Dai social all’inbound marketing: intervista a Valentina Turchetti

Dai social all’inbound marketing: intervista a Valentina Turchetti

Valentina Turchetti

Classe 1985, mantovana, sono una persona curiosa e positiva: mi piace essere sempre in movimento tra un'idea e un progetto. Odio la monotonia, l'arroganza e la superficialità. Sono Web Content Manager: aiuto aziende e professionisti a trasformare la comunicazione in una risorsa di business.

Quante volte abbiamo parlato di inbound marketing? Più volte, come è giusto che sia. Perché questo è il topic fondamentale per ottenere buoni risultati in diversi aspetti, e per molte aziende diventa l’unica soluzione. Ecco perché è utile porre l’accento su eventi come Inbound Strategies.

Questo appuntamento, previsto per il 10 e 11 marzo 2017 a Milano, riunisce le eccellenze italiane per approfondire tutti i temi legati all’argomento. Puntando l’attenzione su tutti i rami di questa materia (SEO, Social Media Marketing, contenuti…) lavorando anche e soprattutto sui casi pratici.

L’attenzione ovviamente cade sui relatori. Chi ci sarà sul palco? Chi comunicherà le proprie conoscenze al pubblico? La lista è corposa, ma abbiamo deciso di dare voce a questi protagonisti con le nostre interviste legate alle eccellenze digitali italiane. Primo nome da mettere in evidenza? Quello di Valentina Turchetti.

Chi sei e di cosa ti occupi?

Ciao, mi chiamo Valentina Turchetti e sono Web Content Manager. Cosa significa esattamente? Aiuto le aziende e i liberi professionisti a sfruttare i Social Media e i contenuti online per farsi conoscere e promuoversi efficacemente sul Web, trasformando la Comunicazione Digitale in una concreta opportunità di Business. Il mio core business è il Social Media Marketing.

Racconta ai lettori come hai iniziato

Ho iniziato per aiutare il mio attuale marito, Marco Maltraversi, SEO Specialist: all’epoca stavo finendo la Laurea Specialistica in Lingue e Marco mi chiese di aiutarlo per un progetto web. In realtà, all’epoca non era tanto convinta di questo mondo.

Poi, però, mentre frequentavo il Master in Marketing Management me ne sono appassionata e mi sono iscritta a un corso di specializzazione e-learning: SQcuola di Blog. Da lì tutto è iniziato, o meglio: è iniziata la mia grande passione per il web marketing. Dopo alcune esperienze in agenzie di comunicazione e in aziende, ho deciso che volevo diventare una professionista del marketing digitale.

Meglio lavorare come freelance o in azienda?

Sicuramente freelance. E non lo dico così a caso, ma perché ho provato entrambe le situazioni: sono stata dipendente come commerciale estero in un’azienda modenese, poi communication manager junior in un’azienda reggiana. Infine, da cinque anni, sono freelance.

Se da un lato il lavoro da dipendente mi consentiva di chiudere, con mente e corpo, ogni attività lavorativa il venerdì sera per riprenderla il lunedì mattina, dall’altro mi costringeva a stare chiusa nelle quattro mura dell’ufficio. Spesso non mi consentiva di dare sfogo a ciò che mi piaceva fare.

Essere freelance ti dona una libertà di tempi, organizzazione e metodi per me impagabile. Ma non è per tutti: se non sei organizzato e determinato, fare il freelance può essere un’arma a doppio taglio.

Parteciperai all’evento Inbound Strategies…

Sì, sarò speaker all’evento Inbound Strategies insieme a tanti altri colleghi professionisti come Ivan Cutolo, Ivano Di Biasi, Andrea Saletti, Salvatore Russo e altri ancora. Quello che ti posso dire è che il mio speech sarà focalizzato sui contenuti online, quindi la creazione e promozione online di contenuti che vengano veramente letti. E soprattutto – aspetto più importante – risultino utili in relazione agli obiettivi di business.

Contenuti e SEO: la soluzione per conquistare il web?

Soluzione è una parola grossa, ma possiamo certo dire che ogni attività del web morirebbe senza contenuti: sia che io faccia SEO, social media, campagne di advertising, il contenuto, testuale e multimediale, è la base senza cui
non si potrebbe andare avanti nella progettualità.

 

Io credo che la SEO sia fondamentale per ogni business: come fai a essere intercettato dai clienti, se non sei presente online? Se il tuo potenziale cliente ti cerca e non ti trova? Ma è anche vero che la SEO da sola non basta: deve essere accompagnata da altre attività di brand awareness e lead generation, in considerazione chiaramente del budget che si ha a disposizione. Perché il web non è gratis!

Il blogging si inserisce in questo percorso?

Per me sì, perché adoro scrivere! Se però analizzo le richieste dei miei clienti, oserei dire che le soluzioni preferite sono 2: contenuti e SEO, contenuti e social media. Inoltre lo storytelling ha il potere di coinvolgere ed emozionare le persone. E su questo si basano molte leve del web marketing.

Un consiglio pratico che cambierà la vita del lettore

Vuoi fare web marketing in modo efficace e profittevole? Ricorda che il web ha un costo: devi investire risorse economiche per le attività da svolgere e per fare ADV online, ad esempio su Facebook.

Devi affidarti a persone competenti: ne formi una in azienda, ti rivolgi a un consulente esterno o a una web agency. Stai alla larga dai fuffologi, informati bene sulle persone con cui vorresti collaborare.

Ancora un punto che devi prendere in considerazione se vuoi proseguire in questo settore: non puoi aspettarti risultati dopo 2 settimane di lavori. Il web marketing presuppone un lasso temporale medio-lungo per vedere davvero risultati importanti. Risultati che, se il lavoro è stato realizzato con professionalità, non tarderanno ad arrivare.

 

Vuoi partecipare all’evento Inbound Strategies? Per i lettori di MediaBuzz è previsto uno sconto sul biglietto: basta digitare il codice sconto MEDIABUZZ25 per ottenere il 25% di sconto sul prezzo.

Danilo Polidori

Danilo Polidori, Online Media Manager e fondatore di MediaBuzz, inizia la sua giornata alle 6:00 am con una corsa di 50 minuti a Battersea Park durante la quale raccoglie idee ed energie per affrontare con positività la giornata. Crede con fermezza che lo sviluppo tecnologico e dell’economia digitale rappresenti l’occasione per internazionalizzare le eccellenze produttive del nostro paese e tornare grandi.

More PostsWebsite

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle Plus

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *