Blogging: perché integrare una strategia video?

Blogging: perché integrare una strategia video?
[Total: 0 Average: 0]

Hai iniziato a scrivere con passione e costanza, e hai pubblicato una buona quantità di articoli. Il tuo blog sta iniziando a dare buoni risultati: merito di una gestione intelligente del calendario editoriale, dei social, della newsletter.

Hai creato un prodotto completo, riesci a diversificare l’offerta. Però senti che manca qualcosa. C’è un tassello che infonde una sensazione di vuoto ma non riesci a capire bene qual è. Ti guardi intorno, cerchi di arrivare a una conclusione ma non capisci: sei un blogger, scrivi per i tuoi lettori. Fai il tuo lavoro, ecco.

Poi hai la risposta passando sul tuo canale YouTube ormai abbandonato, preda facile delle ortiche che trovano terreno fertile nel tuo profilo privo di attenzioni, senza contenuti. Ecco la soluzione: devi aprire le porte ai video. Devi creare dei contributi visual per i tuoi lettori.

Difficile? Certo. Però ecco i vantaggi immediati:

Presidio

Essere presente su YouTube – più in generale nelle ricerche video di Google – vuol dire intercettare una fetta di potenziali lettori che cercano argomenti legati alla tua nicchia. Youtube è il secondo motore di ricerca del web, risponde alle domande di migliaia di persone: perché ignorarle? Crea una strategia video per portare la tua abilità e la tua passione anche nel settore visual.

Umanizzazione

Le persone amano guardare negli occhi l’autore di un blog. Non è strettamente collegato al contenuto, è vero: puoi essere un ottimo autore e rimanere dietro alle quinte. Però il web è fatto di relazioni, di rapporti umani. E una rubrica video può essere ideale per accorciare le distanze tra pubblico e autore.

Attenzione. Questo non sostituisce l’importanza della qualità dei contenuti. Presentarti con un profilo Youtube e incantare tutti con battute ammiccanti non può sostituire la tua capacità di riportare negli articoli e nel video stesso dei contenuti densi, approfonditi, confermati da ricerche attente e corroborati da un punto di vista critico. C’è la professionalità. E c’è l’umanizzazione della tua professionalità.

Completezza

Creare una rubrica video collegata al tuo blog vuol dire arricchire i tuoi post migliori con un contenuto che porta il tuo brand, che tu hai creato a tua immagine e somiglianza. E che puoi ritagliare intorno alle esigenze del tuo articolo per offrire al lettore la migliore esperienza possibile. I lettori non condividono solo il testo: condividono il post nella sua totalità.

Branding

Uno dei motivi fondamentali che spingono i blogger a pubblicare rubriche video: lavorare sul brand, migliorare la percezione che le persone hanno del proprio nome. Un contenuto video caricato su Youtube può essere condiviso, può viaggiare di bacheca in bacheca e portare il tuo nome in giro con il web. Senza dimenticare le competenze: i video fanno parte di quel curriculum in continua evoluzione.

blog strategia video

La condivisione è possibile grazie all’attenta offerta di share button di Youtube, ma non solo: l’integrazione dei commenti nella piattaforma Google Plus ha dato man forte alla creazione di un meccanismo virale: nel momento in cui non tolgo la spunta ai commenti il contenuto viene pubblicato anche su Google Plus e viceversa (puoi trovare maggiori informazioni sul blog Tutto su Youtube).

Fidelizzazione

Una rubrica video è perfetta per fidelizzare i tuoi lettori. Mette insieme tutti gli elementi citati (contenuti interessanti, umanizzazione dell’autore, diversificazione dell’offerta) e crea un appuntamento che i lettori possono apprezzare e attendere con ansia. L’esempio evidente: Whiteboard Friday.

Ogni venerdì il team di Moz si alterna davanti alla lavagna bianca per spiegare un argomento ben preciso. I risultati non sono arrivati dopo 15 giorni ma dopo mesi, dopo anni. Ma oggi ci sono persone (come me) che aspettano con ansia l’uscita di questa rubrica.

Ultimo punto

Presenziare la piattaforma, essere presenti con contenuti unici, arricchire post e articoli. Tutto giusto. Però a una condizione: la qualità. Non sei in grado di confezionare un prodotto degno del tuo nome? Meglio il silenzio. Anzi, meglio lavorare sui dettagli per ottenere un buon risultato e mantenere standard elevati. Allo stesso tempo non devi lasciarti frenare dalle incertezze.

Il mondo video è come quello del blogging: devi sconfiggere la paura della pubblicazione e devi affrontare la tua nicchia. E devi superare la paura di sbagliare. Succederà, e tu non dovrai mollare. Qualcuno ti critichera ma è normale: fa parte del normale equilibrio delle cose. Ma questo non deve intaccare il tuo progetto.

Provare e riprovare sempre con professionalità, mettendo in discussione le proprie certezze e cercando di migliorare sempre. Ti lascio il video di Anna Covone e un invito all’interazione: secondo te il blogging ha davvero bisogno del video?

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

4 Comments

  1. Ciao Riccardo, non potrei essere più d’accordo con te. Tra l’altro entrambi abbiamo aperto il 2015 con una rubrica video su YouTube e non si è certo trattato di un caso di telepatia.
    Al contrario abbiamo scelto di metterci la faccia – nel vero senso della parola – perché una scelta strategica vincente che consente al blogger di fare un passo in avanti sia in termini di autorevolezza sia in visibilità (posto che i video siano di buona qualità audio/video).

    Reply
    • Abbiamo entrambi avuto questa necessità. lasciamelo dire però: tu sei molto più professionale, io devo lavorare ancora molto sulla qualità dei video. Ma sto facendo passi avanti eh… la gente spesso ignora la quantità di tempo e le conoscenze necessarie per portare avanti una rubrica video.

      Reply
      • Esatto, proprio una necessità. Sì, preparare dei video richiede varie attività preparatorie al di là delle riprese vere e proprie. E’ un’esperienza nuova dalla quale sto imparando alcune cose. Grazie dei complimenti ed in bocca al lupo per i prossimi video, ti seguo sempre con interesse.

        Reply
        • Ti ringrazio, l’interesse è reciproco 😉

          Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.