20.000 iscritti e i 2 milioni di visualizzazioni totali. 
Racconta ai lettori come hai iniziato. Ho iniziato praticamente per gioco, ma andiamo per gradi. Nel 2008 ero già un’assidua frequentatrice di YouTube, una piattaforma super innovativa di cui parlavano tutti e nella quale era possibile trovare qualsivoglia tipologia di video. Passavo proprio le ore, spesso assieme alle mie coinquiline (meravigliosa vita universitaria!),...
L’arte del copywriting: intervista a Primavera Contu

L’arte del copywriting: intervista a Primavera Contu

Cosa significa per te scrivere? Dare forma alle idee, portare su carta informazioni, emozioni, punti di vista. Ecco, forse scrivere vuol dire comunicare. Per questo c’è sempre stato un forte legame tra le parole, la pubblicità e la persuasione. Non si tratta solo di trasferire dati ma di scegliere le parole giuste per un pubblico specifico. E per un obiettivo chiaro. Chi lavora con il content marketing lo sa bene: c’è bisogno di un copywriter nel team. Nella sezione dedicata alle eccellenze digitali abbiamo intervistato diversi professionisti, e vogliamo continuare questa lista con Primavera Contu. Chi sei e di cosa ti occupi? Ciao! Mi chiamo Primavera Contu, mi definisco autrice e copywriter. Ma alla domanda “che cosa fai nella vita?” mi piace rispondere che mi occupo di scrittura. Troppo generico? Beh, di fatto è così: scrivo per il web, ma non solo, creando contenuti per blog aziendali, magazine, riviste e social media. Mi sono occupata di correggere bozze fin da giovanissima e, successivamente, della creazione di naming, di payoff, di titoli, della stesura di testi per brochure. E di scrittura per il teatro e per il cinema. Ho un blog (www.steampink.it) in cui racconto tutto ciò che faccio. Racconta ai lettori come hai iniziato Ho sempre lavorato in teatro, avvicinandomi sempre più alla scrittura (in questo caso drammaturgica e, talvolta, critica). Qualche anno fa mi è stato proposto un semplice lavoro da copy: redazione di contenuti per un sito web. Così, affiancata da un SEO specialist, mi sono buttata in questa nuova esperienza, scoprendo che la mia inguaribile attitudine per la scrittura creativa poteva prendere delle pieghe sorprendenti. Mi...
Valentina Falcinelli, ovvero quando il copy diventa una delizia

Valentina Falcinelli, ovvero quando il copy diventa una delizia

A Ladispoli, in provincia di Roma, c’è una web agency speciale. Molto speciale. Si chiama Pennamontata e più che una semplice web agency questa è una piccola pasticceria che sforna testi su misura per qualsiasi esigenza. La brigata che si nasconde dietro i fornelli di Pennamontata? Valerio Notarfrancesco, Francesca Mattia, Anna di Gennaro e Valentina Falcinelli: con lei il copy diventa veramente qualcosa di delizioso. Ma l’appetito vien mangiando, per questo mettiamo da parte le presentazioni e dedichiamo il nostro tempo a Valentina Falcinelli: largo all’intervista! Chi sei e di cosa ti occupi? In sintesi: Valentina Falcinelli, classe ’83, romana di Ladispoli, CEO e founder di Pennamontata e copywriter master chef. Potendo farla più lunga: mi occupo da circa 10 anni di comunicazione. Sono specializzata in copywriting, ossia scrittura di testi di vendita – e non solo – per piccole e grandi aziende. Credo molto nell’importanza della specializzazione e, in effetti, ho fatto del copywriting il mio core business. Tuttavia, grazie al supporto di validi collaboratori, con Pennamontata sono in grado di offrire anche altri servizi, tra cui posizionamento per motori di ricerca e realizzazione di siti web. Racconta come hai iniziato All’università incontrai un famoso copywriter. Andai da lui con un portfolio (ridicolo, lo ammetto) realizzato di notte, a casa, tra un esame e l’altro. Lui lo sfogliò e mi disse: “Se vuoi fare questo lavoro, accomodati. Ma ricordati che è difficile, che la strada sarà sempre in salita e che, soprattutto, ‘Carmina non dant panem’“. Aveva ragione su tutto, quel copywriter, ma aveva omesso la parte più importante: “Studio, lavoro, dedizione ti potranno aiutare. Nient’altro lo farà per...