Copywriting, blogging e SEO: intervista a Valentina Pacitti

Copywriting, blogging e SEO: intervista a Valentina Pacitti

Valentina Pacitti

Sono responsabile del Blog italiano di SEMrush, software di business intelligence e di ricerca sulla concorrenza. Comincio nel web marketing come account manager in una startup spagnola, Cyclon Media. Poi arriva la possibilità di combinare le conoscenze acquisite nel marketing digitale con la professione del copywriter e non me la lascio sfuggire. Copy e blogger, appassionata di libri, social media e nuove tecnologie. Del web amo la grande ricchezza che rappresenta a livello di conoscenze ma odio la sua invasione nella vita reale. Sono un’inguaribile ottimista, anche perché per vedere tutto nero c’è sempre tempo. Vivo a Madrid. Mi puoi trovare su Twitter.

[Total: 1 Average: 5]

In questo blog tocchiamo temi legati al content marketing, al digitar PR e all’inbound marketing. Ed è normale affrontare argomenti tecnici, capaci di rispondere alle domande di chi inizia a lavorare in questo mondo. Ma anche alle necessità dei professionisti del settore.

Quindi elenchiamo pratiche, teorie, soluzioni ed esempi per ottenere buoni risultati. Un po’ come abbiamo fatto con la guida dedicata all’inbound marketing. In questi articoli citiamo anche gli strumenti del lavoro, i tool necessari per ottenere informazioni da sfruttare nel lavoro di blogger outreach, creazione e pianificazione dei contenuti.

Uno dei nomi che trovi con maggior frequenza è sicuramente SEMrush. E sai cosa? Oggi abbiamo intervistato la penna che firma il blog italiano di questo brand: Valentina Pacitti, blogger e copywriter con una passione innata per la scrittura con carta e penna. Allora, da dove iniziamo?

Ciao Valentina, ci presentiamo?

Ciao a tutti i lettori di MediaBuzz, è un piacere essere qui con voi! Mi presento: mi chiamo Valentina Pacitti, ho 31 anni e gestisco il blog di SEMrush Italia. Sono copywriter e blogger e collaboro con diverse agenzie online producendo contenuti per i loro siti web e blog.

Racconta ai lettori come hai iniziato

C’era una volta una bambina che girava sempre con un quaderno, una Bic blu e un libro. Non importava dove andasse o cosa sarebbe successo. Con il suo zainetto sarebbe potuta arrivare alla fine del mondo senza accorgersene. Non so dire con precisione quando nacque la mia passione per la scrittura, credo sia sempre stata parte di me.

Ed è lì che vedo l’inizio del mio percorso professionale. Allora non sapevo che carta e penna sarebbero stati sostituiti da un monitor e una tastiera (anche se un quaderno e una Bic li trovate sempre nella mia borsa), e che invece di diventare giornalista avrei lavorato per qualche agenzia web. Nella vita credo non ci sia niente di più bello che farsi sorprendere, e io nei momenti cruciali ho lasciato fare.

Come hai iniziato a fare blogging?

Dopo la laurea in lettere, mi lasciai sedurre dalle nuove possibilità del web: cominciai a scrivere un blog, con la voglia di sperimentare e soprattutto di capire dove poteva portare tutto questo fermento per Internet e i social.

La presi molto sul serio: decisi di mettermi a studiare le tecniche di scrittura online, il funzionamento dei motori di ricerca e il social media management. Non fu facile trovare una buona occasione per trasformare la mia passione in un lavoro.

Così decisi di formarmi ancora un po’, ma nel frattempo volevo viaggiare, vedere il mondo, così mi trasferii a Madrid e lì cominciai un nuovo percorso professionale nel marketing digitale. Poi arrivò la grande occasione con SEMrush.

Cosa vuol dire per te lavorare con SEMrush?

Vuol dire imparare ogni giorno qualcosa di nuovo, confrontarmi con professionisti preparati e generosi, che condividono le loro conoscenze e mi permettono di crescere professionalmente. Il mio team di lavoro è energia allo stato puro, c’è una voglia di sperimentare, di provare che mi entusiasma. Tutto si basa sulla collaborazione, perché è unendo le forze (e le conoscenze) che si ottengono i risultati migliori.

Per SEMrush è molto importante la nostra preparazione professionale, a tutti noi è sempre richiesto di aggiornare le nostre competenze, di approfondire la formazione. Questo è un bello stimolo, perché ti porta a non adagiarti su quello che hai fatto ma a cercare di migliorarti sempre di più.

