Posizionamento SEO su Google e content marketing

Posizionamento SEO su Google e content marketing
[Total: 1 Average: 5]

Il paradigma del marketing, in un business di successo è: giusto prodotto di fronte al giusto pubblico.

Le due esigenze principali, dunque, sono quella di garantire al tuo brand visibilità, e tradurre questa visibilità in guadagni.

Per quanto riguarda il primo aspetto, almeno online, le vie per ottenere traffico sono principalmente:

  • posizionarsi sui motori di ricerca (Google in particolare), tramite traffico organico (SEO) e pubblicità a pagamento (Adwords);
  • i social, anche qui sia sfruttando sia la visibilità organica che quella a pagamento (FB Ads).

Quale fonte di traffico scegliere?

Bisogna distinguere gli obiettivi: nel breve termine certamente il traffico a pagamento (Adwords e FB ads ad esempio) garantiscono visibilità al prodotto/servizio e al marchio

Nel caso di medio-lungo termine, però, la soluzione più profittevole è quella della SEO.

Cos’è la SEO e perché posizionare un sito su Google

Seo è l’acronico di Search Engine Optimization, e indica l’insieme delle attività da svolgere per posizionare un sito web in prima pagina su Google.

Tali attività portano risultato nel giro, tipicamente, di qualche mese. Non si tratta, quindi, di risultati immediati.

Il vantaggio, come accennato poco sopra, sta però nel medio-lungo termine: mentre con l’utilizzo delle forme di visibilità a pagamento si è obbligati a pagare costantemente per mantenere la visibilità, con la SEO tale risultato si mantiene più stabilmente nel tempo.

Il vantaggio è evidente: il posizionamento su Google permette di ottenere traffico gratuito verso un sito web.

Nel caso del mio blog, https://jfactor.it/, ho per esempio ottenuto la prima pagina su Google per parole chiave come “posizionamento google”, “come apparire su Google” e così via. questo porta a un continuo flusso di visitatori, e a un aumento della notorietà del brand, senza che io sia costretto a pagare costantemente in pubblicità.

Attenzione però: le due strade per ottenere traffico (cioè SEO e pubblicità a pagamento) possono anche andare a braccetto, in quanto l’una non esclude l’altra.

Soprattutto le attività di remarketing, nelle quali si va a riproporre i propri prodotti/servizi a utenti che hanno già visitato il nostro portale, è molto proficua e certamente da tenere in considerazione.

La SEO richiede diverse competenze. Si tratta infatti di una serie di attività piuttosto specifiche.

Il primo passo riguarda l’individuazione degli obiettivi, ovvero delle ricerche e argomenti per i quali si desidera raggiungere la prima pagina.

In secondo luogo bisogna ottimizzare il sito web, andando a risolvere gli aspetti tecnici (come contenuti duplicati, link rotti eccetera), assicurandosi di avere un sito facile da visitare per l’utente (user experience elevata) e anche facilmente indicizzabile dal motore di ricerca.

Fatto questo vanno ottimizzati tutti i contenuti del sito, al fine di far capire a Google, in maniera chiara, per quali parole chiave dovrebbe posizionarci in prima pagina e darci visibilità.

Infine ci si può impegnare nel processo di ottenimento di link (link earning). Siti web che vengono linkati da altri siti e portali prestigiosi, infatti, risultano più autorevoli agli occhi di Google.

Bene, come avrai intuito questi processi sono piuttosto elaborati e richiedono tempo. I risultati si vedono generalmente nel giro di 2-6 mesi.

Per approfondire: Link building: come valutare i link della tua campagna

Come combinare content marketing e SEO

Il content marketing è un’attività strettamente correlata al posizionamento dei siti web.

Anzitutto presentare contenuti di qualità sul proprio blog porta ad avere visitatori che apprezzeranno di più il nostro sito, portandoci a ottenere dati di permanenza migliori.

Avremo infatti visitatori che ci leggeranno più a lungo, che cliccheranno su più pagine del sito. Google apprezzerà questi elementi, e recepirà che il nostro sito offre valore e risponde alle necessità dei visitatori.

Dei contenuti di valore, che coinvolgano il lettore, sono poi determinanti anche per sfruttare al meglio il traffico che otteniamo: l’uso appropriato delle tecniche di scrittura e dello storytelling, infatti, sono determinanti per aumentare i tassi di conversione di vendita del prodotto o servizio che noi offriamo.

Troppo spesso, in effetti, l’attenzione è completamente posta sul traffico.

L’ottenimento di una maggior quantità di traffico è certamente un obiettivo importante, ma non dev’essere l’unico obiettivo.

E’ necessario studiare il traffico che otteniamo, e il comportamento dei visitatori, al fine di convertire sempre più le semplici visite in lead, e i lead in clienti.

Il content marketing, dunque, è una leva fondamentale per sfruttare il posizionamento dei siti web su Google.

content marketing influenza posizionamento motori di ricerca

Il content marketing influenza il posizionamento sui motori di ricerca

Vorrei approfondire un aspetto spesso sottovalutato, riguardante gli effetti indiretti che un’attività di content marketing ha sul posizionamento su Google e sulla visibilità sui motori di ricerca di un portale.

Bisogna prima fare un piccolo passo indietro, e che ti spieghi il concetto di link juice.

Devi sapere che Google dà maggiore rilevanza e visibilità a siti più linkati.

Questo vuol dire che, ceteris paribus (cioè a parità di altre condizioni), un sito con una quantità maggiore di link in entrata ottiene un migliore posizionamento.

I link devono ovviamente provenire da siti web validi, di qualità. Se un sito web che parla di economica, per esempio, viene linkato dal Sole 24 ore, otterrà un deciso boost nella visibilità sul motore di ricerca.

Se lo stesso sito, invece, ottiene un link da un sito nuovo e poco autorevole, i benefici saranno minori.

Bene. La domanda che probabilmente hai in mente è: come ottengo link di qualità?

E qui ci ricolleghiamo al content marketing.

Pubblicare contenuti di qualità sul nostro sito aumenta le probabilità che il nostro visitatore decida di linkarci.

Per approfondireContent Marketing e SEO: crea contenuti per migliorare il posizionamento

Immagina di scrivere la guida definitiva su un determinato argomento. I visitatori ameranno il contenuto, e saranno alte le probabilità che lo condividano sui social o lo linkino in forum o in altri blog.

Queste condivisioni generano a loro volta visibilità e potenziali link.

Filippo Jatta

Filippo Jatta si è laureato presso l’università Bocconi di Milano nel 2007.
E’ specialista SEO e nel posizionamento dei siti web su Google.
Lavora per posizionare su Google siti di liberi professionisti e imprenditori.

More PostsWebsite

Follow Me:
Facebook

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *