Come creare un’infografica per la tua attività di content marketing

Come creare un’infografica per la tua attività di content marketing
[Total: 2 Average: 5]

Come creare un’infografica? La tua strategia punta verso un punto chiaro: sfruttare i contenuti per ottenere l’attenzione del pubblico. Cosa significa attenzione in questo caso? Dipende dagli obiettivi. Molti lavorano sul content marketing per ottenere menzioni di qualità. Quindi per fare link building.

I contenuti possono essere usati per puntare sulla lead generation, per ottenere contatti di qualità da raggiungere poi con un’attività differente. Come quella che chiama in causa l’email marketing. E proprio in quest’opera di lead nurturing puoi attivare nuove fasi del content marketing.

Fasi che contemplano un uso avanzato dei contenuti per il middle of funnel e il bottom of funnel. Nella fase iniziale di questo percorso, però, ci sono contenuti più immediati a farla da padrone. Ma non più semplici da organizzare. Un esempio per tutti: devi creare un’infografica. Ma come? In che modo?

Definisci il tuo obiettivo

Quando si parla di realizzare infografiche l’attenzione viene puntata sull’aspetto grafico. Quello che ti consente di disegnare i passaggi per spiegare ciò che è necessario. In realtà linee e colori sono espressioni di un codice per comunicare. Ma la vera domanda è: perché vuoi creare un’infografica?

Il passaggio essenziale è l’inserimento di questo contenuto in una strategia precisa. Alcune infografiche, le più semplici ed essenziali, possono essere usate in un articolo per spiegare i passaggi più complessi. Altre invece diventano una vera e propria sintesi per definire dati, numeri statistiche. In ogni caso gli investimenti più importanti devono avere un fine ultimo: link building, lead generation…

Per ottenere tutto questo devi studiare il target, le persone che dovrai raggiungere con il tuo contenuto, e le esigenze che vuoi soddisfare. Investire tempo e risorse senza un piano preciso vuol dire tentare la sorte: un buon piano editoriale può contemplare la presenza di un’infografica. Con relativo piano d’azione.

Da leggere: l’importanza delle infografiche nella content strategy

Rispondi a una domanda e semplifica

Perché tutti amano le infografiche? Te lo dico subito: semplificano i problemi. Ci sono una marea di dati da raccogliere, da interpretare e valutare: questo cosa significa? O ti metti con l’anima in pace e sfogli tutti i report del caso o cerchi una sintesi efficace. Una sintesi che può arrivare attraverso il visual.

Per questo ti consiglio di disegnare infografiche, e di farlo in modo ponderato. Strategico. Quindi, dopo aver valutato obiettivo e pubblico devi individuare un argomento. E rispondere a una domanda – o meglio, a un bisogno – attraverso la combinazione di immagini, testo, grafici, linee e colori.

Raccogli i dati necessari

I dati per creare l’infografica. Sai bene che questi lavori sono una combinazione di contenuti informativi che, attraverso le capacità grafiche del designer, riescono a comunicare. A trasferire conoscenza.

Ma prima deve esserci il tuo lavoro: devi preparare ciò che ti serve. Devi raccogliere i dati, e questa è la fase più difficile. Devi fare ricerche ed eliminare tutto ciò che non serve per dare spazio al valore. Raccogliere le informazioni, decidere quali inserire per rispondere alle necessità del pubblico.

Racconta una storia nella bozza

Arriva il momento di mettersi all’opera: devi realizzare l’infografica. Ma prima conviene creare una sorta di brutta copia del visual in questione. Perché un passaggio è chiaro: devi creare una narrazione dei dati.

Non puoi inserire questi elementi come capita, non è così che si lavora con il visual. Se hai deciso di affrontare un topic attraverso le infografiche devi essere in grado di narrarlo attraverso un lavoro adeguato di visual storytelling. Come ogni storia c’è un inizio, uno sviluppo e una fine.

Quando decidi di creare un’infografica la devi prima pianificare. Devi creare una bozza grafica che preveda tutti gli elementi necessari per raggiungere gli obiettivi. Tipo frecce, torte, linee e grafiche. Qui puoi decidere lo stile, il font e tutto ciò che caratterizzerà la realizzazione dell’infografica.

Template e siti per creare infografiche

Ora, vuoi creare un’infografica per la tua campagna di content marketing? Il mio consiglio è questo: affida il lavoro grafico a un designer professionista. Una persona capace di usare Photoshop per impostare una base e aggiungere tutti gli elementi, magari ideando uno stile particolare e personalizzato.

Ci sono delle alternative? Puoi usare i programmi per creare infografiche e template. Uno dei più efficaci è Canva, una realtà che consente di disegnare qualsiasi tipo di grafica grazie a un’ampia scelta di forme predefinite.

Vuoi creare infografiche gratis?

Ci sono altri tool per creare infografiche gratis online come Infogr.am, Easel.ly e Visual.ly. Per i template invece puoi scegliere i template per infografica di Hubspot.

Pensa alla promozione dell’infografica

Ecco la vera differenza tra chi crea infografiche per semplice moda, perché lo fanno tutti, e chi invece ha un piano da seguire. Se vuoi mettere a frutto la tua attività visual devi operare in modo differente. Non basta una semplice pubblicazione sul blog: devi promuovere la tua infografica. Come?

  1. Pubblicità su Facebook.
  2. Email marketing.
  3. Influencer marketing.
  4. Blogger outreach.

Le ultime possibilità sono interessanti. Uno dei modi migliori per pubblicizzare la tua infografica: fai un lavoro di outreach, di ricerca dei contatti. Parlo di persone che potrebbero essere interessate a ricevere e ripubblicare l’infografica. Poi contatta in privato queste persone, ma lavora bene sulla creazione dell’email per raggiungere i contatti stabiliti. Non puoi improvvisare, stai disturbando un blogger nella sua casella di posta elettronica.

Ci sono alcune regole da rispettare per scrivere una buona email e fare blogger outreach. Quello che conta è fare una ricerca ed evitare di diventare fonte di spam: non devi inviare il tuo invito a condividere o a linkare senza una bussola. Valuta le persone che potrebbero avere vantaggi dal tuo lavoro.

Da leggere: come definire una lista di blogger e influencer

Vuoi creare un’infografica online?

Ma, soprattutto, vuoi creare un’infografica per un’attività di content marketing? Perfetto, devi lavorare in questa direzione. Devi fare in modo che l’infografica non venga creata solo per soddisfare la tua voglia di seguire la moda: sempre interessante e affascinante realizzare un’infografica.

Ma per quale motivo? A cosa servono le risorse che stai investendo? Pensi che un’infografica gratis, senza promozione, possa ottenere sempre risultati? Aspetto la tua opinione nei risultati.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle Plus

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *