I migliori parametri per l’analisi dei backlink

Argomenti del postVarietà del profilo link: la chiaveMigliori tool per la tua analisi linkTipo di link ricevuto dalle fontiAnchor text dei link in ingressoSito web da cui arrivano i linkTempo di crescita del profilo linkPosizione della menzione onlineAnalisi link: chi deve occuparsene? Oggi ci sono una serie di metriche sintetiche che ti consentono di fare una buona analisi backlink. Zoom e Domain Authority, ad esempio, sono due parametri proprietari (quindi ideati da aziende che vendono un prodotto) per dare una valutazione del sito. E, di conseguenza, attribuire un voto ai link che partono da questo dominio. Cosa significa ciò per chi si occupa del settore? Se ricevo una menzione da un portale con una Zoom Authority alta posso essere soddisfatto. Ma è sufficiente per portare a termine un buon lavoro SEO? Chi lavora con le digital PR, inoltre, può accontentarsi di questo? No, ecco una serie di valori da monitorare durante l’analisi backlink professionale di un sito web. Varietà del profilo link: la chiave Ti presento uno dei parametri per iniziare un’analisi link degna di questo nome. Google, nel valutare i collegamenti in ingresso che arrivano in un sito, prende in considerazione la capacità di restituire un profilo naturale. Non inquinato da tecniche sovversive per acquisire link in modo automatico. Per questo è sempre più importante lavorare con il content marketing, in modo da fornire un buon motivo per essere linkati. Magari con il contributo delle digital PR che alimentano rapporti virtuosi tra autori ed editori. Però è anche vero che una buona analisi link deve valutare la presenza di pattern, modelli che indicano un comportamento replicato. Ecco i...

Quali sono le competenze di un influencer?

Argomenti del postAllineamento con il target specificoCompetenza in un settore specificoIl numero dei follower/fan o visiteEngagement: il buon coinvolgimentoQuali competenze di un influencer? Perché scegliere proprio lui o lei? Quali sono le competenze di un influencer indispensabili per avere dei buoni risultati? La risposta può variare in base all’obiettivo ma ci sono una serie di punti che non puoi ignorare. A prescindere dal tipo di risultato. Questa riflessione è indispensabile oggi, in un momento storico in cui il successo su Instagram diventa moneta di scambio per lavorare con le aziende che vogliono pubblicità in grado di intercettare sul serio il pubblico. Questo è inbound marketing, un modo per farsi trovare nel momento in cui le persone hanno bisogno di te. E non puoi basare tutto questo su semplici idee e sensazioni. D’altro canto se vuoi diventare un testimonial importante per un brand devi sapere cosa sviluppare, le abilità incentivare. Allora, quali sono le competenze di un influencer da alimentare? Da leggere: come fare influencer marketing per Instagram Allineamento con il target specifico L’influencer deve essere in grado di entrare in sintonia con le persone che ti interessano, un’audience definita. In realtà tutto dipende dal tipo di figura che stiamo osservando: ci sono i grandi testimonial, quelli che parlano a un pubblico indifferenziato, e i micro o nano influencer che si specializzano rispetto a una nicchia precisa. Ed è molto più facile diventare un riferimento per una singola cerchia Difficile essere un grande nome di fama internazionale. Inoltre molte aziende cercano proprio queste figure perché riescono a ottenere credibilità e competenza agli occhi del pubblico che ti interessa. Quindi, quali sono...

6 strategie per siti web in grado di trovare clienti

Argomenti del postMonopagina per intercettare clientiUna landing per ogni servizio onlineBlog aziendale e inbound marketingInfoprodotti e strategie per siti webLead generation con il tuo magnetVendere online con l’ecommerceStrategie per siti web: la soluzione? Le strategie per siti web sono indispensabili per ottenere buoni risultati rispetto alla necessità di tutti gli imprenditori e le aziende. Vale a dire il desiderio di trovare nuovi clienti online. L’idea è quella che si trova alla base dell’inbound marketing: ti fai trovare nel momento in cui le persone hanno bisogno di te. Perché questo è l’aspetto fondamentale: il sito web non deve essere un banale volantino digitale. Anche se vuoi creare un semplice monopagina (dopo vediamo come e perché) puoi fare in modo che i tuoi sforzi siano rivolti verso la conversione. E la possibilità di intercettare persone interessate al tuo lavoro. Avere un team di digital marketing a tua disposizione è importante, perché così puoi organizzare le attività SEO, SMM e advertising in base alle tue esigenze. Ma tutto parte dalle buone strategie per siti web. Qualche idea in particolare? Ecco le soluzioni che preferisco per me. Da leggere: i migliori strumenti per fare inbound marketing Monopagina per intercettare clienti La soluzione più semplice e interessante per chi non vuole investire troppo. In realtà non tutti i progetti hanno bisogno di un vero e proprio portale. A volte si possono attivare strategie per siti web basate su idee semplici e immediate. Ma altrettanto funzionati. Questo è il caso del sito web monopagina. Deve essere pensato come un’unica landing page: la home è una base atterraggio composta da headline con call to action, buoni...

Come sfruttare il dark social per aumentare le visite del blog

Argomenti del postInserisci pulsanti per condividere via emailWhatsApp, SMS e Telegram button per mobileCopia e incolla: usa bene il testo selezionatoMigliori plugin WordPress per il dark socialStai sfruttando il Dark Social sul serio? Il dark social è tutto ciò che riguarda la condivisione dei contenuti attraverso canali che non vengono resi pubblici e non possono essere misurati con la stessa semplicità delle piattaforme che operano alla luce del sole. Ad esempio, con Tweetdeck e Hootsuite puoi tracciare le condivisioni di Twitter e Mention ti suggerisce tutte le citazioni sulle pagine web. Buzzsumo è il punto di riferimento per questo lavoro, puoi conoscere tutto quello che succede su Facebook, Pinterest, Twitter e altre piattaforme. Ma c’è un problema: come affrontare ciò che viene condiviso su Skype, su SMS, WhatsApp, email e altri sistemi di chat come Messenger? Non è facile avere dati concreti, ma un punto è sempre evidente: devi sfruttare le sfumature di questo settore. Quali sono i volumi del dark social? Anche perché rappresenta una buona parte delle possibili condivisioni. Questo report suggerisce numeri importanti a favore del dark social. Credi che siano eccessivi? In ogni caso ti assicuro che per sfruttare queste dinamiche basta qualche attenzione in più sull’aspetto delle condivisioni. Ecco come usare al meglio gli share attraverso chat, email e messaggi privati. Tutto questo può fare la differenza. Da leggere: come aumentare gli share dei post Inserisci pulsanti per condividere via email La prima attenzione da muovere nei confronti del dark social: usa dei button di condivisione con l’opzione dedicata all’email. Quindi alla possibilità di aprire in automatico il programma di posta elettronica definito dal...

Cosa fa un’agenzia di digital PR?

Argomenti del postCos’è una digital PR agencyCosa può fare un’agenzia PRSEO e digital PR agencyVuoi lavorare con le digital PR? Quante volte hai immaginato di rivolgerti a una digital PR agency e non lo hai fatto perché hai pensato di poter fare diversamente? E magari impegnare l’investimento in qualcosa di diverso tipo un’azione di link building, social media marketing o SEO on-site. Purtroppo questo può essere un problema per la tua attività. O meglio, rischi di perdere delle occasioni interessanti. Perché il lavoro che può svolgere un’azienda che si occupa in modo specifico dell’azione di digital PR non ha eguali. Non tutti hanno bisogno di una cura particolare nelle relazioni digitali, ma è un peccato ignorarne l’importanza a priori. Il motivo? Ecco cosa fa una digital PR agency e perché dovresti prendere in considerazione l’idea di chiedere un preventivo. Da leggere: come trovare lavoro nelle digital PR Cos’è una digital PR agency Questo termine indica un’azienda che si occupa di tutto ciò che riguarda la necessità delle imprese di coltivare e creare delle relazioni reali e virtuose con blogger e influencer. Tra le figure decisive all’interno di una realtà del genere troviamo individui in grado di gestire i linguaggi del giornalismo digitale, con la stesura di comunicati stampa e di email per contattare le persone attive sui vari compiti. Che potrebbero essere legati a un’operazione di lancio rispetto a un nuovo prodotto o servizio, o magari alla pianificazione dell’attività per dare rilievo a un appuntamento. In particolar modo la digital PR agency può occuparsi delle fasi precedenti l’evento, con invio di comunicati stampa alle testate giornalistiche online. Chiaramente tutto...

Come creare un video per Instagram

Argomenti del postPerché creare video su Instagram?Dove pubblicare i contenuti video?Come creare video per InstagramApp per creare clip su InstagramLa tua esperienza con le clip social Se ti occupi di social media marketing può essere utile capire come creare un video per Instagram che ti permetta di avere più follower, visualizzazioni e Mi Piace. Perché in fin dei conti sei su questa piattaforma per un motivo: soddisfare le esigenze. Per fare ciò, e raggiungere l’obiettivo di generare engagement virtuoso e reale, hai bisogno anche dell’ambito visual storytelling. È importante capire come creare video su Instagram, interessanti, capaci di adattarsi alle diverse soluzioni. Qualche dettaglio in più su questo tema? Ecco le regole che ti aiuteranno a generare i migliori punti per la tua strategia di content marketing video sui social. In particolar modo, puoi trovare una serie di vantaggi per Instagram. Da dove iniziare? Continua a leggere per approfondire. Da leggere: come creare le storie di Snapchat Perché creare video su Instagram? Semplice, funzionano bene. Hanno un grado di coinvolgimento elevato e trasformano la piattaforma in una sorta di hub multimediale per rimanere aggiornato e, soprattutto, creare intrattenimento. Ecco i dati di Mention e Hootsuite: c’è stato un aumento dell’80%, anno dopo anno, per i video su Instagram: le pubblicazioni giornaliere di questi contenuti è quadruplicato a partire dal 2017. Le clip animate funzionano su Instagram. E i risultati sono interessanti: i post video ricevono un numero significativamente più alto di commenti – e di engagement in generale – rispetto ad altri tipi di contenuti, più del doppio in confronto alle foto. Sei un influencer? Conosci...

Come diffondere un comunicato stampa

Argomenti del postA chi mandare il comunicato stampaCome spedire comunicati via emailAllegati, corpo mail, oggetto messaggioQuando mandare il comunicato stampa?Come inviare un comunicato stampa Ogni digital PR manager dovrebbe sapere come inviare un comunicato stampa ai contatti. Eppure, troppo spesso, questi principi della buona comunicazione online e della promozione attraverso i canali del web vengono ignorati. Quindi inizia l’invio di elementi ai limiti dello spam: con preghiera di pubblicazione, massima diffusione e altre formule inflazionate non ti aiuteranno a ottenere il risultato sperato. Nel mondo delle digital PR il comunicato stampa ha il suo peso. E deve essere scritto in un certo modo. Ma anche le tecniche di diffusione e divulgazione hanno il loro peso. Quindi come inviare un comunicato stampa? Ecco una serie di regole da seguire con grande attenzione per avere buoni risultati. Da leggere: tecniche di link building e SEO per digital PR A chi mandare il comunicato stampa Come tradizione, questo documento viene condiviso con i giornalisti che devono scrivere un articolo dedicato a un argomento. Questa è la versione ufficiale di un ente, organo, azienda, professionista o associazione per aggiornare i professionisti della comunicazione attraverso una voce unica. Nel lavoro di digital PR, però, il comunicato stampa non si scrive solo per questa categoria di comunicatori. Anche le campagne di influencer marketing hanno bisogno di questo documento perché chi collabora alla diffusione di un brand deve conoscere i punti salienti del progetto da pubblicizzare. Lo stesso discorso vale per i blogger che vuoi coinvolgere in un’iniziativa promozionale. Ad esempio, stai organizzando un blog tour e vuoi ragguagliare i collaboratori? Devi sapere come inviare un...

Guida SEMrush Italia: come funziona? Coupon prova Gratuita SEMrush!

Argomenti del postSEMrush Coupon Gratis prova gratuitaRecensione SEMrush: a cosa serve e cosa fa?Le funzionalità di SEMrushCome seguire un progetto con SEMrushI prezzi e gli abbonamenti di SEMrush SEMrush è uno degli strumenti più avanzati per il posizionamento dei siti internet, siano essi e-shop, blog, siti aziendali o portali di informazione. La sua forza risiede, oltre che negli avanzati tool di monitoraggio, nei tutorial per posizionare o ottimizzare la struttura dei singoli articoli sui vari motori di ricerca. SEMrush Coupon Gratis prova gratuita Prima di esplorare insieme tutte le funzionalità di SEMrush ti consiglio di creare un account gratuito approfittando del Coupon SEMrush gratis (Coupon Gratis SEMrush cliccando il link)Alla fine dei 7 giorni di prova potrai scegliere se abbonarti o meno. La suite ci permetterà di capire quali sono le keywords vincenti per aumentare il traffico del nostro sito web, suggerirà come strutturare le pagine per farle salire nelle ricerche di determinate chiave e ci metterà a disposizione un database di backlink e siti concorrenti estremamente vasto. Basti pensare che l’all-in-one di SEMrush raccoglie informazioni e dati su ogni Paese. Sia che tu abbia un sito in italiano che si rivolge al pubblico nazionale, sia che tu voglia posizionarti sui mercati esteri, avrai quindi a disposizione in tempo reale tutte le informazioni sulle parole chiave e sul lavoro dei concorrenti diretti necessarie a impostare una strategia SEO vincente. Prova Gratis SEMRush per 7 Giorni – clicca qui e registrati! Recensione SEMrush: a cosa serve e cosa fa? Le funzionalità di SEMrush sono moltissime. La suite permette l’identificazione delle keywords con alto volume di ricerca e ancora poca competizione,...

