Intervista a Diego Mulfari, imbianchino digitale

Intervista a Diego Mulfari, imbianchino digitale

Diego Mulfari

Sono il figlio del primo imbianchino 2.0 d'Italia. La popolarità di mio padre nasce dalla mia esperienza di lavoro come specialista di web marketing: dopo aver seguito numerosi progetti on-line e aver studiato da autodidatta, ho deciso nel gennaio 2012 di aprire un blog, mulfarimbianchino.com. Questo blog conta ora più di 120.000 visite da tutto il mondo.

[Total: 5 Average: 1.2]

C’è un web astratto, incapace di trasformarsi in reale aiuto per imprenditori. E poi c’è un web pratico, fatto di analisi e strategia. Un web che ha obiettivi ben chiari e riesce a trovare sempre la strada giusta per risolvere i problemi della gente comune.

Indovina quale preferisco? Chi lavora nel settore web marketing dovrebbe aver ben presente che tutti gli strumenti – native advertising, storytelling, Digital PR e blog outreach – sono solo il mezzo. Il fine è un altro. Il fine è quello che ha individuato Diego Mulfari con mulfarimbianchino.com.

Chi sei e di cosa ti occupi?

Ciao Danilo e grazie innanzitutto per l’intervista su MediaBuzz. Per rispondere alla tua domanda ti posso dire che faccio ancora fatica a spiegarlo 🙂 A parte gli scherzi, mi definisco un artigiano del web, imbianchino 2.0 e a tempo perso mi piace motivare le persone a trasformare le proprie passioni in una professione.

Racconta ai lettori come hai iniziato

Dopo una laurea in Comunicazione ed Editoria Multimediale conseguita all’Università Statale di Bergamo, ho iniziato da subito a lavorare nel web marketing: prima uno stage in una grossa azienda, poi un’esperienza in Google e ora la vita da freelance. In altre parole aiuto commercianti e artigiani a digitalizzarsi, come ho fatto io con mio padre.

Fino al gennaio 2011 “Mulfari Felice Imbiancature” non aveva una identità digitale.
Ho cominciato dunque con l’apertura di un sito web vetrina, un blog aziendale (indicizzato sempre nei primi cinque risultati organici per le parole chiave strategiche) e ho iniziato a partecipare a forum come Yahoo Answer proponendomi come esperto di settore. Generando backlink al mio sito.
Mi sono poi iscritto a portali di generazione preventivi come Habitissimo e Tirichiamo, proponendo la mia offerta. Ho collezionato da subito ottime recensioni da parte dei nostri clienti (pubblicate sulla pagina Facebook).
Come puoi vedere non ho utilizzato alchimie o strategie da markettaro smanettone (dai lo ammetto, qualche trucchetto sì, ma non si può dire tutto). Sfrutto gli strumenti del Web per promuovere la mia attività di tinteggiature in modo sistematico e costante da 4 anni, tutti i giorni. I risultati arrivano.
Ingredienti per il successo? Un mix di preparazione e resilienza 🙂

Come inizia la tua giornata?

Dopo una abbondante colazione, apro il mio pc e inizio a rispondere alle mail di clienti, potenziali tali o prospect per la ditta di mio padre, Felice Mulfari.

Poi passo alla mia attività principale, ovvero la consulenza ad artigiani e commercianti che vogliono digitalizzarsi attraverso siti web, campagne Facebook o AdWords, Newsletter o Blogging.

Prima in azienda e poi imprenditore?

Esatto Danilo, prima in azienda e poi imprenditore. Credo sia fondamentale questo passaggio: per me è come parlare prima di adolescenti e uomini. So che il parallelismo può essere un po’ forte da digerire ma secondo il mio modo di vedere, prima o poi bisogna spiccare il volo.

Non avere paura di credere nelle proprie passioni e nelle proprie forze, creando sinergie con degli ottimi professionisti, freelance (ma perché no, anche web agency).

E’ importante infatti creare una propria immagine, in questo mondo ormai saturo e ultra-concorrenziale in tutti settori: la parola chiave è DIVERSIFICAZIONE.

Le tecnologie digitali hanno influenzato il tuo modo di fare business?

Le tecnologie sono vitali per il mio business. Partendo dal blog e dai social network che mi hanno permesso di farmi conoscere dal grande pubblico a costi ultra-contenuti, passando alla nostra App, denominata con grande sforzo di fantasia “I-Imbianchino”.

Una app che ci aiuta con la brand awareness, e con l’incremento costante del valore intrinseco di Mulfarimbianchino percepito dai nostri fan. Inoltre devo citare il nostro sito web, fondamentale per la conversione degli utenti del Web in potenziali clienti.

Quali novità hanno portato?

Le novità sostanziale del successo di Mulfarimbianchino è stata quella di aver compreso il cambio di paradigma nell’acquisizione clienti, giorno dopo giorno: sono gli utenti del Web che tutti i giorni cercano i nostri servizi.

Il nostro compito è quello di farci trovare, dimostrando la nostra professionalità e competenza, inizialmente attraverso il monitor di un pc. Entrano quindi in gioco le referenze dei clienti precedenti, pubblicate sulla nostra pagina Facebook, foto di qualità dei lavori eseguiti e tempestività nelle risposte.

Qual è la strategia di comunicazione aziendale?

La strategia è quella di acquisire sempre più lead in entrata, avere sempre più backlink da blogger e influencer (scalando in questo modo la SERP di Google per le parole chiave per noi strategiche) e infine convertire sempre più utenti in clienti, attraverso questo processo.

Il digitale può aiutare i nostri imprenditori a emergere?

Io credo che l’economia digitale sia ormai VITALE per i nostri imprenditori sia a livello locale che globale, ma c’è ancora un enorme divario culturale e digitale in Italia.

Il primo lavoro da fare oggi è quello di informare artigiani e commercianti (il PIL di questo Paese) che esiste un Mondo, quello del Web, che sta crescendo e farà vivere in abbondanza coloro che percepiranno la potenza di questo strumento, usandolo a proprio vantaggio.

La tua azienda fra 10 anni?

Tra dieci anni vedo le mie attività in costante crescita, sia lato acquisizione clienti per il mondo dell’imbiancatura, sia lato consulenza digitale per artigiani e commercianti. Insomma un circolo virtuoso inarrestabile, partendo da una considerazione.

Il Web continua a crescere ed è l’unico canale che sta producendo utili per imprese e liberi professionisti. La chiave è perseverare e non farsi mai scoraggiare dai momenti difficili. Continuare a seminare e raccogliere, come un bravo contadino.

Un consiglio per i futuri imprenditori digitali?

Come direbbe Marco Montemagno, pillola blu: fate esperienza come “dipendenti”, scoprite i vostri talenti e non smettete mai di credere che le vostre passioni non potranno trasformarsi in una professione a tempo pieno.

Non ascoltate cattivi maestri e seguendo questo percorso, non lavorerete più un giorno della vostra vita. Perseverate. Circondatevi dunque di persone ottimiste e stimolanti, non smettete mai di studiare. E godetevi il viaggio 🙂

Danilo Polidori

Danilo Polidori, Online Media Manager e fondatore di MediaBuzz, inizia la sua giornata alle 6:00 am con una corsa di 50 minuti a Battersea Park durante la quale raccoglie idee ed energie per affrontare con positività la giornata. Crede con fermezza che lo sviluppo tecnologico e dell’economia digitale rappresenti l’occasione per internazionalizzare le eccellenze produttive del nostro paese e tornare grandi.

More PostsWebsite

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

1 Comment

  1. Sono in Svizzera da 10 anni, sento la storia di Diego molto vicina alla mia e l’avevo fra gli amici fino poco tempo fa.

    Comunque mi rende triste vedere che un artigiano del web e laureato in comunicazione abbia cosi scarse competenze nell’affrontare una vicenda che lo sta vedendo vicino. Guardate cosa scrive su facebook. Questo è BULLISMO Diego! Non mi piace come ti stai evolvendo professionalmente. Per niente come non approvo le frecciatine contro italia da qualche mese.

    Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.