Come migliorare la fiducia e il trust nei confronti del tuo sito web

Come migliorare la fiducia e il trust nei confronti del tuo sito web
[Total: 1 Average: 5]

L’autorevolezza di un sito web deve essere al centro delle tue attenzioni. Perché questo è un nodo fondamentale per avere sempre i favori di Google. Senza dimenticare le attenzioni del pubblico, le persone si fidano dei portali che si prendono cura dei propri lettori.

D’altro canto l’autorevolezza viene citata dal famoso documento dedicato ai quality rater. Expertise, Authoritativeness, Trustworthiness: questa è la valutazione che viene imposta ai documenti sul web. Oltre all’esperienza di chi scrive e all’attendibilità c’è da aggiungere il concetto in questione.

Ma come implementare questo passaggio rispetto a tutto ciò che concerne la tua presenza online? Ecco una piccola guida dedicata al tema in questione. E che riguarda qualsiasi tipo di portale o sito web, compreso blog aziendali ed ecommerce. Anzi, quest’ultimo devono avere sempre un’attenzione in più.

Da leggere: perché pubblichi contenuti autorevoli?

Metti in primo piano gli autori migliori

Il passo da evidenziare: la necessità di essere in prima linea. Devi dare un nome e cognome a quello che fai, e le strade da seguire sono diverse. In primo luogo puoi creare una pagina da inserire nel menu di navigazione dedicata al team o all’utente, magari presentando lo staff e la redazione.

Piccola attenzione per il footer: aggiungere indirizzi, dati fiscali, elementi necessari per capire chi si trova dall’altro lato del monitor. Poi non dimenticare l’autore dei post per un eventuale blog interno: devi firmare sempre gli articoli, nessuno si fida di contenuti anonimi. Nemmeno io. E Mountain View?

The website is one of the most popular recipe websites and the author of the recipe is a well-known celebrity chef who specializes in southern cooking.

Nella guida citata di Google dedicata ai contenuti di qualità ci sono diversi riferimenti ed esempi dedicati ai potenziali elementi che possono determinare l’autorevolezza per il motore di ricerca. Uno di questi è proprio la capacità di identificare in un determinato nome il profilo di un esperto del settore.

HTTPS: usa sempre certificati di qualità

Avere un certificato SSL per attivare l’HTTPS può essere una carta da giocare decisiva per aumentare l’autorevolezza di un sito web. D’altro canto oggi chi lavora in modo diverso deve accettare la presenza dell’etichetta Non Sicuro sul browser Chrome. Non è il massimo per trasmettere fiducia, sei d’accordo?

GeoTrust True BusinessID

Aumenta la tranquillità nei confronti del tuo dominio.

Oltre al certificato gratuito Let’s Encrypt, spesso attivato in automatico con i principali web hosting, puoi scegliere certificati più performanti per progetti più impegnativi. Ad esempio puoi valutare l’acquisto di un GeoTrust True BusinessID con EV (Extended Validation) che indica il nome dell’organizzazione.

Pubblica grandi contenuti su internet

Questo può essere un passaggio banale, in realtà il lavoro di content marketing non riguarda solo la bontà di ciò che pubblichi. O meglio, questo passaggio spesso si confonde con passaggi troppo semplici e immediati nella valutazione. Uno di questi aspetti è la lunghezza degli articoli che metti online.

Certo, si posizionano meglio in media e possono conquistare un numero maggiore di keyword oltre quella principale. Ma è solo questo che viene considerato quando valuti l’autorevolezza del lavoro svolto?

No, quello che fai in questo universo deve seguire le regole della fiducia nei confronti di ciò che pubblichi. Ciò avviene quando citi le fonti giuste (non quelle di rimando o che ti convengono in un’ottica di link building) e andando oltre il concetto di collegamento ipertestuale. Ad esempio?

Puoi menzionare libri, riviste, documenti cartacei a favore di una ricerca attenta e completa della migliore informazione possibile. Pensa a come puoi ottimizzare il contenuto per chi ti legge.

Lavora sull’usabilità del sito e del blog

Uno degli step decisivi per aumentare l’autorevolezza del sito web: l’esperienza utente. Tu ti fidi dei contenuti che non si possono leggere a causa della scarsa attenzione nei confronti della leggibilità? Oppure, cosa vuol dire essere sempre interrotti da banner e pop-up che si attivano senza permesso?

Tutto questo fa parte della buona esperienza che devi curare nei minimi dettagli. Ciò non interessa solo la pulizia del layout e la capacità di eliminare interferenze: la tua opera riguarda 2 grandi filoni oltre la già citata cura per la leggibilità dei testi e l’assenza di pubblicità invadenti. Di cosa si tratta?

Mobile experience

Il sito web è perfetto per la navigazione su dispositivi mobile come smartphone e tablet? Se la risposta è positiva il passo in avanti è stato fatto, ma assicurati che non si tratti solo di una semplice veste responsive quella che caratterizza il tuo prodotto. Per aumentare l’autorevolezza di un sito web devi renderlo accessibile. E navigabile da ogni postazione, altrimenti rischi che le visite si trasformino in abbandoni.

Come ottenere indicazioni utili sugli elementi che possono creare problemi? Per migliorare la navigabilità di un sito web devi essere in grado di ottimizzare l’esperienza su cellulare e tablet, per questo puoi usare il Mobile Test di Mountain View: un tool che ti dà le indicazioni per ottimizzare il sito.

Velocità del sito

Ora stai lavorando sulla capacità di trasformare il tuo lavoro in un piccolo gioiello di accessibilità ed efficacia. Forse credi che l’autorevolezza non si leghi alla velocità di caricamento, e in effetti devi lavorare prima su altri punti. Però questo fa parte del buon equilibrio.

Io consiglio di valutare il lavoro svolto con il tool Pagespeed Insight di Google. Questo strumento ti dà la possibilità di valutare la velocità di caricamento su mobile e desktop.

Guadagna buoni backlink sul sito web

Forse è inutile aggiungere tante parole su quest’aspetto, però è giusto ricordare che la qualità di un sito web si definisce anche grazie ai link ricevuti. Non si tratta solo di guadagnare collegamenti a caso ma di curare, giorno dopo giorno, una strategia di link building basata sulla qualità delle connessioni

Senza dimenticare che il tuo profilo si definisce attraverso link dal valore SEOnofollow, poi ci sono le menzioni e le citazioni che non contengono il collegamento. Ma che comunque possono essere un buon contributo per comunicare la bontà del lavoro svolto sul web.

Da leggere: come ottenere buoni backlink con le PR

Autorevolezza di un sito web: opinioni?

Quali sono i punti essenziali per definire la qualità di un portale? Ci sono diversi aspetti da valutare come puoi ben capire da questo articolo. Però ti consiglio di lasciare aperte le riflessioni e di valutare con cura cosa succede rispetto ai tuoi progetti. Secondo te basta per aumentare l’autorevolezza di un sito? Qual è la tua esperienza a riguardo? Lascia il tuo contributo nei commenti dell’articolo.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.