Cosa fa il Digital PR Manager?

Argomenti del postChi è il digital PR managerCosa fa il digital PR managerCosa studiare e come diventare PRCome trovare lavoro nelle digital PRMeglio lavoro freelance o in agenzia?Digital PR Manager: la tua opinione Il digital PR manager è una figura chiave, un elemento fondamentale per la tua attività di promozione online. In particolar modo per chi vuole sfruttare una delle chiavi decisive del lavoro sui social media: la creazione di relazioni stabili, virtuose, efficaci nel tempo e durature. Questo è molto importante. Spesso si ragiona solo in termini SEO, si cerca di operare per ottenere buoni link in ingresso. Allo stesso modo si lavora con il native advertising per promuovere il proprio brand. Dimenticando che tutto questo ha come base di partenza la possibilità di relazionarsi al meglio con le persone. Che potrebbero essere proprietari di blog, influencer su Instagram, giornalisti e gestori di testate online. Per fare pubblicità a un evento o a un brand c’è bisogno di una buona sinergia di competenze e attività, per questo il digital PR manager è fondamentale. Ma qual è il suo ruolo? Scopriamolo insieme. Da leggere: Digital PR: cosa sono e come usarle per creare relazioni con gli influencer Chi è il digital PR manager Si tratta di una figura professionale, inserita nell’ambito del web marketing, che si occupa delle relazioni digitali. Prende come riferimento il lavoro già delineato delle PR, vale a dire le public relation. Parlo dei legami che si costruiscono attraverso diversi canali. Come quelli che riguardano quotidiani, comunicati stampa, rapporti con i giornalisti, testimonial, influencer su Instagram e gate keeper. Vale a dire le persone che hanno...

5 funzioni di Instagram per usare il tuo profilo al massimo

Argomenti del postOttimizza profilo per farti trovare dai followerTagga i prodotti da vendere su InstagramFunzioni di Instagram e hashtag: analizzaSalva i post che ti interessano nei bookmarkTrasforma le storie in una newsletter specificaFunzioni di Instagram: quali sono le preferite? Ci sono funzioni di Instagram che possono fare la differenza anche se non sono molto evidenti. Nella maggior parte dei casi ci limitiamo a scattare foto, mettere filtri, aggiungere hashtag e menzioni agli amici. Ma poi? Come procedere? Quali sono i consigli e le soluzioni utili per ottenere buoni risultati e sfruttare al massimo questo social network? In realtà sembra quasi limitativo definirlo così: ormai quest’applicazione rappresenta un punto di riferimento per persone che rientrano in quella fascia d’età che va dai 18 ai 35 anni. Qui gli utenti prendono idee, si lasciano ispirare, decidono acquisti. Tu vuoi esserci al meglio? Ecco le funzioni di Instagram per usare il tuo account al massimo. E per raccogliere i frutti che una buona attività editoriale può portare al tuo brand. Da leggere: consigli per Instagram Ottimizza profilo per farti trovare dai follower Ci sono tanti modi per aumentare i seguaci su Instagram. Uno dei più semplici e immediati: ottimizza il testo della bio per farti trovare dalle persone giuste. In che modo è possibile? Semplice, questo testo che serve a descrivere la tua attività viene usato da Instagram per rispondere alle ricerche degli utenti. Quindi fa parte degli elementi utili per farti trovare dalle persone che cercano determinati argomenti. Questo è possibile se nella biografia usi le keyword giuste. Non ti sto dicendo di riempire questo spazio con parole chiave senza senso,...