Come migliorare i metodi di acquisto e pagamento per ecommerce

Come migliorare i metodi di acquisto e pagamento per ecommerce
[Total: 1 Average: 5]

Metodi di pagamento per ecommerce: cosa significa per te? Se lavori con uno shop online devi, per forza, prendere in considerazione questo punto molto delicato. Anzi, direi cruciale per la buona salute del tuo shop online.

Le persone sono sempre molto attente a ciò che ruota intorno al pagamento. L’attenzione è massima quando si inseriscono i numeri per individuare la carta di credito e definire i parametri necessari per versare la somma. Se il tuo ecommerce risulta manchevole su questo versante rischia di generare una serie di problemi che si ripercuotono su tutte le transazioni.

Risultato? Fallimento su tutta la linea, perdite di denaro investito in advertising e metodi per promuovere lo shop online, spreco di tempo e risorse preziose. Tu vuoi questo? No, allora ecco le strategie per migliorare i metodi di pagamento per ecommerce. E implementare i ricavi del tuo impegno online.

Per approfondire: quanto costa fare pubblicità a un ecommerce?

Offri più soluzioni di pagamento online

Le persone vogliono scegliere come pagare, e pretendono rassicurazioni precise su questo punto.  Devi essere in grado di accettare tutte le carte di credito più importanti, ma non dimenticare chi sceglie soluzioni alternative ma comunque molto diffuse. Sto parlando soprattutto di PayPal e PostaPay.

metodi di pagamento: diffusione
Metodi di pagamento per ecommerce – Fonte immagine

Non tutti usano Mastercard, Visa e American Express per comprare online: spesso le persone sfruttano carte prepagate e conti correnti digitali per pagare i propri acquisti su un ecommerce. Il primo punto è quello di essere disponibile ad accettare questi versamenti. Che, in definitiva, sono tre:

  1. Carta di credito.
  2. Prepagata.
  3. Pagamenti digitali.

Esistono altre combinazioni? Tra i metodi di pagamento per ecommerce si possono prevedere il bonifico bancario o il contrassegno, ma sono soluzioni che stanno perdendo diffusione. In primo luogo per i tempi necessari alla conferma del pagamento, poi per la praticità ed eventuali commissioni.

Dai più possibilità di acquisto online

Non esiste solo chi vuole comprare un prodotto per sé, ci sono individui che acquistano dall’ecommerce per fare un regalo a parenti e amici. O devono rifornire la propria azienda o i colleghi, magari i dipendenti. Questo vuol dire permettere alle persone di procedere con un metodo di pagamento.

Ad esempio con partita IVA, così è possibile scaricare le spese con maggior facilità. Può essere una buona soluzione offrire una serie di combinazioni alternative, dei collegamenti rapidi per chi ha determinate esigenze fiscali e vuole acquistare buoni regalo da regalare ad altre persone. Insomma, ricorda che non tutti acquistano e pagano allo stesso modo. Questo può fare la differenza.

Metti in risalto preferenze di pagamento

Questa è una delle soluzioni più interessanti per rendere tutto più efficace: devi fare in modo che le persone non solo possano usare diversi metodi di pagamento, tra questi le varie soluzioni digitali come PayPal, ma devi rendere nota questa opzione e rassicurare l’utente che arriva sulla scheda.

Come pagare il tuo ordine – Fonte Zalando

Come sciogliere questo problema? Semplice, puoi aggiungere un’immagine capace di riassumere quali metodi di pagamento usare per gli acquisti. Lo stimolo visivo risolve in un attimo i dubbi dell’utente che può procedere con l’acquisto. A meno che non ci siano ulteriori problemi. Ad esempio? Continua a leggere.

Rendi il procedimento più semplice e snello

Uno dei passaggi fondamentali per aumentare le vendite dell’ecommerce: rendere il metodo di pagamento per ecommerce più semplice, eliminando tutti gli scogli e le incomprensioni. Ad esempio campi da compilare inutili, verifiche superflue e controlli ridondanti.

La sicurezza è sempre importante, questo non lo metto in dubbio. La l’user experience, però, non deve essere messa in ombra ed è giusto ragionare in modo da rendere il processo comprensibile a chi ha poca confidenza con gli strumenti del web. Una delle riflessioni più importanti riguarda proprio il form.

Ovvero i campi per completare l’ordine e pagare il bene. Secondo Jakob Nielsen, padre dell’usabilità online, è importante non solo togliere i campi che non servono ma anche spiegare cosa desideri.

campo ecommerce

La soluzione migliore, secondo l’esperto di UX, è questa: campo vuoto, quindi senza ghost text, ma con titolo e didascalia in grado di spiegare cosa desideri dall’utente. Il metodo di pagamento per ecommerce deve essere chiarito senza indugi. Tipo attraverso un lavoro di micro copywriting.

La certezza può fare molto per il pagamento

Ricorda di verificare almeno i principi della sicurezza online quando decidi di passare a una condizione di vendita online. Se vuoi avere la massima ottimizzazione del processo ti consiglio di lavorare sempre su:

  1. Inserimento di un protocollo SSL.
  2. Comunicazione di tutti i passaggi.
  3. Presenza di una chat interna.

L’HTTPS è un punto imprescindibile per chi gestisce un portale, e lo stesso vale per una finestra di comunicazione con il back office. Tutti i metodi di pagamento per ecommerce possono avere problemi, ma se si blocca un procedimento l’utente può e deve contattare l’ufficio in modo da essere tranquillizzato. Questo ti consente di evitare abbandoni e aumentare i profitti dell’ecommerce.

Da leggere: come promuovere un negozio su internet

Metodi di pagamento per ecommerce

Questo è il tuo scopo: ottimizzare lo shop online per portare persone verso la tua realtà e poi fare in modo che tutto proceda nella conversione. Come avviene tutto ciò? Grazie a una serie infinita di fattori.

Tra questi spiccano quelli che influenzano i pagamenti. Bisogna fornire i mezzi giusti per pagare, ma non solo dal punto di vista delle carte di credito: devi far capire che ti puoi fidare di una determinata realtà (la tua). Sei d’accordo su questi punti? Affrontiamo questo argomento insieme nei commenti del post.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *