6 esempi di aziende che fanno Inbound Marketing con il blog

6 esempi di aziende che fanno Inbound Marketing con il blog
[Total: 1 Average: 5]

Sai qual è uno dei punti essenziali dell’inbound marketing? Difficile trovare esempi concreti. Sì, parliamo spesso di questa strategia e dell’importanza del farsi trovare nel momento giusto dalle persone che cercano il tuo contenuto. Poi? Quali sono gli esempi di inbound marketing che fanno la differenza?

La risposta latita. Ma il motivo non si lega alla metodologia: è chiaro che la logica che si trova alla base di tutto questo è vincente. Le persone non vogliono advertising, cercano contenuti utili. Qualcosa che sia in grado di rispondere alle domande e comunicare emozioni. Questa è la regola.

E questa è la strada che segue chi fa inbound marketing. Con i risultati che puoi ben immaginare: il pubblico ignora l’advertising, trova l’articolo del blog e arriva sulle landing page. Per poi trasformarsi in lead. Non è sempre così facile ma questo è il meccanismo. Ora però vogliamo capire come muoversi.

Vogliamo gli esempi di inbound marketing capaci di chiarire punti lasciati scoperti, e di definire con metodo quali sono le caratteristiche vincenti di chi usa il blog a ragion veduta. Ecco 5 aziende selezionate da Hubspot (più una che ho scelto io) che hanno usato il blog per ottenere vantaggi concreti.

Esempi di inbound marketing

Prima di iniziare con gli esempi di inbound marketing è giusto dare una definizione: perché è così importante questo strumento? Semplice, perché puoi usare i vari articoli per rispondere alle query informazionali sui motori di ricerca. Mi spiego meglio: ci sono ricerche transazionali (o commerciali) che riguardano azioni specifiche. Come, ad esempio, l’acquisto di beni o servizi.

La maggior parte delle ricerche sul web, però, sono informazionali. Ovvero sono digitate da chi non vuole acquistare qualcosa (almeno per il momento) ma cerca chiarimenti, dati, soluzioni. Tu puoi esserci, puoi dare la risposta e aiutare queste persone. Portandole sul tuo sito e poi sulle tue landing page. Nel funnel dell’inbound marketing il blog si trova nella fase iniziale. Quando devi trasformare persone sconosciute in lettori, in utenti attivi sulla tua piattaforma. In che modo?

American Express e il concetto di community

Sai cosa? Il tuo blog può essere qualcosa di più di un semplice diario online. Può diventare un canale che veicola valore, un punto di riferimento per un’intera nicchia. Sto parlando di una community attiva e vivace, un luogo in cui si trovano risposte e scambio di opinioni intorno a un argomento. Un po’ come facevano i nostri antenati vicino al fuoco o a una tavola imbandita.

 

Questo è l’OPEN Forum dell’American Express, un forum che consente alle piccole aziende di trovare soluzioni. Ovviamente c’è un sistema per fidelizzare i contatti, per partecipare e ottenere i contenuti migliori devi iscriverti. Devi lasciare i tuoi dati. Il principio è sempre lo stesso: attirare i potenziali clienti con contenuti degni di questo nome. Studiati a tavolino per diventare preziosi.

ModCloth, un classico del blogging

Esatto, quello di ModCloth è un classico esempio di blog prestato alla causa inbound marketing. Il motivo è semplice: ci sono decine di articoli dedicati al mondo dell’abbigliamento e degli accessori, sono stati pubblicati suggerimenti per ogni occasione. Proprio come un qualsiasi fashion blog.

Ma alla fine ci sono sempre le schede prodotto. Così il potenziale cliente legge l’articolo e arriva sulla pagina dedicata alla vendita: semplice ed efficace. Il processo dipende dal tipo di prodotto o servizio che offri: per decidere quale carta di credito usare devi raggiungere una consapevolezza diversa rispetto a quella necessaria per acquistare un rossetto. Quindi ci vogliono post differenti, ma anche un funnel articolato in modo alternativo: ogni azienda è un mondo a parte.

