Quali sono i principali errori del tuo ecommerce?

Argomenti del postProblemi SEO: scansione del sito webSEO on-page: cura i contenuti dello shopAttenzione a tag title e H1 delle pagineLink interni e struttura URL delle pagineTempi di caricamento e protocollo HTTPSErrori ecommerce: cosa fai per risolvere? Gli errori ecommerce più importanti sono quelli che impediscono al tuo negozio online di portare a termine le tue vendite. E ti posso assicurare che l’elenco dei possibili bug da risolvere in questo campo è infinito. Sul serio, senza limiti. Puoi incrociare un problema a ogni passo. Dal web design all’usabilità, ogni passaggio è fondamentale quando decidi di vendere online. Ma sai bene che l’ottimizzazione SEO di un ecommerce è un passaggio chiave per farti trovare dai tuoi potenziali clienti. Ed è qui che si annidano i principali drammi e nodi da risolvere. Hai già qualche idea? Certo, il contributo di un esperto SEO specializzato nel posizionamento di siti ecommerce è decisivo. Però puoi trovare una marea di informazioni utili in questa ricerca di Semrush, nata dall’audit interno che ha analizzato 1.300 negozi online. Il risultato? Ecco una sintesi valida. Per approfondire: come pubblicizzare un negozio online Problemi SEO: scansione del sito web Uno degli errori tipici dei tuoi ecommerce: rendere la struttura semplice da scansionare, un passaggio indispensabile per consentire a Google di scoprire le risorse migliori. Nella maggior parte dei casi ci sono carenze evidenti nei siti web che pretendono di vendere online beni e servizi. Non è facile procedere. I vari problemi tecnici di un ecommerce. Come puoi vedere da questo grafico ci sono errori ecommerce strutturali da risolvere. Tra questi cito la profondità delle pagine, troppo lontane dalla...

Come trovare link in ingresso gratis (o senza spendere un patrimonio)

Argomenti del postOperare bene con guest post di qualitàCrea un rapporto virtuoso con le Digital PRTrasforma se puoi le menzioni in link realiNon ignorare i link nofollow verso il sitoFare link building gratis: la tua opinione L’idea di fare link building gratis è interessante, vero? Per quanto se ne possa dire, questo passaggio è sempre al centro delle attenzioni di chi vuole ottenere il miglior risultato possibile dal proprio sito web. Il motivo: posizionare un sito su Google vuol dire muoversi su due fronti diversi ma collegati. Sto parlando della SEO on-page, vale a dire le azioni necessarie per migliorare scansione, indicizzazione e posizionamento delle pagine. Poi c’è la SEO off-page. Da un lato si lavora sul sito, dall’altro si fa in modo che un blog o un sito web di qualità e pertinente menzioni con un link il contributo di una pagina web del proprio portale. Per raccogliere questo risultato, secondo Google, non devi influenzare gli attori in gioco. E non puoi avere in alcun modo link a pagamento. Ciò significa che le menzioni non devono sembrare naturali, devono essere così. Ed è qui che entra in gioco un’attività professionale per ottenere collegamenti verso il proprio sito web. Senza dimenticare che è possibile ancora fare link building gratis. In che modo? Affrontiamo insieme questo argomento. Da leggere: come controllare il lavoro con i backlink checker Operare bene con guest post di qualità Questa è una delle risorse principali per ottenere link validi senza pagare. Anche se molti blogger vogliono un corrispettivo in denaro per questo lavoro, ci sono ancora molte realtà (di qualità) che consentono di pubblicare articoli come ospiti. Sembra...

Perché conviene investire nel content marketing?

Argomenti del postIl content marketing è una realtà sicuraÈ utile per migliorare e posizionare il brandLa SEO non può far a meno dei contenutiQuali sono i vantaggi del content marketing? Molti chiedono eventuali buoni motivi per lavorare in questa direzione. Quali sono i vantaggi del content marketing? Difficile riunire in pochi passaggi i pilastri di una buona strategia così ampia, ma dobbiamo pur iniziare a elencare i benefici di questa soluzione decisiva. Il content marketing, infatti, abbraccia una serie di attività così ampie che potrebbe impegnare la tua opera di promozione online per anni. Ma è vero che non possiamo investire le risorse in queste dinamiche senza conoscerne i benefici. Quindi, quali sono i vantaggi del content marketing? Ecco una serie di motivazioni che ti aiuteranno a individuare la strada giusta. Da leggere: come impostare una strategia di content marketing su Instagram Il content marketing è una realtà sicura Quasi al 100%. Molte dinamiche di web marketing possono avere dei risvolti negativi nei confronti del tuo brand. Ad esempio, una funzione di link building deve essere gestita in modo raffinato e professionale altrimenti rischi una brutta penalizzazione da Google. Già, è un’attività da ponderare con attenzione. Anche l’influencer marketing può avere risvolti negativi. Magari intercettando dei personaggi che non rappresentano il tuo nome e fanno una comunicazione fuori asse rispetto alle tue esigenze. Con il content marketing parti da una base solida: quella del regalare qualcosa di utile. Non stai usando un nome famoso per farti pubblicità (magari senza specificare il rapporto commerciale) e non lavori contro le regole di Google pur sapendo che in fin dei conti questa...

