Guadagnare con i contenuti: come monetizzare con il content marketing

Guadagnare con i contenuti: come monetizzare con il content marketing
[Total: 1 Average: 5]

Guadagnare con il content marketing è un’idea interessante. Perché ti consente di trasformare un’attività virtuosa per il tuo pubblico, quella del publisher, in un momento chiave per il lavoro online. Ovvero la monetizzazione. In fin dei conti siamo qui per questo, giusto? Dobbiamo fatturare.

E lo dobbiamo fare nel miglior modo possibile, mi sembra logico. Sì, ma come? Il content marketing si inserisce in una strategia più ampia che rientra in tutto ciò che viene definito inbound marketing. Di conseguenza usi post, infografiche, video, podcast, ebook e tutto ciò che potrebbe interessare il pubblico per intercettare persone che rientrano nel tuo target. La soluzione è questa, prendere o lasciare.

Poi devi analizzare i risultati, devi fare in modo che i contenuti diventino sempre più adatti allo scopo ultimo. Che, appunto, si definisce all’interno di un percorso. C’è una digital strategy, c’è un piano editoriale, c’è un calendario delle pubblicazioni. Ma poi, come guadagnare con il content marketing?

Per approfondire: video content marketing e contenuti online

La ricerca e i dati per guadagnare online

Per rispondere a questa domanda ho letto i dati di una ricerca commissionata da Social Media Examiner dedicata proprio a questo tema: come si guadagna con il content marketing? In realtà il titolo lascia intendere un passaggio importante: “Creator Monetization Report 2017: How Bloggers, Video Creators, and Podcasters Make Money”. Ovvero, stiamo parlando di un periodo ben preciso, il 2017.

Come guadagnare con il content marketing oggi, non in termini assoluti. Questo è importante perché consente di capire le tendenze del qui e ora, con tutti i vantaggi che può avere un approccio contestualizzato. Soprattutto, basato su tecniche realmente efficaci in un periodo storico.

Già ci siamo occupati dei content marketing trend per il 2018. Ora è giusto capire in questo 2017 come hanno monetizzato blogger, podcaster, video maker e altre figure che hanno messo al centro i contenuti nella propria strategia digitale. Senza dimenticare l’importanza della pubblicità.

Com’è andato l’ultimo anno? Si è guadagnato di più grazie ai contenuti? Sì! La metà degli esperti del settore sta guadagnando di più oggi rispetto a 12 mesi fa. Solo il 13% ha dichiarato di incassare di meno. Un buon 37% degli intervistati rimane stabile, ed è comunque una buona notizia.

Come guadagnare con i contenuti migliori

La prima domanda interessante: come si guadagna con i contenuti? Ovvero, quale circuito viene usato per fatturare e per giustificare la propria strategia di content marketing? Come puoi vedere dal grafico in basso, la maggior parte degli introiti e dei guadagni arriva da un settore specifico: l’advertising.

Come guadagnare con i contenuti

Come puoi ben vedere l’advertising ha un ruolo da protagonista tra i guadagni di chi si occupa di contenuti. Ma anche la vendita di prodotti ha grande spazio, segno che c’è una forte attenzione al mondo degli infoprodotti. Senza dimenticare la voce dedicata a consulenze e servizi, sinonimo di un uso dei contenuti per intercettare il pubblico che ha bisogno di una professionalità specifica. Ti trovo, ti contatto.

Qualche dato specifico? I blogger hanno maggiori probabilità di guadagnare vendendo prodotti (50%) e proponendo servizi (49%). Chi si occupa di video monetizza con la pubblicità (71%) e poi con la vendita dei propri prodotti (36%). I podcaster tendono a monetizzare vendendo servizi (63%) e prodotti (62%), poi con gli interventi retribuiti (39%). Solo il 31% dei podcaster guadagna con la pubblicità.

C’è incrocio dei contenuti e delle strategie

Molti creativi vanno oltre l’unica strada. Il blogger vuole fare altro, non si limita a scrivere. Ad esempio il 36% crea contenuti video, il 17% pubblica video in diretta e l’8% si dedica ai podcast.

Passiamo ai video maker: il 26% scrive post blog, il 24% utilizza i live (che hanno un grande successo) e il 7% sono anche podcaster. A proposito, cosa fanno i podcaster? Il 55% è anche blogger, il 40% sfrutta il canale video e il 31% il live. Tutto questo per alimentare e intercettare un pubblico affamato di qualità.

Come cambieranno le strategie sul web?

Il mondo dei publisher è sempre in evoluzione. Il 2017 è stato un anno ricco di soddisfazioni, ma non basta mai. Bisogna sempre migliorarsi ecco perché già è pronto il piano per cambiare, sviluppare e definire le strategie di content marketing per il 2018. Come si svilupperanno le attività di monetizzazione?

Il 67% dei content marketer vuole fare di più nel campo della vendita prodotti. Mentre il 58% prevede di aumentare i propri annunci pubblicitari. Consulenza e servizi: il 55% ha in programma un aumento di queste strategie. Poi c’è un aspetto interessante: accettare offerte di marchi e sponsorizzazioni. Detto in altre parole influencer marketing. Il 50% pensa di lavorare di più con i brand e con le aziende.

Devi fare formazione per guadagnare

La formazione delle competenze resta centrale in un mondo come quello del content marketing. Ecco perché chi si occupa di questo tema preferisce guardare avanti e imparare nuovi metodi per monetizzare i contenuti. Quali sono le strade più seguite? Cosa vogliono imparare in più i publisher?

formazione content marketing

Nella maggior parte dei casi è la vendita a catturare l’attenzione, forse perché attraverso l’infoprodotto puoi creare una rendita passiva per continuare a guadagnare una volta concluso il lavoro. Ti devi occupare solo della promozione, poi l’incasso arriva in automatico. Importante notare, però, l’attenzione per le relazioni con i brand che emerge dopo l’interesse per l’advertising che è sempre importante.

Quali sono i settori da raffinare? A parte le competenze specifiche, cosa deve saper fare un esperto di content marketing per monetizzare con i contenuti? La risposta è chiara: deve studiare e lo deve fare nel miglior modo possibile. Ecco, in questo schema, i campi che sono sotto i riflettori.

Le tre aree decisive per guadagnare con i contenuti: aumentare la propria audience, migliorare le tecniche di monetizzazione e ridefinizione delle tecniche per creare contenuti. Insomma, chi si occupa di content marketing deve lavorare sulla qualità e sulla quantità del pubblico. Non bisogna mai fermarsi.

Ed è importante considerare i ritmi. Si pubblica di più per monetizzare di più: nel corso del prossimo anno, il 2018, gli esperti di content marketing vogliono aumentare la frequenza di pubblicazione dei video (74%), ma anche per i post dei blog (66%), dei video live (58%) e del podcasting (34%).

Da leggere: come creare il content marketing team

Vuoi guadagnare con il content marketing

Mi sembra giusto investire su questo aspetto. Giusto fare una precisazione: content marketing non vuol dire solo creare contenuti. In queste statistiche si affrontano i numeri di chi lavora con la creazione di post blog, video e podcast per monetizzare. L’attività di content marketing per aziende va oltre. E chi lo fa per lavoro lo sa bene: ogni passo rientra in una strategia articolata per ottenere risultati diversi.

Risultati che impegnano il branding e il customer care. Ma che alla fine puntano sempre verso il fatturato. Magari pensando sul lungo periodo e non solo sulla monetizzazione a breve. Allora, tu hai deciso di guadagnare con il content marketing? In che modo? Lascia la tua esperienza nei commenti.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *