Come e perché individuare i trend di ricerca per fare content marketing?

Come e perché individuare i trend di ricerca per fare content marketing?
[Total: 1 Average: 5]

Questa è una delle domande più interessanti per chi si occupa della creazione dei contenuti: come scoprire trend di ricerca? E, soprattutto, perché dedicarsi a quest’attività? Solo per fare SEO o per lavorare anche con un approccio strategico al content marketing?

Queste domande sono legittime e possono fare la differenza in una fase strategia. Ovvero quando si riscontrano una serie di difficoltà nell’organizzazione del calendario editoriale di un blog aziendale, ma anche dei social. Scoprire le ricerche effettuate su Google, magari in tempi differenti e facendo un confronto su vari termini, può essere un buon punto di partenza per organizzare campagne ben strutturate.

Da leggere: fare SEO copywriting con gli strumenti Google

Perché indagare le ricerche più digitate?

Questo è il primo punto da chiarire. Tutti si chiedono come scoprire i trend di ricerca e quali sono le keyword più cercate in un determinato periodo di tempo. Ma la vera domanda (o almeno quella che dà inizio a tutto) è perché operare in questa direzione e cercare le keyword più digitate sul motore di ricerca.

Semplice curiosità? No, chi lavora al content marketing con metodo non fa valutazioni del genere. Scoprire i trend di ricerca è importante in primo luogo per capire quali contenuti creare e proporre al pubblico in determinati periodi dell’anno. In modo da intercettare in modo scientifico l’interesse.

Puoi scrivere il miglior contenuto del modo sul tuo blog aziendale ma sarà sempre monco e limitato se non valuti l’interesse del pubblico per quel tema. Si tratta di un trend in salita o in discesa? Ed è un movimento periodico, con dei comportamenti specifici, o si tratta di un mutamento inaspettato?

coem scoprire nuovi argomenti
Le tendenze degli argomenti che ti interessano.

Queste risposte sono indispensabili per iniziare a lavorare in modo da generare e condividere contenuti per intercettare dei trend specifici. Ecco un esempio, in alto, dedicato alla settimana bianca: scopriamo che l’argomento ha un trend in salita per tutto l’autunno fino a raggiungere un picco dopo Natale.

come scoprire trend di ricerca
Come scoprire trend di ricerca.

In questo modo so bene quando iniziare a programmare contenuti dedicati al tema. Lo stesso discorso vale per la perdita del peso: ci sono dei periodi dell’anno in cui le persone sono molto sensibili a determinati temi. E chi si occupa di digital marketing deve valutare questi aspetti decisivi.

Come scoprire trend di ricerca su Google

Le ragioni che ti spingono a lavorare in questa direzione sono tante. Anche chi lavora con la SEO deve sapere come scoprire trend di ricerca. Perché in questo modo può valutare la stagionalità delle query e capire se eventuali cali sono dovuti a penalizzazioni. O sono semplici esigenze del pubblico.

Per ottenere questi risultati devi andare alla fonte e scoprire come si organizzano nel tempo determinate necessità. Tool come Semrush o Seozoom riescono a definire questi dati in modo organizzato all’interno del lavoro di keyword research. Ma a volte conviene andare alla fonte. In che modo?

Io direi di interrogare chi gestisce questi dati tutti i giorni con algoritmi specifici. Ecco due tool (entrambi gratuiti) per analizzare i trend di ricerca effettuati dal tuo pubblico di riferimento sui motori di ricerca.

Google Trends

Per ottenere dati di prima mano devi interrogare chi accoglie le esigenze del pubblico. Ecco perché io suggerisco sempre di sfruttare Google Trends per avere una risposta chiara alle varie necessità della tua strategia di marketing. Dove si trova? Puoi trovare questo strumento su trends.google.it.

Come usare Google Trends.

Come funziona Google Trends? Molto semplice: basta inserire le parole chiave che ti interessano per avere l’andamento delle ricerche nel tempo. Puoi stabilire degli intervallo di tempo molto ampi e scoprire i dati di molti anni indietro nel passato. Ma hai anche dei valori recenti, in real time.

L’aspetto interessante di Google Trends è proprio questo: puoi ottenere dati molto precisi in termini temporali ma anche geografici. Il tutto è accompagnato da una serie di riflessioni molto interessanti per le keyword correlate e le query effettuate dagli utenti rispetto al tema affrontato.

Exploding Topics

Non tutto può essere ottenuto con un singolo tool. Esistono alternative a Google Trends? Certo, ecco cosa ti suggerisco: explodingtopics.com. Questo tool analizza milioni di ricerche su Google, conversazioni su internet e menzioni online per ottenere una raccolta di topic da affrontare con blog e account social.

L’algoritmo di questo tool scopre le migliori idee dedicate ai contenuti emergenti che hanno ancora bassa concorrenza. In questo modo puoi ottenere ciò che ti serve veramente: un contributo valido per creare contenuti di successo. Come si articolano i risultati di questo ottimo SEO tool per copywriter?

Exploding Topics
I risultati di questo SEO tool.

I risultati di Exploding Topics consentono di visualizzare la crescita dei temi più in vista dividendo quelli che compiono una crescita più strutturata e lineare da chi invece esplode letteralmente. In questo modo è più facile prendere una decisione anche legata a logiche di viral e guerrilla marketing.

Da leggere: come fare content marketing con YouTube

Come scoprire trend di ricerca: tu come fai?

Queste sono le soluzioni per lavorare in questa direzione. Il SEO copywriting può aiutare l’azienda a posizionarsi su Google ma devi avere una prospettiva da seguire, una strategia di content marketing basata su ciò che serve a un pubblico. Sei d’accordo con questo punto di vista? Tu come ti muovi?

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *