Vendere online: 6 consigli presi in prestito da e-commerce di successo

Vendere online: 6 consigli presi in prestito da e-commerce di successo

Tutti vogliono creare un e-commerce di successo. Vendere online è un salto nel buio, devi investire tanto in questo settore per creare un sito web capace di dare soddisfazioni. Poi viene la promozione, e il lavoro capace di spingere il tuo operato nei settori utili a raggiungere l’obiettivo ultimo. Vale a dire la vendita online. Fare pubblicità a un e-commerce è importante, lo sai, ed è ancora più significativo puntare verso una base di qualità. Devi partire da un sito web capace di vendere online, questo è chiaro. Ma ci sono degli accorgimenti che possono fare la differenza in mille occasioni differenti. Per cogliere questi dettagli ci vuole attenzione, studio e attenzione per le sfumature. Ti sembra una sfida impegnativa? Non temere, in questo articolo ho raccolto 6 casi virtuosi presi in prestito da e-commerce di successo che puoi applicare sul tuo progetto senza tante difficoltà. Prendendo in considerazione, però, sempre un minimo di investimento. Quando si parla di e-commerce e difficile prevedere il contrario. Da leggere: content marketing, cos’è e come funziona Lavora sui megamenu in modo ragionato Il megamenu è un passaggio chiave per un ecommerce di grandi dimensioni. Partiamo da un punto chiaro: la navigazione parte da un modello ad albero e segue un percorso che va dal generale al particolare. Cercando di ridurre il numero di click necessario dalla home per raggiungere ogni risorsa. In questo equilibrio devi creare un menu di navigazione. Nell’header devi usare etichette semplici e intuitive, termini capaci di descrivere in modo sintetico una categoria. Che poi viene esplorata in modo completo dal megamenu, vale a dire una tendina che si amplifica...
Usabilità dei contenuti: fare content marketing per le persone

Usabilità dei contenuti: fare content marketing per le persone

Fare content marketing è un lavoro che deve puntare su strategie. Non puoi ottenere risultati se non inserisci il lavoro all’interno di un percorso ampio. Basato su osservazione dei risultati e adattamento delle operazioni. Però c’è un altro punto che spesso non viene considerato: l’usabilità dei contenuti. Cosa significa questo? Spesso si lavora solo sulla […]

Fare content marketing è un lavoro che deve puntare su strategie. Non puoi ottenere risultati se non inserisci il lavoro all’interno di un percorso ampio. Basato su osservazione dei risultati e adattamento delle operazioni. Però c’è un altro punto che spesso non viene considerato: l’usabilità dei contenuti. Cosa significa questo? Spesso si lavora solo sulla creatività, sulla necessità di lasciare a bocca aperta il pubblico. D’altro canto è questo il tuo compito, giusto? Creare qualcosa di realmente interessante per intercettare un target preciso. Sempre rimanendo nella strategia, ma dimenticando l’esperienza utente. Ovvero come le persone si interfacciano, usano e si relazionano con la tua opera. Che può essere fantastica, interessante, definitiva. Ma è stata pensata per tutelare l’usabilità dei contenuti? Oggi ho deciso di lasciare una manciata di informazioni e indicazioni per rendere la tua opera fruibile e piacevole per il pubblico. Per approfondire: gli esempi per fare brand storytelling Peso delle infografiche Il primo punto che voglio sottolineare: attenzione al peso del visual e, in particolar modo, delle infografiche. Questi elementi riassumono in un’unica soluzione molte informazioni. Inoltre consentono al pubblico di avere un’idea chiara di un tema. Sono particolarmente apprezzate perché racchiudono dati concreti e creatività, e permettono di lavorare bene con la link earning. Soprattutto se abbini al content marketing un lavoro di blogger outreach e digital PR. Il problema: spesso queste infografiche vengono caricate sulle pagine web senza un adeguato lavoro grafico. O meglio, senza considerare la necessità di comprimere le immagini per rispettare una regola base dell’usabilità: le pagine web devono caricarsi nel minor tempo possibile. Per ottenere questo risultato devi rispettare una serie...
SEO specialist: intervista a Stefano Schirru

SEO specialist: intervista a Stefano Schirru

Essere SEO specialist oggi non è semplice. In realtà non è mai stato un lavoro senza responsabilità, i clienti affidano il proprio sito web alla tua attenzione. E questo significa curare l’attività on site e off site per raggiungere gli obiettivii. Ovvero buoni posizionamenti su Google e sui motori di ricerca. Per questo è importante […]

Essere SEO specialist oggi non è semplice. In realtà non è mai stato un lavoro senza responsabilità, i clienti affidano il proprio sito web alla tua attenzione. E questo significa curare l’attività on site e off site per raggiungere gli obiettivii. Ovvero buoni posizionamenti su Google e sui motori di ricerca. Per questo è importante contattare persone competenti, capaci di ottenere il miglior risultato possibile. Con MediaBuzz siamo sempre stati attenti ai profili dei vari SEO specialist: abbiamo intervistato Ivano Di Biasi, Claudio Marchetti, Ivan Cutolo e altri ancora. Oggi dedichiamo spazio a Stefano Schirru. Chi sei e di cosa ti occupi? Sono Stefano Schirru e da oltre 10 anni mi occupo di SEO e visibilità online per i miei progetti personali e per conto di clienti. Lo scorso anno ho fondato la Img Solutions con cui aiutiamo le aziende a ottenere visibilità sul web sia attraverso i motori di ricerca che attraverso i social network e tutti gli altri canali. Mi dedico alla formazione e gestisco diversi progetti personali in settori a media e alta competizione. Cosa significa lavorare come SEO specialist? Quello del SEO Specialist è un lavoro davvero complesso. Oltre a dover padroneggiare bene la materia, quindi conoscere esattamente le dinamiche che regolano il comportamento di un motore di ricerca, bisogna saper coordinare anche tutti gli aspetti che stanno dietro a un progetto online. Spesso ci si trova a dover collaborare con un team composto da più professionisti dove bisogna rispettare le esigenze di ciascuno per ottimizzare al massimo il lavoro del gruppo. Dietro a quello del SEO specialist c’è un lavoro che va ben oltre...
Keyword research: 6 funzioni per migliorare i tuoi contenuti

Keyword research: 6 funzioni per migliorare i tuoi contenuti

Nel lavoro che svolgi per migliorare il tuo piano editoriale c’è una fase decisiva che riguarda l’analisi dei dati quantitativi. Vale a dire, devi capire cosa vogliono le persone attraverso una buona keyword research. Per scoprire gli argomenti da affrontare nel tuo blog devi analizzare le query per poi creare i famosi contenuti di qualità: testi […]

Nel lavoro che svolgi per migliorare il tuo piano editoriale c’è una fase decisiva che riguarda l’analisi dei dati quantitativi. Vale a dire, devi capire cosa vogliono le persone attraverso una buona keyword research. Per scoprire gli argomenti da affrontare nel tuo blog devi analizzare le query per poi creare i famosi contenuti di qualità: testi scritti e pubblicati per intercettare determinate esigenze. Questo è un lavoro utile in termini di inbound marketing: farsi trovare nel momento in cui le persone hanno bisogno di te. Per ottenere questo risultato devi prima capire gli intenti di ricerca, e come ho già detto una buona keyword research può fare tanto. Per questo esistono strumenti SEO come Semrush, Seozoom e Majestic che possono migliorare i dati offerti dalle piattaforme ufficiali. Andare oltre il topic più importante Ci sono dei tool che tutti conoscono e vengono usati ogni giorno per lavorare sulla keyword research. Come Keyword Planner di Google, senza dimenticare Google Trend. Non basta però lavorare su volumi di ricerca e CPC, sulle parole chiave a corrispondenza esatta e con le correlate. Spesso ho sottolineato l’importanza di un’analisi dei forum per migliorare la mappa dei contenuti, per individuare topic da approfondire in un articolo o con un post a parte. Ma non solo, puoi fare ancora di più. In che modo? Come puoi migliorare la mappatura dei contenuti? Sfruttando questi tool e queste funzioni che possono migliorare, approfondire e precisare la ricerca condotta intorno alle query più importanti. Allora, iniziamo dalla base e dai passaggi più importanti per il tuo calendario editoriale. Ottimizza i risultati di Google Suggest Google è il primo strumento utile per trovare le keyword migliori...
Seozoom SEO Tool, scopriamo le funzionalità con Giuseppe Liguori

Seozoom SEO Tool, scopriamo le funzionalità con Giuseppe Liguori

Scrivere per il web, scrivere articoli, scrivere contenuti. Quante volte abbiamo affrontato questi temi? E quante volte abbiamo parlato di SEO copywriting? Ora, il passaggio chiave qual è? Non esiste una scrittura per i motori di ricerca e una per le persone ma un buon modo per creare contenuti capaci di rispondere alle esigenze del […]

Scrivere per il web, scrivere articoli, scrivere contenuti. Quante volte abbiamo affrontato questi temi? E quante volte abbiamo parlato di SEO copywriting? Ora, il passaggio chiave qual è? Non esiste una scrittura per i motori di ricerca e una per le persone ma un buon modo per creare contenuti capaci di rispondere alle esigenze del pubblico. Appunto. Quali sono queste esigenze? Come le scopri? Come indagare le query di un’audience sempre centrale? Ci sono diversi SEO tool, ma non tutti possono fare la differenza. Il tuo lavoro di web editor non può accontentarsi di strumenti gratuiti? Perfetto, oggi abbiamo intervistato Giuseppe Liguori per descrivere e fare una guida di SEOZoom, uno strumento che tutti i copy (e non solo) vorrebbero avere. Chi sei e di cosa ti occupi? Sono Giuseppe Liguori, mi occupo di sviluppo software da tempi non sospetti e di SEO dal 2007. Sono co-fondatore di SeoCube, insieme al mio socio Ivano Di Biasi ho creato la suite SEOZoom. In azienda mi occupo di curare gli aspetti SEO on site dei nostri clienti, sviluppo software, e formazione. Cosa è SEOZoom? SEOZoom è uno strumento che aiuta chiunque abbia un sito web a migliorare la visibilità sui motori di ricerca. Sono presenti funzioni che partono dall’analisi dei competitor allo studio delle keyword da utilizzare per la scrittura di articoli, il tutto cercando di renderlo semplice anche a chi non è un tecnico. Come è nata l’idea di sviluppare il software? L’idea è nata perché in quanto agenzia SEO servivano una serie di tool operativi per gestire i lavori dei nostri clienti. Ci rendevamo conto che c’era una lacuna nel settore...