5 connessioni tra account social per migliorare la tua attività

5 connessioni tra account social per migliorare la tua attività
[Total: 0 Average: 0]

Primo punto da chiarire: io odio gli automatismi nell’attività di social media marketing. Ogni azione deve essere ponderata, ogni articolo e ogni contenuto deve essere condiviso sui social attraverso un processo studiato su misura. Un esempio su tutti: la pubblicazione dei tweet sul profilo Facebook, una bruttura senza eguali.

In questo modo sporchi la pubblicazione del tuo profilo personale, lo trasformi in un guazzabuglio di parole e link. Un tweet, con i suoi hashtag e le sue mention, ha senso nel suo habitat: su Facebook diventa qualcosa di innaturale. Non sempre, certo. La linea però è questa: stop agli automatismi, alle connessioni selvagge.

Un dogma? Una legge immutabile? un punto impossibile da mettere in discussione? Sai bene che non amo gli estremi ma il buon senso: la tua attività di social media marketing può avere dei vantaggi interessanti se riesci a creare delle connessioni tra account social utili e vantaggiose per il tuo lavoro.

Soprattutto, le connessioni in qualche caso ti permettono di risparmiare tempo. Ovvero una delle risorse indispensabili nel nostro tempo. Vuoi scoprire come ho organizzato la mia attività? Ecco qualche consiglio preso dalla mia esperienza personale.

1. Bitly

Una delle connessioni più utili rimane quasi sconosciuta, spesso dimenticata dai grandi manuali. Io uso Bitly per accorciare i miei URL, e il motivo è semplice: mi permette di ottenere delle statistiche dettagliate sui click ricevuti dall’indirizzo. Ci sono anche altri motivi che spingono verso questo tool, tipo la possibilità di personalizzare lo short URL o quella di condividere i link sui social dopo aver accorciato l’URL.

5 connessioni tra account social

Carica sul browser il comodo add-on di Bitly. Vai su una pagina web che ti interessa e clicca sul logo: appare una finestra che ti permette di accorciare l’URL, aggiungere tag o note, inviare via email, scegliere le keyword del nuovo indirizzo. E ti permette anche di condividere i post su Facebook e Twitter. Il vantaggio? Hai massimo controllo del testo didascalia e puoi modificare anche le immagini da mostrare nella preview del link su Facebook.

Per approfondire: quando Facebook fa storytelling.

2. Canva

Ovvero uno degli strumenti migliori per creare grafiche. Lo puoi usare per fare visual storytelling, per migliorare la tua attività social, per arricchire i tuoi post. E sai cosa? Una volta creato il tuo contenuto lo puoi condividere su Facebook e su Twitter. Il link porta alla tua creazione su Canva: puoi collezionare tutti i post sulla piattaforma, una vera occasione per chi lavora bene con questo tool per creare una piccola galleria d’arte.

3. Instagram

La connessione tra Twitter e Instagram è infelice, lo ammetto. Mandare le persone su un link senza mostrare la foto è inumano per un social come Instagram, ovvero basato sui contenuti visual. Prima l’integrazione era totale, poi c’è stato un passo indietro e ora solo Facebook mostra le immagini di Instagram. Questa integrazione la consiglio, anche perché Facebook crea un box nella sidebar dedicato proprio alle immagini di questo social (che appartiene comunque a Mark Zuckerberg).

migliorare la tua attività

Quindi non c’è soluzione per collegare Instagram e Twitter mostrando le immagini come allegati? Certo, basta usare IFTTT, ovvero uno strumento che ti permette di automatizzare decine di operazioni. Anzi, centinaia. Una di queste permette di caricare le immagini Instagram su Twitter non come semplici link. Per ottenere un buon risultato devi scegliere una ricetta e registrare i tuoi account: ti suggerisco quella di Valentina Lepore.

4. Feedly

Un’altra grande integrazione: Feedly e i social che rispondono al nome di Facebook e Twitter. In questo modo puoi lavorare in due direzioni differenti: ti aggiorni e leggi i contenuti utili alla tua attività professionale, dai ai tuoi follower la possibilità di leggere contenuti di qualità. E questo è un ottimo punto per guadagnare la fiducia delle persone.

5 connessioni tra account social per migliorare la tua attività

Ci sono tante fonti diverse. Il pubblico cerca contatti in grado di scegliere e condividere i contenuti giusti: con questa connessione puoi dare una marcia in più alla tua attività social. Ricorda che la versione gratuita di Feedly permette l’attivazione solo delle connessioni con Facebook e Twitter: gli altri canali sono per la versione a pagamento. Anche in questo caso hai massima autonomia sul testo delle didascalie: condizione essenziale dal mio punto di vista per personalizzare il messaggio.

Da leggere: organizza al meglio il tuo lavoro di freelance.

5. Evernote

Questo tool ti permette di archiviare nei vari block notes gli articoli più interessanti. Puoi creare un taccuino per ogni argomento, e mentre fai ordine nel tuo spazio puoi sentire l’irrefrenabile desiderio di condividere sui social quello che hai scoperto. Ricorda il valore della tua attività di content curation.

Rendi partecipi i tuoi follower, condividi i contenuti Evernote: basta cliccare sul pulsante condividi che vedi in alto a destra. Attenzione però: in questo modo condividi la nota Evernote, non il post. Puoi creare delle note prendendo anche elementi vari e creare una sorta di taccuino pubblico.

E tu quali social connetti?

Non tutti i social si prestano a questo lavoro: come ho già anticipato, ho disabilitato diverse connessioni perché la regola base è sempre la stessa. ovvero, ogni social ha dinamiche e codici differenti. Su Facebook una mention di Twitter resta uno sgorbio incomprensibile, su Twitter un link alla foto di instagram diventa poco usabile.

Devi scegliere, non tutte le connessioni sono inutili o inefficaci. Quelle che ho scelto e lasciato in attività le ho elencate in questo articolo. Sono sicuro che anche tu hai qualche buona connessione da suggerire: lascia la tua esperienza qui, nei commenti. E approfondiamo insieme l’argomento: secondo te le connessioni dei profili social sono utili?

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

2 Comments

  1. Ciao Riccardo,
    uso alcuni dei tools che hai descritto ed in particolare:
    – Evernote, anche se spesso poi le notizie rimangono nel cassetto
    – Facebook verso Twitter (e non viceversa) e trovo dei buoni riscontri soprattutto se sei consapevole che ciò che scrivi su Facebook andrà visto anche su Twitter
    – Goo.gl al posto di Bitly
    – Scoop.it per condividere su Fb, Tw, LnkdIn
    – Instagram–>Fb … ovvio

    Feedly non lo conoscevo, ora ci “gioco” un pochino…

    Grazie per i tuoi suggerimenti

    Reply
    • Ciao Loris, grazie per il commento.

      Feedly è spettacolare, ti consiglio di sfruttarlo al massimo: non rimarrai deluso. Anzi, mi permetto di consigliarti questa guida che ho pubblicato su My Social Web abbastanza approfondita http://www.mysocialweb.it/2015/09/30/feedly/

      Goo.gl al posto di Bit.ly: ti trovi bene? io preferisco quest’ultimo, è completo.

      Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.