7 campagne di web marketing memorabili

Argomenti del postUser Generated Content e video: GoProLo storytelling video di Apple su YouTubeIdentità del brand, Redbull e InstagramCeres e Facebook, un successo reale sui socialMastercard e il suo blog di viaggi onlineUsa dei termini di vendita online come ZapposEsperienza utente e cura della community: SlackMigliori campagne di web marketing secondo te Cosa succede quando provi a elencare le migliori campagne di web marketing? Semplice, ti rendi conto che di fronte a te c’è un mare di possibili soluzioni. E di idee da sfruttare per creare una buona strategia per promuovere il tuo lavoro. Ovviamente non è facile lavorare in modo da sfruttare qualcosa di nuovo, c’è una grande difficoltà in questi casi. Inventare, rinvigorire, pensare soluzioni per rivalutare il tuo messaggio. Possibile? Certo, devi lavorare insieme a un professionista del settore. O magari un team, un’agenzia specializzata. Le migliori campagne di web marketing non nascono dal nulla, ma dallo studio a monte: devi fare in modo che tutto sia pensato e determinato intorno ai dati. Perché muoversi a caso, nell’influencer come nel content marketing, può essere un problema. Ecco perché oltre a consigliare uno studio approfondito della tua realtà e del contesto ti lascio una serie di esempi virtuosi e idee che possono dare il via a nuovi percorsi per la promozione online. Da leggere: Instagram Stories, cosa sono e come puoi usarle User Generated Content e video: GoPro Utile poter contare sui contenuti generati dalla tua audience, vero? In questo modo hai sempre materiale da condividere e puoi coinvolgere il pubblico che si identifica nel brand. Tra le migliori campagne di web marketing non posso ignorare quella della...

Come aggiungere le recensioni sull’ecommerce e vendere di più

Argomenti del postCosa sono le recensioni e perché funzionanoCaratteristiche di una recensione efficaceImportante conoscere le persone delle recensioniCome mettere le recensioni in uno shop onlinePlugin ed estensioni utili per mettere le reviewRecensioni per ecommerce: cosa ne pensi? Le recensioni per ecommerce aiutano a monetizzare. Grazie alla presenza di questi elementi puoi massimizzare le entrate e migliorare il fatturato in modo evidente. In realtà non devi fare altro che provare: inserire testimonial e altri elementi per riportare il contributo dei clienti vuol dire far affidamento a una delle pulsioni più antiche. La persuasione, quella che ci piace e che consente di mettere in risalto i lati positivi del lavoro, si muove su questa linea. Anche per questo motivo è importante lavorare in modo sistematico. Vale a dire prestando massima attenzione al mondo delle recensioni per ecommerce. Come si mettono? Posso migliorare questo elemento? Ecco qualche consiglio per ottenere il massimo e vendere di più sul tuo shop. Da leggere: come promuovere un ecommerce Cosa sono le recensioni e perché funzionano Il primo punto da evidenziare è questo: una definizione del concetto che stiamo affrontando. Le recensioni per ecommerce sono dei passaggi comunicativi, testuali o visual, che mettono in evidenza le opinioni positive o negative (in questo caso user generated content) dei consumatori rispetto a un bene. Questi contenuti sono così efficaci perché fanno leva su un bisogno molto importante: quello della riprova sociale. Robert Cialdini, storico studioso delle regole persuasive nel marketing, ha parlato in abbondanza di questo passaggio: le persone tendono a creare delle scorciatoie mentali per prendere decisioni. Hanno bisogno di indicazioni per capire cosa fare e come...

