Il valore del content marketing per il brand

Il valore del content marketing per il brand
[Total: 1 Average: 5]

Cosa è il content marketing? Abbiamo più volte affrontato questo argomento sul blog MediaBuzz: molti credono che si tratti semplicemente della creazione e pubblicazione di contenuti più o meno utili per la propria audience. Sotto un certo punto di vista è un’idea giusta, ma questa definizione è superficiale. Troppo superficiale.

Il content marketing è un’attività che le aziende stanno sfruttando con successo, e che non può essere rinchiusa nella semplice pubblicazione di articoli. Il content marketing, infatti, abbraccia anche l’analisi del target, la definizione dei valori che facciano da base per il messaggio e del canale adeguato per condividere un determinato contenuto. Che, ben inteso, può essere un testo, un’immagine, un video. O una combinazione virtuosa di codici come nel caso Netflix.

Secondo un sondaggio condotto nel novembre 2012 dalla Econsultancy and Outbrain, il 90% dei venditori è convinto che il content marketing diventerà ancora più importante nei prossimi 12 mesi. E ricerche recenti hanno confermato queste tendenze: le aziende investono nel content marketing.

Nonostante le perplessità di alcuni investitori, i contenuti rappresentano il futuro di tutte le grandi compagnie di comunicazione per raggiungere un bacino d’utenza online e offline sempre più ampio.

Il valore del content marketing per il brand

Le aziende del settore B2B che investono in content marketing – Fonte grafico

Come puoi ben notare, le imprese che investono nel content marketing sono in maggioranza. Ma questa dinamica non è valida solo nel settore B2B: anche nel B2C le aziende lavorano senza sosta per creare dei contenuti in grado di lavorare in ottica inbound marketing, e trasformare la comunicazione del brand in una storia da ascoltare o in un contenuto da sfogliare con passione.

I brand che investono nel content marketing

Un ottimo esempio di content marketing arriva da Red Bull. Questo brand – da sempre attivo nelle campagne per definire la propria immagine online e offline – ha lanciato una rivista dedicata alla grande distribuzione nel maggio 2011.

The Red Bulletin rappresenta il mondo come lo vede Red Bull, o meglio come lo vede chi condivide i valori del marchio: un luogo in cui chi ama il brivido può compiere imprese folli. Gli editori della rivista hanno spesso dichiarato che questa politica di approccio è necessaria se si vuole avere una conversazione ricca con il pubblico.

La Red Bull, che ha di fatto trasformato l’industria delle bevande, è tra i primi nomi al mondo ad aver realizzato una propria rivista. La maggior parte degli esperti prevedono che riusciranno ad avvicinare i propri utenti al marchio stesso. Perché è questo il principio del content marketing: lavorare non solo per ottenere dei vantaggi diretti (più contenuti, più vendite) ma anche per fare brand awareness.

content marketing brand

Anche nel settore B2C il content marketing è importante – Fonte grafico

Ovvero per diffondere il proprio brand e fare in modo che sia immediatamente riconoscibile come veicolo di determinati valori. Una rivista non vendere direttamente una lattina, ma è uno strumento – legato al content marketing – per fidelizzare, per accogliere le persone che condividono le stesse idee.

Un altro esempio è quello del sito della Johnson & Johnson dedicato ai genitori ossia www.babycenter.com che ha riscosso un tale successo da essere stato indicato come uno dei responsabili nel calo di vendite delle riviste specializzate. Ma qual è lo scopo? Posizionarsi per un determinato target, creare dei contenuti utili per i potenziali acquirenti.

Il presupposto è sempre quello della qualità: i contenuti vanno realizzati tenendo conto del brand e della sua attuale diffusione, delle prospettive, degli obiettivi sul target e del bilancio tra costo e ritorno.

Una volta stabilito una conversazione con la propria audience, questa forma di comunicazione può diventare una fonte inesauribile di successi.

Lavorare con il Digital PR

Tutto questo vale anche per il settore web. Anzi, in questo caso puoi giocare con i codici e creare contenuti capaci di sintetizzare scrittura, audio, video, immagini, elementi partecipativi e canali per promuovere gli user generated content. Ovvero i contenuti che nascono dalle interazioni con gli utenti.

Questo vale per una grande compagnia, ma anche per il piccolo imprenditore. L’importante è non muoversi senza un’adeguata strategia. Devi valutare con cura le proprie azioni, investire il giusto in un buon sevizio di blogger outreach e Digital PR per individuare publisher adatti per ospitare i contenuti. Poi, ovviamente, entra in gioco l’attività di scrittura, di analisi dei risultati e riadattamento in base ai dati in proprio possesso.

E tu sei pronto per promuovere il tuo brand attraverso il content marketing?

Danilo Polidori

Danilo Polidori, Online Media Manager e fondatore di MediaBuzz, inizia la sua giornata alle 6:00 am con una corsa di 50 minuti a Battersea Park durante la quale raccoglie idee ed energie per affrontare con positività la giornata. Crede con fermezza che lo sviluppo tecnologico e dell’economia digitale rappresenti l’occasione per internazionalizzare le eccellenze produttive del nostro paese e tornare grandi.

More PostsWebsite

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Trackbacks/Pingbacks

  1. 5 esempi di storytelling per la tua azienda | MediaBuzz - […] o video sui social. Alla base c’è uno studio attento delle dinamiche che intercorrono tra brand e target, un’attenta…
  2. Come distruggere il tuo brand con un profilo Facebook | MediaBuzz - […] personal branding con Facebook è possibile: con il blog puoi puntare a un determinato aspetto del content marketing, mentre con…
  3. Quando la SEO diventa scienza: Ivano Di Biasi su MediaBuzz | MediaBuzz - […] Ad oggi gestisco con il mio socio, Giuseppe Liguori, una delle più belle realtà italiane nel settore dell’inbound marketing…
  4. Come dare valore alla tua azienda con il blog outreach | MediaBuzz - […] ultimi articoli ho dato diversi riferimenti riguardo all’argomento content marketing. In particolar modo, grazie a diverse ricerche legate all’universo…
  5. Campagna di content marketing: i link fanno la differenza | MediaBuzz - […] bene che una campagna di content marketing ha degli obiettivi precisi. Non puoi iniziare a produrre contenuti senza aver…
  6. Digital marketing per ristorante: intervista a Nicoletta Polliotto | MediaBuzz - […] un approccio Content First. Il Social Media Marketing è un ambito attraversato dalle strategie del content marketing. In una…
  7. I clienti hanno bisogno dello storytelling? | MediaBuzz - […] Inutile girare intorno a una delle realtà che caratterizzano l’universo del content marketing: le aziende che fanno brand storytelling…
  8. Contenuti di qualità: intervista a Lisa De Leonardis | MediaBuzz - […] succede nel mondo del content marketing? All’improvviso tutti si affollano intorno a questo settore, cercano risposte dal mondo dei…
  9. Facebook, brand e customer care: il tempo è importante | MediaBuzz - […] A volte le piccole e medie imprese ragionano solo su questo piano: niente blog, niente strategia di content marketing…

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *