MediaBuzz intervista Michele Papaleo

MediaBuzz intervista Michele Papaleo
[Total: 0 Average: 0]

Ritorniamo alla grande con le nostre interviste dedicate all’universo social, advertising e brand. Oggi abbiamo come ospite un ragazzo che sta lavorando bene nel SMM nonostante la sua giovane età.

Parlo di Michele Papaleo, ideatore del progetto 4Writing. Ovvero un blog multiautore dedicato a diverse professioni del web: scrittura, copywriting, blogging, social media marketing. Michele collabora con diverse realtà e ha un bel po’ di cose da raccontare.

Eccole, tutte in questa intervista.

Ciao! Chi sei e di cosa ti occupi?

Ciao! Mi chiamo Michele Papaleo, sono un giovane studente liceale con la passione per la comunicazione e i new media. In futuro prevedo di seguire un corso di laurea in scienze della comunicazione e di fare della mia passione il mio mestiere.

Racconti ai lettori come hai cominciato?

È iniziato tutto per caso: mi sono collegato per la prima volta ad internet nel 2006. Nel corso degli anni ho iniziato a frequentare community del settore e a seguire professionisti. Da lì ho deciso di aprire un mio blog personale e di pubblicare tutte le esperienze e le ”scoperte” che facevo.

Meglio lavorare come un lupo solitario o in team? Pro e contro?

Il settore del marketing digitale è talmente vasto che è impensabile poter lavorare da solo. Il futuro ormai è il lavoro in team. C’è comunque da dire che vi sono moltissime persone specializzate in un determinato campo che riescono benissimo a lavorare come lupi solitari.

Ognuno poi ha la propria ”impostazione”. Io poteri per il team work.

Come inizia la tua giornata? E come continua?

La mia giornata inizia con un 5-6 ore di mattina a scuola (dalle 08.00 alle 14.00). Se riesco durante le lezioni rispondo ad eventuali email o menzioni sui Social. Tornato a casa rifaccio un riepilogo della mattinata: rispondo alle email, ai commenti, controllo i Social e inizio a lavorare sui progetti che seguo.

Poi c’è lo studio (sì purtroppo il liceo occupa gran parte della mia giornata). Verso le 17.00-18.00 riprendo a lavorare e programmo i contenuti per il giorno dopo.

Come, secondo te, sta cambiando il settore?

Internet ha cambiato completamente la comunicazione in pochissimo tempo. Se negli ultimi decenni abbiamo avuto una comunicazione che vedeva al centro l’azienda (ovvero era una comunicazione uno a molti, l’azienda comunicava e l’utente riceveva senza possibilità di replica), con il web e soprattutto con l’arrivo dei Social Media la comunicazione è stata stravolta

È una comunicazione molti a molti dove l’utente ha la possibilità di replica, ha la possibilità di far fatturare ad un’azienda milioni e milioni di euro oppure falla fallire. È l’utente il centro di tutto.

Molti marketer prevedono che il 2014 sarà l’anno del ritorno del native advertising e del branded content. Quali implicazioni?

Se le aziende riuscissero a capire l’inutilità di banner e pubblicità tradizionali (anche offline) sarebbe stupendo. Il futuro dell’advertising sono i contenuti. Se con un contenuto riesco a catturare l’attenzione del potenziale cliente sono a cavallo.

Ovviamente i contenuti pubblicati devono essere reali: se io blogger pubblico un contenuto positivo su un servizio che invece fa pena rischio di creare più danni. Devo essere convinto di ciò che scrivo poiché ne va di mezzo la mia reputazione.

Il 2014 potrebbe essere l’anno in cui la gestione (budget) dei social media passerà dal Marketing Department a PR e Customer Service. Credi il passaggio di responsabilità possa tradursi in un uso effettivo (maggior engagement and ROI) della presenza aziendale sui social media?

Con il passaggio al PR e Customer Service vedremo un uso maggiore dei Social Media soprattutto sul fronte del Social Caring. Già molte aziende sono solite utilizzare i Social come strumento di assistenza al cliente, il che, se fatto bene, può portare ottimi risultati.

Quale è stato il progetto di maggior successo?

Frequentando un master online in Social Media Marketing ho avuto la possibilità di lavorare ad un progetto per un famoso brand sportivo italiano. È stata suggerita una Social Digital Strategy, una strategia di sales boosting e una di storytelling.

È stata un’esperienza fantastica che mi ha permesso di lavorare con grandi professionisti del settore.

Danilo Polidori

Danilo Polidori, Online Media Manager e fondatore di MediaBuzz, inizia la sua giornata alle 6:00 am con una corsa di 50 minuti a Battersea Park durante la quale raccoglie idee ed energie per affrontare con positività la giornata. Crede con fermezza che lo sviluppo tecnologico e dell’economia digitale rappresenti l’occasione per internazionalizzare le eccellenze produttive del nostro paese e tornare grandi.

More PostsWebsite

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterest

Trackbacks/Pingbacks

  1. Social e webwriting: intervista ad Alessandro Pozzetti | MediaBuzz - […] non mancano mai specialisti del settore writing. Tra i primi che abbiamo intervistato ricordiamo Michele Papaleo, oggi invece è…

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.