Meme marketing: come e perché usare i meme nella strategia di contenuti

Meme marketing: come e perché usare i meme nella strategia di contenuti
[Total: 1 Average: 5]

Hai sentito parlare di meme marketing? Forse no, ma ci sono diverse realtà aziendali (anglosassoni, ma non solo) che usano questi contenuti per coinvolgere il pubblico e veicolare significati, valori e informazioni. Lo so cosa stai pensando: i meme sono parte della strategia di content marketing?

Certo, non deve stupirti questo passaggio. Ci sono varie sfumature per ottimizzare la tua attività di digital marketing, la comunicazione ha volti differenti e anche una multinazionale può decidere di aggiornare il pubblico con un messaggio alternativo. Non con il solito link o la grafica inamidata.

Tutto si basa sulle reazioni del pubblico, su cosa vuole e cosa apprezza. Quindi, se i test hanno dato un buon risultato con il meme marketing, perché non sfruttare questa tecnica per portare buoni risultati e implementare la tua attività di inbound marketing? Ecco qualche consiglio per ottenere il massimo.

Per approfondire: la guida per fare influencer marketing

Cos’è un meme: definizione

Prima di affrontare questo tema è giusto dare una definizione: cos’è un meme? Questo concetto è particolarmente profondo, ha radici profonde come suggerisce questa pagina di Wikipedia. Per quanto riguarda il fenomeno internet però questo elemento può essere inteso come un significato condiviso da una nicchia e che viene riprodotto, declinato e adattato alla singola esigenza attraverso immagini e video.

Il termine meme è usato per indicare delle immagini divertenti, ottenute modificando con delle scritte generalmente in font Impact la foto di un meme vero e proprio. In questo modo si dà una sorta di didascalia parodica alla foto originale.

Come puoi ben capire questa soluzione permette a un content marketing team di lavorare bene. Perché ci sono diversi strumenti online per creare meme da basi predefinite. Hai un archivio di immagini già pronte e dei campi da compilare per personalizzare il meme come preferisci. Anche se nei progetti più importanti si preferisce di lavorare con software indipendenti come Photoshop.

Usare i meme nella content strategy

Il modo migliore per usare i meme nella tua strategia di web marketing: individuare in primo luogo le caratteristiche del target. Non tutti sono predisposti a intercettare il significato e l’ironia del visual, quindi se il tuo pubblico non condivide il significato del meme rischi di fallire. E di far danni.

Stesso discorso vale se lavori senza originalità e mordente. Puntare sul meme non vuol dire solo condividere immagini divertenti e sperare che cresca l’engagement: il messaggio deve essere tagliato intorno alle tue esigenze, non limitarti a condividere meme solo perché sono famosi.

meme content marketing

Meme marketing, un esempio di fail. Fonte immagine

Attenzione ai risvolti negativi, possono dar vita a dei epic fail difficili da arginare. Perché non sempre sono la soluzione giusta per veicolare il messaggio dato che fanno leva sull’ironia. Determinati argomenti devono essere trattati con la dovuta serietà come mostra il caso della FAFSA (Federal College Financial Aid) che affronta un tema delicato come l’indigenza con un meme. Questo ha portato a delle scuse ufficiali.

Come creare meme online: siti e app

Per generare meme puoi usare i tuoi programmi di grafica. Ma è vero che ci sono delle soluzioni online pensate per fare solo questo. Vale a dire per creare immagini di questo tipo in modo semplice e veloce, ecco una lista di siti che puoi usare per creare meme gratis online con immagini, GIF e video.

  1. imgflip.com/memegenerator
  2. memegenerator.net
  3. makeameme.org/memegenerator
  4. www.quickmeme.com
  5. memecreator.org
  6. www.memecenter.com

Ricorda che per dare completezza al tuo progetto puoi sfruttare knowyourmeme.com per approfondire il significato della singola immagine. Questo portale offre una descrizione dettagliata di ogni visual, mostrando evoluzione e spiegandone il significato. Una manna dal cielo se vuoi usare questi contenuti.

Avere piena coscienza del significato dei meme ti può dare la possibilità di evitare errori di valutazione. Basta una piccola attenzione consultando questa vera enciclopedia online dei meme per risolvere molti problemi.

Esempi di aziende che usano meme

Chiaro, adesso vuoi sapere se ci sono esempi chiari di aziende che fanno meme marketing e che sfruttano questi elementi per portare engagement verso i propri canali, e per fidelizzare la propria audience. Ce ne sono in abbondanza ma quelli che meritano attenzione, secondo me, sono pochi.

I meme sono semplici da condividere, veicolano contenuti comuni a una nicchia, semplificano concetti complessi. Possono fare molto se li sai usare bene. Qualche consiglio in più? Guarda cosa fanno le grandi aziende per lavorare sul meme marketing e memevertising (advertising con i meme).

gangnam style meme

La intel e il meme Gagnam Style

Sopra abbiamo l’Intel che riprende lo stile di ballo introdotto da Gangnam Style, un personaggio così famoso da essere diventato meme. Sotto invece c’è la Ceres che riproduce il meme del gatto arrabbiato (angry cat) per creare una delle classiche grafiche che sulla pagina Facebook attirano migliaia di like.

meme aziende

Rivisitazione del meme angry cat della Ceres

La General Electric sfrutta la notorietà dei meme per creare contenuti virali. Lo spunto arriva dal meme Hey Girl che ha come protagonista Ryan Gosling, attore particolarmente seducente. L’azienda ha sostituito questo personaggio con Thomas Edison generando una serie di immagini divertenti.

General Electric meme

Il meme della GE

C’è molto materiale dal quale prendere spunto. Le aziende italiane si lanciano nel meme marketing per ottenere, in modo intelligente, il coinvolgimento del pubblico. Il meme è un contenuto con un significato condiviso, e la prima regola è fare in modo che quell’immagine o quel video sia condiviso con il pubblico dal punto di vista del significato. Altrimenti il lavoro di meme marketing diventa inutile.

Da leggere: i migliori tool per fare social media marketing

E tu fai già meme marketing?


Io credo che il meme marketing sia un buon punto d’appoggio per ottenere buoni risultati nella tua attività di social media marketing, migliorare i post che pubblichi sul tuo blog aziendale e, in generale, migliorare la tua content marketing strategy. Con la giusta attenzione, è chiaro. Ma attenzione ai dettagli.

Esagerare con i meme può essere un errore, non sempre il target è allineato con l’evoluzione semantica di questa comunicazione. Sei d’accordo? Hai già sperimentato il rapporto tra il tuo brand e la comunicazione con i meme? Lascia la tua opinione nei commenti e affrontiamo insieme questo tema così delicato.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.