Vuoi migliorare il tuo posizionamento su Google con i contenuti?

Vuoi migliorare il tuo posizionamento su Google con i contenuti?
[Total: 1 Average: 5]

Migliorare posizionamento Google: un grande obiettivo, non trovi? Questa è una realtà interessante, ma soprattutto un bisogno che parla al cuore delle aziende e di tutti quelli che fanno inbound marketing. Devi farti trovare da chi ha bisogno di te, dico bene? L’analisi e l’ottimizzazione SEO sono il tuo pane.

Questo vale in tutte le occasioni: se vuoi promuovere un ecommerce devi migliorare il posizionamento su Google, e lo stesso discorso viene affrontato da chi vuole far emergere un blog aziendale. Essere presente nelle serp del motore di ricerca può portare a un buon successo per il tuo business, e il posizionamento può seguire strade diverse. Certo, l’ottimizzazione On-Page è la base di partenza per la tua avventura online, poi c’è una buona attività per definire una strategia di link building.

Una strategia da dirigere verso le risorse più importanti. Ma poi? Qual è la strada per migliorare posizionamento Google? Ecco delle soluzioni che puoi prendere in esame per il content marketing.

Da leggere: come fare content marketing per ecommerce

Come tentare la strada del featured snippet?

Buona idea quella del featured snippet, la posizione 0 che ti dà la possibilità di superare gli altri slot (ma non gli annunci AdWords) per conquistare un passaggio in primo piano verso l’attenzione del pubblico. Questa realtà è molto importante perché bypassa i competitor e diventa risposta immediata nella serp. Questo vuol dire che puoi farti notare anche nelle ricerche vocali che effettui sullo smartphone.

Proprio così, i featured snippet sono molto efficaci. Come ottenere questo risultato? Google non ha dato dei riferimenti chiari, ma di certo ci sono dei punti da rispettare per aumentare la probabilità di esserci. In primo luogo cerca di lavorare su un linguaggio chiaro ed esplicativo, capace di dare una definizione alla domanda. E poi ci sono le liste puntate che diventano delle ottime sintesi nei featured snippet.

Vuoi fare video content marketing su YouTube?

Hai sempre avuto quest’idea: puntare sul video content marketing, quindi creare dei prodotti visual capaci di comunicare con il pubblico attraverso dei codici diversi rispetto alla scrittura. Ben inteso, quest’attività resta centrale per una buona ottimizzazione delle pagine web. Ma la comunicazione sul web, in particolar modo quella mobile, è in debito con il video che esprime tutto e subito nella sua immediatezza.

video content marketing su YouTube

Ecco, Google premia quest’impegno. Rispondere alle domande del pubblico con un buon contenuto video può essere la soluzione giusta per migliorare posizionamento Google. In che modo? Guarda lo screenshot in alto: qui hai una sezione della serp occupata da box in evidenza. Pianificare una buona campagna di video content marketing su YouTube può essere un’attività vincente per ottenere buoni riscontri.

Posizionare contenuti del blog con le long tail

Una delle soluzioni più interessanti, utili e remunerative: posizionare articoli informativi per chiavi di ricerca molto lunghe. Magari con un costo per click basso ma molto pertinenti per il tuo target. L’esempio che faccio di solito: hai un ecommerce di scarpe? Posizioni le schede per le ricerche che riguardano il singolo modello, e le categorie per le query che abbracciano intenti più ampio (scarpe da basket).

Con il blog aziendale, invece, cerchi di raggiungere una varietà di query più variegate, tipo “come pulire le scarpe da ginnastica bianche” o variabili simili. Il concetto di long tail keyword è proprio questo: riuscire a individuare delle ricerche con dei volumi di ricerca bassi ma con un intento interessante per la tua nicchia. E conquistare uno spazio con un articolo informativo, denso e ricco di consigli.

Google News: un canale interessante per te

Vuoi posizionarti su Google senza fare la classica SEO? Un modo c’è ma è molto complesso. Anzi, forse è meglio lavorare con la classica ottimizzazione On-Page perché non è facile entrare nelle grazie di Google News. Però questa è una risorsa per posizionare il sito: come puoi ben vedere se riesci a farti indicizzare in questa sezione puoi ottenere dei caroselli molto interessanti nella serp.

Google News

Lavorare su Google News è un punto complesso perché ti dà la possibilità di migliorare posizionamento Google, ma non è facile conquistare un posto in questa sezione. Perché devi essere rilevante per gli aggiornamenti, una fonte notiziabile. La soluzione migliore è questa: se hai la possibilità di pubblicare aggiornamenti costanti e sfruttabili come notizie del settore prova a fare una richiesta.

Non dimenticare Google My Business

Lavori sul local e hai un’attività con una sede fisica? Ignorare la scheda di Google My Business vuol dire rinunciare ai vantaggi di una vetrina sempre illuminata e di una porta aperta per far entrare i clienti nella tua sede. Qui puoi mettere foto, posizione sulla mappa, tour 360 gradi, numero di telefono link al sito web, orari di apertura e altre informazioni. Puoi anche pubblicare dei post e mostrare le recensioni utente.

Insomma, per le piccole attività locali avere la scheda Google My Business è il miglior modo per fare SEO e per posizionarsi in prima posizione su Google. Chi ignora i benefit che possono arrivare da questo box sta perdendo buone occasioni per posizionare il proprio brand sulle pagine del motore di ricerca più importante del web.

La strada della pubblicità, Google AdWords

Anche la pubblicità su Google è da intendere come posizionamento SEO? In realtà si parla di campi che si incrociano e si toccano per raggiungere obiettivi simili. Con AdWords siamo nel settore più ampio del SEM, search engine marketing, e anche se il posizionamento è correlato al pagamento di una somma per ogni click il lavoro sui contenuti è decisivo e sempre centrale. In che termini? Quali sono i punti da sviluppare?

  1. Micro-contenuti dell’annuncio.
  2. Pagina di destinazione.

C’è quest’idea da sconfiggere: basta pagare per essere primi su Google. Questo è il principio che si trova tra le maglie di AdWords, ma per fare in modo che questo funzioni devi creare degli annunci persuasivi.

Annunci capaci di convincere a cliccare. Soprattutto, devi far arrivare le persone su pagine efficaci. Il contenuto qui è importante, creare una landing page diventa essenziale. Puoi investire quanto vuoi in AdWords, ma se si atterra su una risorsa inefficace il risultato è zero.

Da leggere: come pubblicizzare un prodotto su internet

Migliorare posizionamento Google: opinioni?

Queste sono le soluzioni da mettere in pratica per migliorare posizionamento Google. Non è impossibile, ci sono margini di miglioramento. Ma è chiaro un punto: la concorrenza è spietata. Per importi hai bisogno di tempo e risorse. Soprattutto devi studiare le attività insieme a un content marketing team.

Puoi creare articoli per il blog aziendale e video per il account YouTube, ma solo uno studio di cosa cerca il tuo pubblico può dare una bussola alla tua attività. Sei d’accordo? Dai uno sguardo alla nostra attività di content marketing con le principali campagne e lascia la tua opinione nei commenti.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.