Per approfondire: 7 plugin WordPress per fare inbound marketing

Il blog Microsoft diventa visual storytelling

Molti sottolineano la difficoltà di declinare gli strumenti del marketing in qualsiasi settore. Pensa al B2B: impossibile sfruttare il blogging in questo caso? Non quando sei un’azienda ricca di risorse come la Microsoft che ha modellato la scrittura intorno al visual storytelling.

esempi di Inbound Marketing

Ogni articolo proposto dal blog Microsoft, definito per l’occasione Story Labs, ha un design particolare e una struttura che esce dagli schemi. Non si tratta del semplice mix di consonanti e vocali intervallato da un’immagine: c’è una struttura differente per ogni post.

Una struttura capace di rivedere ogni contenuto in una chiave differente. Ci sono immagini, animazioni, schede riassuntive, infografiche, video: tutto quello che il content marketing può offrire per rendere speciale un post. E per comunicare al meglio. Vuoi qualche esempio? Sfoglia le sue pagine, basta andare all’indirizzo: news.microsoft.com/stories.

Spiegare come fare: il blog Evernote

Sì, lo so. Questo blog non è compreso dalla lista. Però non credo che sia giusto ignorare uno dei blog più famosi. E soprattutto uno degli esempi di inbound marketing per eccellenza: Evernote affronta i temi cari alla propria audience. Descrive le strategie per organizzare i dati, per ridurre lo stress da overload informativo, per vivere in maniera creativa la vita quotidiana. Ecco perché hai bisogno di quest’applicazione, vero? Avere memoria di tutto, proprio come il famoso pachiderma sul logo. Nel blog trovi idee e soluzioni per migliorare la tua vita professionale. E non solo.

Tutta la cultura e la conoscenza di Invision

Invision è un’applicazione che trasforma web e mobile design in prototipi cliccabili. Lavora su un piano particolare, capace di intrecciare web e contenuti visual. Senza dimenticare l’arte che è sempre presente quando fai qualcosa di speciale. Come potrebbe essere il blog aziendale di un’azienda del genere?

inbound marketing

Così speciale da mettere in campo tutte le competenze e le conoscenze di chi lavora in questo settore? La risposta si trova qui: blog.invisionapp.com. Guardalo, sfoglialo, c’è la cultura aziendale di questo brand. Senza dimenticare le call to action per arrivare sulle landing page che ti permettono di scaricare contenuti extra. Ma prima devi lasciare l’email, perché qui il blog è legato alla lead generation. Un obiettivo concreto.

Tesco aiuta le persone sul blog

Uno degli esempi di inbound marketing che rispetta al meglio questa strategia: aiutare il potenziale cliente. D’altro canto avevamo già parlato di Help Marketing, qui il riferimento è immediato. Tesco si presenta così sul sito web: “We are a team of over 470,000 people in 11 markets dedicated to serving shoppers a little better every day”. E il blog segue questa linea. Qui vengono pubblicati articoli che spiegano come risparmiare quando vai a fare la spesa o trasformare gli avanzi in nuovo cibo. Insomma, brand awareness è la frontiera di questo progetto.

Curioso di vedere esempi del nostro lavoro? Campagne di Inbound Marketing.

Esempi di inbound marketing: vuoi aggiungere qualcosa?

Questi sono gli esempi di inbound marketing che ho valutato e descritto grazie al contributo di Hubspot. Sono convinto che la teoria è importante per approfondire questo argomento, ma a volte è nel mettere in pratica le nozioni che si capiscono molti passaggi.

L’attenzione, in questo caso, è rivolta al lavoro alle realtà aziendali più interessanti. Però scommetto che tu puoi aggiungere qualcosa, giusto? Puoi elencare altri casi di corporate blogging che hanno lavorato bene in questo settore? Lascia il tuo contributo nei commenti, valutiamolo insieme.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *