Piattaforme influencer marketing: 4 strumenti per trovare i publisher

Piattaforme influencer marketing: 4 strumenti per trovare i publisher

Hai iniziato a lavorare con le piattaforme di influencer marketing? Mi sembra un buon punto di partenza, questo settore ha delle potenzialità interessanti per chi decide di investire tempo e risorse. D’altro canto il mondo degli influencer rientra nella sfera dell’inbound marketing, del processo che ti consente di farti trovare nel momento in cui le persone hanno bisogno di te. Spesso, erroneamente, si riduce tutto al blog aziendale. Il content marketing diventa un surrogato dei post che pubblichi sul diario online, e lo stesso vale per l’idea stessa di inbound. Questo è vero fino a un certo punto, ma poi devi prendere in considerazione altre strade. Soprattutto quando devi superare competitor agguerriti in un settore competitivo. Gli influencer sono una soluzione. Le aziende possono contattare blogger, instagrammer, youtuber o altre figure per promuovere prodotti o servizi. Questo equilibrio è delicato, basta un attimo per perdere la fiducia del pubblico e ritrovarsi come un semplice venditore di banner e recensioni poco credibili. Questo è il punto finale della tua professione di blogger. Argomenti del postBuzzooleYour Brand CampInstabrandLovbyLe tue piattaforme di influencer marketing D’altro canto le agenzie conoscono le necessità e le esigenze delle imprese: l’idea è quella di individuare i blogger ferrati nel settore di riferimento, con una community attiva e vivace, lineari con il brand e credibili nel momento in cui sponsorizzano il contenuto. Sembra un lavoro complesso, vero? Non a caso ci sono molte piattaforme di influencer marketing che possono aiutarti a ottenere i risultati sperati. Vuoi approfondire? Ecco una serie di soluzioni interessanti. Buzzoole Una delle realtà più ferrate e importanti nel settore delle agenzie per influencer marketing....
SEO Copywriting e web writing: intervista a Eleonora Usai

SEO Copywriting e web writing: intervista a Eleonora Usai

Vuoi lavorare con il SEO copywriting? Mi sembra una buona idea, perché sai bene che i contenuti sono decisivi per farsi trovare nelle SERP dei motori di ricerca. Basta questo per ottenere buoni risultati. E per posizionare le tue pagine web. Cosa significa? Ottenere buoni risultati, farsi trovare dalle persone giuste. Ma basta scrivere bene? Basta rispettare le regole della lingua italiana? Non credo, c’è un’arte dietro al lavoro di SEO copywriting che abbraccia il blogging, il web writing, le tecniche persuasive e le combinazioni utili per catturare l’attenzione del lettore. Ma anche quella di Google. I nomi da ricordare per lavorare in questo settore? oggi ti consiglio quello di Eleonora Usai. Chi sei e di cosa ti occupi? Ciao Danilo e grazie per avermi ospitato su MediaBuzz. Mi chiamo Eleonora e sono una copywriter freelance innamorata delle parole. Parole e storie mi hanno scelto da quando alle elementari ho avuto una maestra d’italiano che parlava di scrittura pubblicitaria. Copywriter4you è il mio sito professionale e ctrleffe la mia web agency.
 Lavoro sempre con la Moleskine vicino al pc e mi occupo di copywriting e blogging per raccontare aziende e imprenditori con onestà. I clienti mi aiutano a guardare con i loro occhi e scrivere con la loro penna. Cosa significa per te fare SEO copywriting? Fare SEO copywriting è rispondere alle richieste degli utenti dando informazioni vere, esperienze da portare a casa senza false illusioni. È far scorrere parole in un testo chiaro, che sia impreziosito di attenzione per il lettore senza abusare di parole chiave solo perché condiscono o servono per i motori di ricerca. È realizzare un...
I migliori esempi di landing page per guadagnare online

I migliori esempi di landing page per guadagnare online

L’inbound marketing si divide in diversi passaggi. C’è la fase iniziale che vede l’individuo che non conosce il brand e che viene attirato sul sito web in modi diversi. Tra le principali tecniche c’è quella che prende in considerazione il blog: strumento decisivo per fare content marketing, e per creare articoli capaci di intercettare le esigenze dei potenziali clienti. Questo avviene anche grazie al lavoro di SEO e SMM. Poi c’è la fase successiva: devi portare le persone sulle landing page. Ed ecco che inizia il processo più delicato, attraverso questa pagina puoi trasformare la tua presenza online in una fonte di guadagno. Esatto, qui il lettore si trasforma in cliente. O in lead, un contatto interessato all’acquisto. E che magari deve essere gestito da un commerciale o da un lavoro di lead nurturing. In ogni caso queste pagine sono indispensabili, rappresentano lo snodo centrale di una strategia che può fare la differenza. Il rapporto tra inbound marketing e landing page è delicato, essenziale, impossibile da sostituire o ignorare. Devi portare le persone sulla pagina, e questo è il primo passaggio utile. Però devi creare una buona risorsa sulla quale far atterrare le persone. Ecco perché voglio introdurre queste domande: quali sono i migliori esempi di landing page? Ci sono dei modelli da seguire? A cosa servono le landing page? Argomenti del postA cosa servono le landing page?Above the fold, la sintesiLong form, l’approfondimentoLanding page con videoFare lead generationLanding page interattivaI tuoi esempi di landing page Prima di iniziare è giusto dare un riferimento chiave: le landing page sono pagine con un unico scopo. Ovvero creare delle conversioni, catturare i lettori e trasformarli in...
5 modi alternativi di fare formazione nel web marketing

5 modi alternativi di fare formazione nel web marketing

Inizio sottolineando un punto decisivo: la formazione nel web marketing è importante. O meglio, non puoi pensare di migliorare le tue capacità senza uno studio continuo delle materie che ti riguardano. Non si tratta di semplice aggiornamento, qui si lavora sull’ottimizzazione del tuo bagaglio di esperienze. Il motivo di quest’attenzione è semplice: il digital cambia da un giorno all’altro. Oggi sei allineato con il tuo universo professionale, domani non più. Sembra uno scenario drammatico, un inferno per chi deve sempre dare il massimo. In realtà il bello del nostro settore è proprio questo: non ti annoi mai. Devi essere fluido, flessibile, pronto a cogliere l’occasione. E consapevole della necessità di fare formazione nel web marketing. Anche per questo ho dato visibilità a diversi appuntamenti legati a questo tema: il Visual Storytelling a Milano, il Web Marketing Festival a Rimini e il Web-ecom a Bari. Queste date sono dedicate a chi vuole avere sempre il controllo della situazione, a chi ama essere aggiornato e dare il massimo ai propri clienti. Ma ci sono modi differenti per trovare nuove fonti online. Non devi per forza comprare il biglietto di un evento per acquisire esperienza: ecco 5 modi alternativi per fare formazione nel web marketing. E per diventare un professionista migliore. Punta sulla consulenza one to one Argomenti del postPunta sulla consulenza one to oneLavora (quando possibile) con i più braviRicorda di rimanere sempre in ascoltoCrea qualcosa di tuo, qualcosa di specialeRicomincia (o inizia) a fare gavettaFormazione nel web marketing: la tua opinione Voglio iniziare con quello che, a mio avviso, è il miglior modo di fare consulenza ad alti livelli: contatta un professionista e pagalo per farti...
Formazione e Web Marketing Festival: intervista a Cosmano Lombardo

Formazione e Web Marketing Festival: intervista a Cosmano Lombardo

Fare formazione. Sembra questo il punto di partenza per chi deve iniziare il proprio percorso nel web marketing. Ma è un processo che riguarda solo chi muove i primi passi? No, questo è il chiaro: quando decidi di lavorare in questo settore non puoi mai fermarti. Questo è il bello (almeno per me): non si smette mai di apprendere e imparare. Ora, però, si apre un nuovo fronte: chi si occupa della formazione? È un peso importante, non puoi improvvisare perché è grazie al flusso di nozioni, conoscenze e informazioni che migliori la tua attività. E permetti al tuo business di crescere. Questo vale per le aziende, i liberi professionisti, gli studenti e chi decide di cambiare lavoro per scoprire un nuovo settore. Proprio perché la formazione è così importante oggi abbiamo intervistato Cosmano Lombardo che ci presenta la nuova edizione del Web Marketing Festival, ormai diventato un riferimento per il settore. Web Marketing Festival: il segreto per arrivare alla quinta edizione? Se esiste un segreto credo che sia nel rapporto creatosi in questi anni con tutti coloro che vedono nel web marketing uno strumento per generare valore. Il Festival è un luogo voluto e costruito da tutti gli amanti della creatività, e dalla passione per la contaminazione e fusione di più mondi. Anche quest’anno stiamo co-costruendo l’evento a 360 gradi: dalla parte tematica alle proposte di speech, passando per le singole iniziative di intrattenimento e quelle sociali.   Questa complicità tra le persone ci permette di realizzare una manifestazione che non sia solo formazione e che non si esaurisca in due giorni, ma si manifesti come uno strumento di...
Storie di Snapchat: 5 esempi per fare visual storytelling

Storie di Snapchat: 5 esempi per fare visual storytelling

Le Storie di Snapchat hanno segnato un punto di non ritorno. Oggi tutti i social hanno questa funzione: c’è Instagram Stories, ad esempio. E anche Facebook ha seguito questa tendenza. Il motivo? Questo formato funziona, le persone amano raccontare e raccontarsi. Mi verrebbe da dire che sono portate per lo storytelling. In realtà è così: le persone vogliono comunicare attraverso narrazioni. E anche le grandi aziende lo fanno per seguire la logica dell’inbound marketing. Ovvero farsi trovare nel momento in cui le persone hanno bisogno, non con noiose interruzioni pubblicitarie ma con contenuti utili. Ora, cosa significa per te questo? Puoi dare una definizione di utilità? Ci sono contenuti che permettono di soddisfare determinate esigenze informative: sono i classici tutorial o gli articoli che si posizionano nella serp. Ma puoi puntare anche su altre opzioni, il mondo del content marketing è ampio. E ti dà tool differenti per soluzioni diverse. Non sempre però le informazioni sono l’obiettivo ultimo. Spesso i contenuti ruotano intorno alle emozioni, che possono essere legate alla gioia o alla tristezza. Magari all’empatia. E possono convincere le persone a cambiare idea, a fare qualcosa a compiere un’azione. Tutto questo è utile e si può ottenere con lo storytelling, se fatto in un certo modo. E con gli strumenti adeguati. Anche le storie di Snapchat possono aiutarti. Come? Ecco gli esempi che ho trovato su Hubspot e ho selezionato per te. Cosa sono le Storie su Snapchat? Argomenti del postCosa sono le Storie su Snapchat?Fai personal storytelling come preferisciMostra il lato umano dell’aziendaAvvicina il pubblico al tuo mondoTutorial: mostra cosa sai fareCosa succede dietro le quinteStorie di Snapchat: la tua opinione Prima...
Web marketing per e-commerce: l’importanza della strategia

Web marketing per e-commerce: l’importanza della strategia

Lavorare sul concetto di web marketing per e-commerce è fondamentale. Anzi, fa parte del concetto stesso di shop online. Il motivo è semplice: è impossibile procedere senza promozione, senza la giusta sponsorizzazione. Gli imprenditori investono molte risorse per creare dei siti spettacolari. Chiaro, questa è una buona base per vendere sul web. Poi, una volta pagate cifre a 4 zeri, si siedono in poltrona e aspettano. Cosa? La giusta ricompensa, il profitto, il fatturato. D’altro canto l’idea di base è questa: ho pagato un sito web fior di denari, adesso voglio guadagnare. In realtà non è così, c’è ancora tanto da fare. Creare una piattaforma efficace è solo il punto di partenza, il primo passo. Poi viene la promozione. Ed ecco che ritorna con prepotenza il tema del web marketing per e-commerce: una volta pubblicata la base, devi individuare tutti i canali utili al tuo caso specifico per fare una buona promozione. Si va dall’ottimizzazione SEO alla pubblicità su Facebook, fino alle tecniche più avanzate. Tecniche che riguardano prenotazioni e acquisti, ma non solo. I passaggi principali verranno affrontati durante il Web-ecom, l’evento organizzato da Daniele Rutigliano che si terrà a Bari il 9 giugno. All’appuntamento parteciperanno diversi professionisti del settore, tra questi anche Marco Volpe ed Emanuele Arosio, per affrontare temi centrali del marketing per e-commerce. Qualche anticipazione? Posizionarsi su Google: SEO internazionale Argomenti del postPosizionarsi su Google: SEO internazionaleCome vendere online con l’emotional CRMPuntare sui social: Facebook e InstagramPromuovere la struttura ricettiva senza OTAWeb marketing per e-commerce: sei pronto? Questo è uno dei punti essenziali per promuovere un e-commerce nel modo migliore. Perché il passaggio iniziale è semplice: ho un...
Professione social media manager: Intervista a Roberto Gerosa