Cosa sono i nano influencer e perché conviene collaborare con loro

Argomenti del postCosa sono i nano influencer: definizionePerché scegliere un nano influencer: vantaggiCaratteristiche chiave dei nano influencerTu hai iniziato a lavorare in questa direzione? Spesso si parla di nano influencer e la domanda sorge spontanea: perché investire in questo settore? Il primo pensiero che investe l’imprenditore che vuole investire nell’influencer marketing è semplice: usare questi contatti per raggiungere un pubblico ampio. Questa è una visione giustificabile fino a un certo punto ma che non può essere più accettata, soprattutto oggi che si ragiona intorno al concetto di influencer marketing. Raggiungere le persone giuste nel momento in cui hanno bisogno di te realmente, senza imporre il proprio messaggio e invadere l’attenzione dell’utente, è l’obiettivo ultimo della tua attività. Per ottenere questo, però, non sempre l’idea di rivolgersi al testimonial quantitativamente più interessante è la scelta giusta. Anzi, in molti casi può rivelarsi solo una perdita di tempo e uno spreco di risorse. Meglio lavorare con chi riesce a intercettare fette di mercato specifiche. Da leggere: come fare influencer marketing per Instagram Cosa sono i nano influencer: definizione Con questo termine s’intendono le persone che pur avendo un seguito limitato, ad esempio sotto i 10.000 seguaci di Instagram, riescono a diventare dei punti di riferimento per una determinata nicchia. In un’ipotetica scala di professionisti legati a questo settore dell’advertising, il nano influencer si trova sul gradino più basso in termini di possibili contatti raggiunti dalla propria azione editoriale. Che però non è per forza sinonimo di scarsa efficacia, rispetto a un macro o un micro influencer può essere la scelta. Perché scegliere un nano influencer: vantaggi Contattare un nano influencer per...
Come migliorare i metodi di acquisto e pagamento per ecommerce

Come migliorare i metodi di acquisto e pagamento per ecommerce

Argomenti del postOffri più soluzioni di pagamento onlineDai più possibilità di acquisto onlineMetti in risalto preferenze di pagamentoRendi il procedimento più semplice e snelloLa certezza può fare molto per il pagamentoMetodi di pagamento per ecommerce Metodi di pagamento per ecommerce: cosa significa per te? Se lavori con uno shop online devi, per forza, prendere in considerazione questo punto molto delicato. Anzi, direi cruciale per la buona salute del tuo shop online. Le persone sono sempre molto attente a ciò che ruota intorno al pagamento. L’attenzione è massima quando si inseriscono i numeri per individuare la carta di credito e definire i parametri necessari per versare la somma. Se il tuo ecommerce risulta manchevole su questo versante rischia di generare una serie di problemi che si ripercuotono su tutte le transazioni. Risultato? Fallimento su tutta la linea, perdite di denaro investito in advertising e metodi per promuovere lo shop online, spreco di tempo e risorse preziose. Tu vuoi questo? No, allora ecco le strategie per migliorare i metodi di pagamento per ecommerce. E implementare i ricavi del tuo impegno online. Per approfondire: quanto costa fare pubblicità a un ecommerce? Offri più soluzioni di pagamento online Le persone vogliono scegliere come pagare, e pretendono rassicurazioni precise su questo punto.  Devi essere in grado di accettare tutte le carte di credito più importanti, ma non dimenticare chi sceglie soluzioni alternative ma comunque molto diffuse. Sto parlando soprattutto di PayPal e PostaPay. Metodi di pagamento per ecommerce – Fonte immagine Non tutti usano Mastercard, Visa e American Express per comprare online: spesso le persone sfruttano carte prepagate e conti correnti digitali per pagare...
I migliori strumenti per trovare le parole chiave

I migliori strumenti per trovare le parole chiave

Argomenti del postMai dimenticare tutti i Google SEO ToolSEMrush e SEOZoom, pilastri delle keywordUbersuggest e Answer The Public: correlazioniKeyword.io, per analizzare altri motori di ricercaCoggle, strumento SEO per creare mappeKeyword tool: tu cosa usi per fare SEO Keyword tool: cosa sono? Per molti quest’etichetta racchiude una serie di strumenti indispensabili per il lavoro di SEO copywriting. In realtà non è così. O meglio: per scrivere online hai bisogno di indicazioni chiare su cosa vogliono le persone. Ma gli strumenti per trovare le parole chiave digitate dal pubblico servono a ben altro. Sono la base di partenza della tua strategia online. Usare dei programmi per emulare uno spider può essere una soluzione per completare il tuo SEO audit, ma per avere una mappa completa di ciò che devi inserire sul blog per intercettare i tuoi potenziali clienti arriva solo da una buona keyword research. E non è facile muoversi bene, anzi! Per ottenere un risultato degno di nota devi lavorare con un professionista, un esperto SEO con esperienza maturata e documentata. Quali sono, però, i keyword tool che si usano in questi casi? Ecco una selezione che devi mettere sempre nei preferiti, soprattutto quando vuoi lavorare sulla scrittura online delle pagine web dei post di un blog aziendale (anche questo è content marketing). Da leggere: come migliorare la visibilità sui motori di ricerca Mai dimenticare tutti i Google SEO Tool Riunisco in un’unica voce gli strumenti che Google fornisce per trovare le parole chiave necessarie per scrivere un buon contenuto. Esatto, anche se le regole base di Mountain View si limitano a consigliare una scrittura semplice e utile per le persone, ci...
Ecommerce 2019: come cambia la vendita online

Ecommerce 2019: come cambia la vendita online

Argomenti del postMai più ignorare il traffico mobile (sul serio)Il futuro ecommerce è nei contenuti videoPersonalizzazione dell’esperienza d’acquistoAttenzione alle spedizioni (sempre più veloci)L’uso dell’intelligenza artificiale è decisivoPrevisioni ecommerce 2019: quale evoluzione?Acquista su Amazon.it L’evoluzione di un settore così importante non può essere ignorato. Hai bisogno di grande attenzione per analizzare i dati e capire i cambiamenti delle previsioni ecommerce. Sai perché dico questo? Semplice, qui investi e vuoi trarre profitto. Capire le necessità di questo mondo vuol dire fare passi avanti in termini di fatturato, se hai deciso di vendere online non puoi pensare di sorvolare questo punto. L’analisi delle tendenze deve essere la base di partenza della tua attività, e questo vale per qualsiasi lavoro digitale. Soprattutto quando decidi di usare un sito web per monetizzare in modo diretto. Vendere online non è facile. Hai bisogno di un buon lavoro di ottimizzazione delle schede prodotto, ma anche di tutto il sito web. Che deve essere inteso come un piccolo gioiello della SEO on-site. Poi, senza fare un ordine gerarchico, viene l’attività social, l’email marketing, la promozione online e magari offline. Alla base c’è sempre una visione generale del mondo che stai affrontando. Allora, vogliamo parlare di previsioni ecommerce? Ho preso spunto dai dati di Social Media Today per fare una sintesi ideale. Da leggere: come pubblicizzare un ecommerce online Mai più ignorare il traffico mobile (sul serio) Le persone acquistano dal proprio smartphone, e non sto scherzando. Questa è una delle prime statistiche del settore: puoi trovare un po’ ovunque questo dato che può risultare ovvio. Ma io conosco molti imprenditori che ancora non hanno deciso di implementare una...
I migliori SEO spider tool per simulare il comportamento di Google

I migliori SEO spider tool per simulare il comportamento di Google

Argomenti del postImpara a usare bene Google in primo luogoScreaming Frog, il tuo SEO crawler softwareVisual SEO studio: SEO audit tool desktopSitebulb: desktop website crawler emulatorXenu’s Link Sleuth per i link del sito webSEO spider online: i tuoi strumenti miglioriAcquista su Amazon.it Ci sono diversi SEO spider online tool per simulare il comportamento del crawler. Non sempre è chiaro il motivo che spinge molti esperti SEO a usare questi strumenti. Spesso tutto sembra passare da quella che viene definita come keyword research, vale a dire l’analisi delle parole chiave. Ma si dimenticano i punti fondamentali. Come la buona ottimizzazione on-site. Quella, cioè, che abbraccia la qualità generale del progetto e consente di portare verso un obiettivo concreto: ogni pagina web corrisponde a uno scopo, ottimizzata in ogni aspetto possibile e ben inglobata nell’idea editoriale. Questo è un obiettivo difficile da realizzare, soprattutto per portali di grandi dimensioni. Ci sarà sempre qualche pagina di troppo. Ma chi lavora nell’universo dell’ottimizzazione dei siti web deve essere in grado scegliere il miglior SEO spider online per la simulazione del crawler. Da leggere: SEO tool decisivi per scrivere un articolo Impara a usare bene Google in primo luogo La regola da ricordare sempre: Mountain View detiene tutte le informazioni. E se sei proprietario di un sito web puoi estrapolare una marea di dati rispetto a cosa fa lo spider sulle tue pagine. Ad esempio puoi iniziare con uno studio attento dei vari operatori di ricerca. Basta usare un site: per ottenere la lista di pagine web indicizzate e ordinate per pertinenza. Aggiungendo poi varie estensioni puoi sviscerare questo elenco rispetto a determinate parole chiave...