Cosa devi fare quando curi le meta description per le schede ecommerce

Cosa devi fare quando curi le meta description per le schede ecommerce
[Total: 1 Average: 5]

Cosa fa la differenza in uno shop online? Te lo dico io: i dettagli. La base di partenza è decisiva ma quando trovi tempo e risorse per curare le sfumature stai facendo il passo importante. Sul serio. Pensa, ad esempio, alle meta description per schede ecommerce: molti le ignorano completamente ma svolgono un grande ruolo.

In poche parole, contribuiscono ad aumentare il click through rate delle pagine web che si posizionano su Google. Prima di tutto viene il tag title, decisivo per il posizionamento SEO e per suggerire a Google la keyword più importante. Poi c’è la sempre valida meta description. Che non viene usata dal motore di ricerca per il posizionamento, quindi è inutile vederla come semplice testo in ottica SEO.

Però ha un ruolo decisivo quando si parla di persuasive copywriting. Vuoi promuovere il tuo ecommerce? Devi posizionare le pagine web, ma soprattutto devi fare in modo che le persone arrivino sulle risorse dedicate alla vendita online. Se non fai questo, se non lavori in questa direzione, tutto il resto è inutile. Ecco perché le sfumature sono importanti, e devi lavorare sodo per migliorare le meta description.

Da leggere: come fare pubblicità a un ecommerce

Non ti concentrare solo sulle keyword, grazie

Nell’ottimizzazione SEO delle schede ecommerce ti hanno detto di inserire le parole chiave più importanti nella meta description. Ed è vero, va bene così. Ma non è sufficiente se devi lavorare sul CTR, vale a dire sul rapporto tra impression e click. Un bravo web copywriter non mette le parole chiave come un automa, e solo per accontentare i fanatici del pallino verde su WordPress SEO by Yoast.

Il lavoro da svolgere è ben più importante e guarda verso i risultati concreti. Quindi, se vuoi ottimizzare le meta description delle schede ecommerce ricordati di usare call to action nel testo e di invogliare l’utente a cliccare usando leve persuasive. Come sconti, spedizioni gratuite, ultimi giorni di offerta, numero di clienti soddisfatti e altro ancora. Usa la creatività, leggi il prossimo passaggio per approfondire.

Punta sul persuasive copywriting quando scrivi

La meta description per ecommerce non deve essere un elenco di keyword ma un esempio di testo persuasivo. Anzi, di micro-contenuto perché lo spazio che hai a disposizione è minimo. Ecco perché funzionano bene i numeri (diretti e sintetici) ma anche i simboli che aiutano a racchiudere il senso della comunicazione. Uno su tutti quello dell’euro che ti dà la possibilità di risparmiare su diverse battute.

Battute che nella description sono oro. Metti sempre al centro l’utente, parla dei benefit che può trovare nell’acquisto e inserisci, se possibile, un riferimento all’urgenza e alla disponibilità limitata: quando le risorse sono finite scatta nell’individuo il bisogno di averle e di conquistarle.

Ogni scheda vuole una meta description unica

Una regola da seguire sempre, con cura certosina: ogni pagina web vuole una meta description unica. Lo so, questo è un peso per chi ha portali con migliaia di pagine. Ma è il tuo lavoro e lo devi portare a termine iniziando dalle risorse più importanti, quelle che monetizzano e ti consentono di andare avanti.

Sto parlando proprio di questo: le meta description per schede ecommerce. Vale a dire micro-contenuti che puoi aggiungere grazie a plugin specifici, almeno per quanto riguarda WordPress.

Le schede dello shop online hanno bisogno di un’attenzione in più. Google suggerisce di non duplicare le descrizioni e di lasciare i campi vuoti nel peggiore dei casi, così sarà il motore di ricerca a individuare il testo utile per completare questo campo. Ma se vuoi promuovere il tuo ecommerce nel miglior modo possibile non puoi lasciare questo punto al caso: devi aggiungere il miglior testo per invogliare gli utenti a fare qualcosa. Ovvero a visitare la scheda ed effettuare l’acquisto, ovviamente se possibile.

Vai oltre la lunghezza della meta description

Sì, la lunghezza della meta description è importante: se è troppo lunga Google la tronca. C’è da dire che spesso Mountain View inserisce delle descrizioni di propria iniziativa, prendendo spunto dal testo che hai inserito nella pagina. Ma qual è il numero di battute utile per creare una meta description di qualità?

Poi c’è stato un cambiamento, passando da 160 a 230. Vuoi leggere qualcosa in più sul tema? Puoi approfondire dando uno sguardo a questo post: Google officially increases length of snippets in results.

Google ha iniziato a mostrare description più lunghe. Non sempre però, e molti voci di corridoio suggeriscono un ritorno alle origini. Quindi, se cambi le tue meta description o le ottimizzi per la lunghezza massima ti troverai con del testo troppo lungo. la mia idea? Rimanere nei limiti precedenti. Usa WordPress SEO by Yoast per avere un’idea dello snippet in preview e rimani nelle 140 battute.

Verifica le meta description nella search console

Una meta description può essere meglio di un’altra, ma come fai a verificare questo dato? Molto semplice, vai nella search console del tuo sito web e individua nell’analisi delle ricerche le pagine che hanno maggior traffico. Ora verifica il click through rate ed estrapola solo le pagine che hanno un rapporto squilibrato, quindi con molte impression e poche visite: c’è qualcosa che non va, non credi?

Perfetto, a questo punto puoi modificare le meta description e aspettare i nuovi risultati: se il CTR migliora vuol dire che il problema era proprio in questo testo. Per velocizzare l’operazione, dopo aver cambiato la meta description puoi inviare l’URL al tool Verifica come Google presente sempre nella search console.

In questo modo suggerisci al motore di ricerca di scansionare la pagina e le modifiche. Altrimenti devi aspettare che il crawler passi sulla risorsa in automatico e non sempre i tempi sono minimi.

Per approfondire: Come fare SEO per ecommerce (sul serio)

Le tue meta description per schede ecommerce

Hai già iniziato a ottimizzare le meta description per schede ecommerce? Questo lavoro può portare grandi vantaggi al tuo shop online. Soprattutto se abbandoni l’approccio del pressappochismo e inizi a lavorare monitorando le performance delle singole pagine. Lo so, ci vuole impegno e competenza per fare tutto questo. D’altro canto nessuno ha mai detto che sarebbe stato facile gestire un ecommerce.

Ecco perché esistono delle figure specializzate per fare questo, dei SEO specialist specializzati nel mondo degli shop online e degli ecommerce manager che operano ogni giorno nel settore delle vendite online.

Tu come ti muovi in questi casi? Ottimizzi le meta description in ottica SEO oppure no? Quale strada hai scelto per meta description per schede ecommerce? Lascia la tua esperienza nei commenti.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.