Professione social media manager: Intervista a Roberto Gerosa

Il lavoro del social media manager non è semplice. Anzi, è un compito difficile. Devi avere la professionalità di chi lavora notte e giorno sulle piattaforme di social network come Facebook e Instagram, ma devi anche sfruttare le dinamiche legate all’inbound marketing che contemplano gli strumenti del blogging aziendale, dell’influencer marketing e del native advertising. Ecco perché oggi abbiamo deciso di intervistare Roberto Gerosa di SocialDaily.it, social media manager che cura progetti per aziende e privati. Nel tempo libero organizza corsi di formazione sempre sul social media marketing. Per questo è la persona giusta per approfondire l’argomento, non credi? Allora, iniziamo dalla domanda più difficile (secondo me). Cosa significa per te fare social media marketing? Adottare strategie e creare contenuti senza l’ossessione della vendita a breve termine. Far capire ai clienti che un tono autoreferenziale e promozionale non porta a un bel niente. Significa aggiornarsi in continuazione sulle ultime novità dal mondo dei social media ed evitare la fine di certe agenzie di comunicazione e marketing, attaccate a vecchi schemi comunicativi e ferme agli anni ’90. L’influencer marketing è un elemento decisivo? L’influencer marketing a mio avviso non è decisivo per tutte le aziende, per tutti i settori. Vorrei spiegarmi meglio, prima di “urtare” la sensibilità del mio caro amico Matteo Pogliani, esperto di influencer marketing. Ho diversi clienti nella PMI. Certi settori sono talmente dormienti dal punto di vista del social media marketing che individuare e coltivare una strategia di influencer marketing rischia di essere un dispendio di risorse ed energie poco efficaci. Non è per fare i soliti discorsi pessimisti ed esterofili sul fatto che in Italia siamo indietro su...
Come sfruttare Mailchimp Automation per la tua newsletter

Come sfruttare Mailchimp Automation per la tua newsletter

Questa è una notizia decisiva: Mailchimp Automation è disponibile per i profili gratuiti. Come ben sai, questa piattaforma di email marketing – una delle più raffinate presenti online – può inviare contenuti via newsletter e creare dei segmenti ben precisi per differenziare la tua lista contatti. Le funzioni messe a disposizione sono infinite, e tutte sono dirette verso un’unica direzione: trasformare la tua attività di invio newsletter e messaggi di posta elettronica in un lavoro scientifico. Puoi misurare tutto, puoi raffinare i passaggi per raggiungere il pubblico e migliorare il tuo lavoro. L’invio di una newsletter è il passaggio decisivo per entrare in contatto con individui che hanno lasciato un’email nel form. Ci sono mille modi per fidelizzare: puoi usare una pagina Facebook, un account Twitter, il feed rss. Ma niente è meglio di una lista di contatti email costruita nel pieno rispetto delle regole e delle necessità del pubblico. Con uno strumento come Mailchimp puoi raggiungere migliaia di persone diverse con un solo invio, e con obiettivi sempre differenti. Con un’email puoi informare, vendere un prodotto, condividere i post migliori. O magari puoi regalare dei contenuti extra. Ad esempio un e-book o un white paper. Questi passaggi sono fondamentali in un una strategia di content marketing. E con Mailchimp Automation tutto diventa più facile. Cos’è e come usare Mailchimp Automation Argomenti del postCos’è e come usare Mailchimp AutomationInviare un’email di benvenutoLavorare su un workflow di emailIntegrare e-commerce e newsletterGià usi le Mailchimp Automation? Il concetto di automazione quando si parla di email marketing è decisivo. Questa funzione di Mailchimp ti aiuta a comunicare con i tuoi contatti come vuoi, con i messaggi che desideri. Ma...
Come usare le infografiche per fare content marketing

Come usare le infografiche per fare content marketing

Partiamo dal principio: cosa significa fare content marketing? Usare i contenuti per raggiungere step specifici. Una digital strategy ti consente di individuare obiettivi, target, strumenti per portare a casa buoni numeri. Devi individuare la via da seguire. E i punti da evitare. In questo equilibrio puoi trovare diversi strumenti. Ad esempio il blogging, il native advertising, lo storytelling, l’influencer marketing. Ci sono strade differenti per raggiungere step intermedi diversi che però puntano verso uno scopo chiaro: ottenere dei risultati concreti in termini strategici. Il content marketing ti aiuta a fare questo, e tra le possibili soluzioni c’è tanto da aggiungere. Non ci sono solo articoli del blog, tutto dipende da chi vuoi raggiungere e in che fase del funnel si trova il target. Puoi fare affidamento sui post del blog, su case study da inviare via email e magari su infografiche. Esatto, le infografiche possono diventare una leva interessante per incassare l’attenzione del pubblico. Solo questo? In realtà no, ecco come usare le infografiche per fare content marketing e intascare successi in diversi ambiti. Ogni investimento deve essere contemplato, soprattutto quando punti sul visual. Come ottenere buone menzioni sul blog Argomenti del postCome ottenere buone menzioni sul blogUn’infografica per interagire con gli influencerLavora sodo sul concetto di lead nurturingMigliora la qualità del contenuto con le infograficheInfografiche e content marketing: la tua esperienza Il primo intento utile in questo caso: trovare link per il proprio dominio. Sai bene che per vincere nelle serp di Google non puoi puntare solo sulla creazione di contenuti SEO oriented: devi raggruppare collegamenti ipertestuali di qualità. Questo vale soprattutto nei settori più competitivi, non puoi lavorare solo sulle tue pagine. In questo caso il percorso...