Come ottimizzare l’account Instagram per vendere online

Come ottimizzare l’account Instagram per vendere online
[Total: 1 Average: 5]

L’argomento Instagram per ecommerce è centrale per chi vuole ottimizzare le prestazioni del proprio shop online e migliorare le vendite su internet.

Sembra un’affermazione avventata o sbaglio? Troppo semplice lanciare questa soluzione?

In parte è così perché tutti sanno che su Instagram non si possono inserire link alle pagine web nei singoli post. Di conseguenza si perde la spinta tipica degli altri strumenti di inbound marketing.

Blog aziendale, account Twitter, Facebook Fan Page: in tutti i casi pubblichi dei contenuti che possono collegare l’utente al tuo prodotto. Come fare Instagram per ecommerce se questo snodo viene meno? Devi partire da un punto essenziale: continua a leggere per avere maggiori informazioni.

Per approfondire: come fare SEO per ecommerce e posizionarlo su Google

Lavora con lo storytelling e la community

Non si vende online solo spammando link, sai? Una delle armi più interessanti per migliorare le prestazioni del tuo progetto di vendita riguarda la brand awareness. Vale a dire la tua capacità di posizionare il marchio nella mente del pubblico. Devi creare il desiderio, far emergere il bisogno e fidelizzare l’utente.

Questo non avviene con i link ma con il content marketing. E se lavori con Instagram puoi organizzare un calendario editoriale capace di avviare un vero e proprio progetto di storytelling aziendale.

Racconta, attraverso immagini e video, i valori del tuo prodotto o servizio. Mostra i volti delle persone che ti hanno già scelto, racconta i benefit che ottengono chi sceglie il tuo brand. Proprio come fa il Soho Hotel.

Soho Grand Hotel su instagram

L’identità visiva forte e chiara del Soho Grand Hotel.

Instagram per ecommerce è un terreno ostile solo per chi intende il social media marketing come un’attività legata alla condivisione autoreferenziale dei link. Si può fare in determinati modi.

Ma per iniziare bene devi prendere confidenza con questo principio: usa il tuo profilo per raccontare cosa fai e perché le persone ti scelgono. Poi ci sono dei consigli tecnici che devi seguire per migliorare le opportunità di fare un buon Instagram Marketing. Da dove iniziare? Ecco un esempio.

Crea profilo business per lo shopping

Il primo step per il lavoro di chi fa Instagram per ecommerce riguarda il passaggio verso (o la creazione di) un account aziendale. Per gestire uno shop online conviene lavorare con un profilo business, vale a dire una realtà pensata per chi ha bisogno di strumenti specifici. Con questo switch puoi avere:

  1. Connessione con una pagina Facebook.
  2. Statistiche per ottimizzare i post.
  3. Link verso telefono, email e contatti.
  4. Accesso all’advertising.

Per il resto devi ottimizzare il tuo profilo Instagram al meglio: inserisci un avatar che rappresenti il tuo marchio, magari con il logo aziendale, metti una biografia e il link alla pagina principale. Nel testo della bio puoi aggiungere emoji e hashtag per attirare l’attenzione e rendere il copy più interessante.

Inserisci tipo di negozio nell’account PRO

Uno dei vantaggi decisivi per chi ha un profilo professionale su Instagram: c’è la possibilità di inserire un’etichetta per definire il settore di riferimento dell’account. Ad esempio un influencer puoi mettere la scritta “blogger” e le combinazioni sono infinite. Vai nelle impostazioni e scegli quella che descrive al meglio la tua attività, il web marketing per ecommerce si basa sui dettagli.

Pensa a creare un seguito, non a vendere

Lavorare nella direzione preferita dalla community significa emozionare. Mostra, non dire: il consiglio che ogni copywriter conosce può essere usato quando fai Instagram marketing per vendere online.

Ti faccio un esempio lampante. Sei il proprietario di un albergo e decidi di mettere in primo piano la piscina a sfioro: conviene pubblicare una foto qualsiasi proponendo nella didascalia tutte le caratteristiche, i servizi e le offerte? Secondo me la soluzione migliore è quella che vedi nell’immagine: lascia lavorare il potenziale cliente, devi innescare il desiderio, non inoculare tutto quello che ritieni giusto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Sometimes you need to lose yourself in order to find what you’re really searching for… Take time to reflect at #GraceMykonos this summer.

Un post condiviso da Grace Hotels (@gracehotels) in data:

A questo punto si inserisce l’importanza dell’engagement e dei commenti. Pubblicare è solo una parte del lavoro, se vuoi creare una community fedele per il tuo ecommerce su Instagram devi essere presente.

Rispondendo ai commenti, ma anche commentando i profili degli altri utenti. Magari dei clienti che lasciano foto su Instagram e ti taggano. A proposito, hai già creato un hashtag dedicato al tuo brand? Usalo ogni volta che parli del tuo prodotto o servizio e nella comunicazione offline suggerisci la presenza di questo elemento per rendere rintracciabile i post pubblicati dai clienti.

Per approfondire: Contenuti brandizzati su Instagram

Gli strumenti per lavorare su Instagram

Questo è importante, ma per ottenere buoni frutti devi usare i migliori tool per Instagram. Io preferisco lavorare con una cassetta degli attrezzi ben definita. I nomi da segnare in agenda sono chiari:

  1. Canva – Crea immagini da schemi già pronti.
  2. Onlypult – Client per caricare foto e video da desktop.
  3. Gramblr – Sostituto rapido e gratuito di Onlypult.
  4. Ritetag – Individua i migliori hashtag su Instagram.
  5. Lumen5 – Per creare video da immagini e clip.

A tutto ciò si elenca il classico Photoshop per ottimizzare gli scatti. I professionisti di Instagram lavorano molto in post-produzione per caricare solo immagini di qualità. Ma per migliorare le foto su Instagram devi acquistare una buona strumentazione: a parte la macchina fotografica con tutto il necessario può far comodo un set di luci, sfondi verdi o con il classico legno e il cubo per fotografare prodotti in vendita.

Content marketing per profilo, IGTV e storie

Uno dei grandi errori di chi si lancia in questo progetto: puntare solo sul content marketing dello stream. Senza sfruttare la forza delle Instagram Stories, un canale che porta immediatezza alla tua comunicazione.

 

Il tuo compito: differenziare i flussi. Racconta la storia da prospettive differenti, modificando e ottimizzando le immagini principali ma lasciando il flusso delle storie alla narrazione immediata.

Ricorda che la compresenza è un passo decisivo per coinvolgere il pubblico. Le persone vogliono esserci, e amano seguire le storie che lasciano traspirare genuinità, valori, emozioni reali e non studiate a tavolino.

Differenziare i contenuti è importante

Usa le storie per raccontare eventi e attività interne, sfrutta i canali per segmentare la comunicazione. E ricorda che il profilo Instagram consente di mettere in evidenza i contenuti che preferisci dalle storie ma anche della IGTV. L’avevi dimenticata, vero? I flussi di un profilo Instagram sono:

  1. Profilo con foto, immagini e video.
  2. Storie con foto, immagini, video e dirette.
  3. Instagram TV solo con video verticali.

L’ideale sarebbe stabilire un piano editoriale capace di sfruttare tutti i media nei diversi canali a disposizione. Non è un’impresa facile ma capirai sicuramente che, sfruttato al massimo, il profilo Instagram per ecommerce diventa una piattaforma decisiva, imprescindibile. Ed estremamente potente.

Come pubblicare link cliccabile su Instagram

Ti hanno detto che non è possibile inserire link nei post di Instagram, vero? In effetti è così, l’unico link consentito è quello nella bio. E ti consiglio di usarlo per segnalare la home page dell’ecommerce. Però se hai effettuato il passaggio ad account business hai una carta in più: puoi fare pubblicità su Instagram.

Pensavi di pubblicizzare un ecommerce gratis, a costo zero, senza investimenti in advertising? Pessima idea, non funziona così. Definisci il tuo business plan con la voce relativa al quanto costa uno shop online, e metti una voce dedicata alla pubblicità su internet. Perché dopo aver creato una community su Instagram il passo successivo riguarda la creazione e la pubblicazione di advertising mirato.

La base di partenza: puoi organizzare l’ADV dall’editor di Facebook e creare dei post sponsorizzati con link a ciò che vuoi spingere. Una buona attività promozionale su Instagram può essere la strada da seguire per fare pubblicità all’ecommerce e veicolare una determinata fetta di audience sulle schede prodotto.

Da leggere: come fare email marketing per ecommerce

Instagram per ecommerce: la tua opinione

Io credo che una buona attività di Instagram per ecommerce sia importante per chi decide di aumentare le vendite online. Non attraverso delle tecniche immediate e gratis, non ci sono tempi brevi che ti aspettano dietro l’angolo. Ameno che non ci sia un investimento importante sull’advertising, è chiaro.

Come tante altre strategie di inbound marketing, anche quella che prevede un coinvolgimento del visual storytelling su Instagram lavora nel tempo. Sulla creazione di una community fedele, costante. Ma che sceglierà il tuo brand a occhi chiusi quando sarà convinta del tuo lavoro. Non la vedi così?

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.