7 consigli per ottimizzare un ecommerce

7 consigli per ottimizzare un ecommerce
[Total: 1 Average: 5]

Quando mi chiedono come migliorare un ecommerce cerco sempre di affrontare la prospettiva dal punto di vista della strategia di web marketing. Puntando verso il coinvolgimento di tanti professionisti diversi che vanno dagli esperti SEO ai webmaster.

In linea di massima le persone credono di poter aprire uno shop e incrementare vendite online con pochi passaggi. Sembra facile, basta prendere come esempio chi lavora nello stesso settore. O almeno questa è una delle tante idee condivise che si trasformano facilmente in trampolino di lancio per il fallimento.

Ogni realtà deve essere studiata a tavolino, con un investimento sia per la realizzazione del portale che per promuovere il sito ecommerce con gli strumenti del digital marketing, dai social media alla costruzione di app specifiche per integrare il lavoro di content marketing. Questo senza dimenticare la base che puoi trovare in questa lista di consigli.

Da leggere: Come migliorare il tasso di conversione per un ecommerce

Velocizza al massimo il tuo ecommerce

Il primo punto deve essere per forza questo. Come migliorare un ecommerce sul serio se non migliorando i tempi di caricamento della pagina? Ogni secondo che gli individui rimangono ad aspettare la comparsa della scheda prodotto, o della categoria con la merce che vuoi vendere, perdi clienti. Potenziali vendite.

Il primo consiglio per ottimizzare un sito dedicato alla vendita online è questo: vai su Pagespeed Insight di Google e analizza ciò che hai creato, così puoi creare un report di base con consigli tecnici.

velocità ecommerce

La home page del Pagespeed Insight

Se vuoi andare in profondità usa lo strumento “velocità del sito” su Google Analytics e analizza le singole risorse più pesanti. Tutto ciò ha bisogno di un professionista in grado di lavorare sodo con il codice e prendere decisioni importanti, come il cambio di web hosting o l’ottimizzazione di migliaia di foto.

Attenzione ai Rich Snippet del sito web

Le schede prodotto hanno bisogno di una cura in più. Con Schema.org puoi gestire il codice in modo da comunicare a Google i principali dati strutturati. Puoi aggiungere il rating, che vedremo dopo, ma anche colore, modello, logo, categoria, immagini e tanto altro. Qui trovi la pagina dedicata alle schede: schema.org/Product. Come migliorare un ecommerce, mi chiedi? Ecco un passaggio chiave.

Organizza il lavoro con un fotografo

Un professionista del settore vendite capace di creare delle foto adeguate per un ecommerce. Perché sai bene che non basta avere una macchina fotografica di qualità per creare un’esperienza visual adeguata. Capace di emozionare e informare il potenziale acquirente. Un bel passo, vero?

Non puoi ignorare questo punto, devi annullare le distanze tra shop online ed esperienza reale. Le persone vogliono toccare con mano il prodotto, devono guardare nel dettaglio le cuciture e i colori.

Credi che si possa fare questo con le foto scattate solo da una buona strumentazione. L’investimento porta anche questo, il lavoro di un fotografo specializzato negli scatti per ecommerce con luci, cubi bianchi e ciò che serve per rendere il bene in questione più vicino possibile. Non è superfluo, assicurato.

Scegli l’HTTPS giusto per il tuo sito

Non tutti i certificati SSL sono uguali. Molti credono di poter risolvere il problema con Let’s Encrypt, il passaggio per ottenere l’HTTPS gratis. Ma questo va bene anche per un ecommerce? Sei sicuro?

Vale a dire per un sito web che deve ospitare continue transazioni di denaro e dati privati? No, ci sono soluzioni differenti come il GeoTrust True B. EV e la sua etichetta che mostra il nome dell’azienda che ha registrato il certificato. La credibilità di un sito web passa anche da qui, posso assicurartelo.

Crea dei megamenu utili alle persone

Questo ti consentirà di ottenere un buon risultato anche per Google. Nella maggior parte dei casi, infatti, ciò che realmente va bene per gli individui che navigano sul tuo blog si allinea con le esigenze dei motori di ricerca. Purtroppo la capacità di progettazione di un commerce si scontra con problemi differenti.

Ad esempio le influenze del proprietario che prende decisioni che non competono o l’estro creativo di chi vorrebbe mettere tutto nella home page. Ti assicuro che questo è un desiderio sempre presente.

megamenu: consigli per ecommerce

Ecco un esempio di megamenu ragionato.

Non funziona così, la navigazione deve essere ragionata in modo da guidare l’utente verso categorie chiare. Il megamenu non serve a confondere ma a chiarire, a mostrare le prime tassonomie per portare il compratore verso ciò che desidera di solito l’audience. Guarda l’esempio in alto: si inizia da tre voci.

Poi si differenzia ogni capo d’abbigliamento in base al genere e all’età. Un passaggio fondamentale: le etichette sono un esempio di chiarezza, le persone devono capire subito dove stanno andando.

Le correlazioni dei link sono importanti

Hanno già suggerito di aggiungere prodotti da unire all’acquisto in una scheda ecommerce? La presenza di questi link verso altri investimenti è importante perché su ogni visita devi massimizzare i potenziali introiti. Per ogni utente dovresti tentare la transazione su diversi elementi. Due sono le strade:

  1. Cross-selling.
  2. Ottimizzazione SEO per ecommerce.

Da un lato le correlazioni aiutano a vendere prodotti che si sposano bene con quello appena acquistato, massimizzando il profitto. Dall’altro lavori in modo da arricchire la scheda con termini che migliorano il contenuto, rendendolo più pertinente agli occhi del motore di ricerca. D’altro canto questo non è l’unico modo per inserire testo pertinente: c’è la descrizione che fa la differenza, ma anche il punto che segue.

Aggiungi sempre le recensioni alle pagine

Vuoi dare una marcia in più al tuo ecommerce? Devi mettere le review con dati strutturati per i rich snippet. Vale a dire le stelle del rating che si inseriscono nella serp. Questo è giusto per diversi motivi, in primo luogo per attirare lo sguardo del pubblico verso un risultato di ricerca specifico (il tuo).

Poi c’è il passaggio che riguarda la pagina. Le persone sono alla ricerca di sintesi per capire cosa fare, come muoversi, quali prodotti acquistare. Le recensioni aggiungono testi, user generated content che si lasciano sulla scheda prodotto. Le stelle del rating comunicano in modo rapido.

Per approfondire: il rapporto tra retail e shop online

Come migliorare un ecommerce per te?

Quali sono i consigli giusti secondo te? E le tecniche indispensabili per migliorare le vendite di un negozio online? In questo articolo provo a indicare una manciata di punti che nessuno può ignorare quando decide di investire in un progetto per monetizzare attraverso la vendita. Tu hai qualcosa da aggiungere? Si può fare di più? Come migliorare un ecommerce secondo te? Lascia la tua opinione nei commenti.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.