Come inizia la tua giornata?

Sveglia alle 7.50. Una tazza di tè per recuperare le mie facoltà mentali. Accensione Mac per recuperare la connessione con il mondo (durante la notte spengo tutto). La prima cosa che faccio è controllare il blog di SEMrush per verificare che tutto sia a posto, che i post programmati siano stati pubblicati correttamente e che ci siano condivisioni sui social.

Poi do un’occhiata alla mia mail personale, ai social e infine alla mail di lavoro. Mi informo sulle principali news del mondo consultando i magazine online, soprattutto quelli d’oltreoceano perché si possono trovare notizie più fresche.

Nel giro di 30 minuti sono abbastanza operativa, anche se per esserlo al 100% mi ci vorranno altri 2 caffè, rigorosamente italiani (nonostante viva a Madrid da quasi 4 anni, ancora non mi sono abituata al caffè spagnolo).

Copywriter: definisci il tuo lavoro

Il mio lavoro è fantastico! Innanzitutto perché mi permette di scrivere e leggere tantissimo, poi perché non è mai monotono, ogni giorno mi occupo di contenuti diversi, che necessitano di strategie di comunicazione e di diffusione differenti. Il lavoro del copy ha subito una grandissima evoluzione negli ultimi anni.

Ora non basta più saper scrivere bene, bisogna conoscere le dinamiche di posizionamento, bisogna capire come creare testi che i motori di ricerca possano riconoscere come di qualità. Non è facile, perché un copy normalmente non ha le conoscenze tecniche di un SEO, ma questo non deve scoraggiare, anzi, deve essere uno stimolo a studiare, a sperimentare per ottenere ogni giorno risultati migliori.

Contenuti e blogging, la strada per ottenere il successo?

A mio parere il riconoscimento di Google arriva quando ci si mette nei panni dei lettori ai quali ci si rivolge. Se produci contenuti con l’intento di fornire risorse di valore per chi legge, allora Google sarà soddisfatto e ti premierà con un buon posizionamento.

Scrivere su un blog senza aver prima ragionato su chi sta dall’altra parte, sulle sue aspettative e le sue esigenze é molto azzardato e difficilmente ti farà ottenere dei buoni risultati. Se invece prima di scrivere un contenuto cerchi di capire cosa porterà quel tipo di utente a imbattersi in ciò che hai scritto, allora potrai anche capire cosa vorrà trovarvi e includere le informazioni che considera importanti.

Offrire contenuti di valore è oggi più che mai l’unica strada. E se mantieni questa promessa e continui a offrire contenuti utili, non solo avrai il riconoscimento dei motori di ricerca, ma sarai considerato una fonte affidabile, un professionista preparato e un punto di riferimento nel settore.

Perché un’azienda dovrebbe puntare su un copy?

Perché il copy è quel professionista che ha la capacità di comunicare con efficacia il messaggio che l’azienda vuole trasmettere ai suoi clienti, che si tratti di un post su un blog, di un annuncio online o una pubblicità.

L’azienda può offrire il miglior prodotto o servizio presente sul mercato, ma se non riesce a comunicare con efficacia questo valore ai suoi potenziali clienti, allora non avrà vita facile. Il copywriter vive di pane e parole, sa come suscitare l’interesse degli utenti e come stimolare la loro curiosità. Pensate a quanti brand sono diventati quello che sono grazie ai creativi che ne hanno curato la comunicazione!

Un consiglio che cambierà la vita del lettore

Il mio consiglio numero uno è quello di non smettere mai di leggere, di informarsi, di cercare, di capire perché una cosa funziona e un’altra no. La curiosità è la chiave del successo, l’inerzia la sua tomba.

Sperimentando migliorerai e soprattutto non ti annoierai un solo giorno. Liberati dalla paura di sbagliare perché è un freno inutile: nel mondo di Internet, niente è per sempre, e tutto si dimentica nel giro di qualche post. L’unico che non dimenticherà quell’errore sarai tu e questa sarà una gran bella lezione.

Danilo Polidori

Danilo Polidori, Online Media Manager e fondatore di MediaBuzz, inizia la sua giornata alle 6:00 am con una corsa di 50 minuti a Battersea Park durante la quale raccoglie idee ed energie per affrontare con positività la giornata. Crede con fermezza che lo sviluppo tecnologico e dell’economia digitale rappresenti l’occasione per internazionalizzare le eccellenze produttive del nostro paese e tornare grandi.

More PostsWebsite

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.