Come scrivere sulle immagini e aumentare le visite dai social

Come scrivere sulle immagini e aumentare le visite dai social
[Total: 0 Average: 0]

Voglio concentrarmi su una caratteristica essenziale dei contenuti testuali come le pagine e i post: l’importanza delle foto che usi nella sezione above the fold. Ovvero quella che ti permette di catturare gli sguardi e l’attenzione. Devi scegliere un visual di qualità, ma devi anche saper scrivere sulle immagini.

Esatto. Devi scrivere sulle immagini per ottenere il miglior risultato e aumentare le visite sui social. Chi si occupa di visual storytelling conosce questo passaggio: ciò che l’occhio percepisce attraverso linee, colori e forme è più immediato dell’interpretazione del testo. Questo è un punto da sfruttare.

In che modo? Ci sono decine di applicazioni per mettere testo sulle immagini. La più famosa è Canva, poi c’è Pablo che fa riferimento a Buffer e poi ancora Picmonkey e Phon.to. Hai solo l’imbarazzo della scelta. Tutto questo, però, è inutile se non hai le competenze per esaltare il testo sulla foto. Come ottimizzare questo processo e fare in modo che il visual si trasformi in una calamita per i click?

Scegli un’immagine superiore

La base è questa: per creare una buona combinazione devi partire da un’immagine di qualità. La base è essenziale, quindi se non vuoi acquistare la foto da uno dei tanti siti stock (non sempre ideali per tutti i lavori) puoi scegliere i vari Unsplash, Pixabay, Gratisography e Pexel. Qui trovi il massimo.

Ma quali sono le caratteristiche di una buona immagine sulla quale scrivere i testi? La regola è semplice: grande qualità, ma soprattutto ampi spazi con sfondo omogeneo. Così come accade per un qualsiasi paragrafo da aggiungere a una pagina web, devi fare in modo che le lettere siano a proprio agio con la base. E questo avviene quando ci sono pochi elementi a disturbare la scrittura. Io ad esempio preferisco muri, cieli azzurri e grandi elementi colorati ma cerco di cambiare per non annoiare il pubblico.

Da leggere: piccola guida al content marketing

Crea uno sfondo trasparente

Non sempre le immagini che scegli hanno aree con sfondi omogenei, o almeno non puoi avere sempre quello che ti serve. Però c’è un metodo per ottenere buoni risultati: devi creare uno sfondo trasparente che faccia da base. Ti descrivo come opero su Canva, che è uno dei migliori tool in questo caso:

  1. Carico l’immagine.
  2. Creo una forma per coprire l’immagine stessa.
  3. La rendo trasparente.

Il colore della forma, ovviamente, può variare. L’idea è quella di non nascondere completamente l’immagine. Ma al tempo stesso creare uno sfondo per esaltare le parole che hai deciso di usare aggiungere all’immagine. Guarda questi esempi che ho preso dal blog di Jackob Nielsen.

Come scrivere sulle immagini

aggiungere testo alle immagini

Nel primo caso l’immagine è stata coperta da un velo scuro per far emergere il testo bianco. Mentre nell’album successivo trovi una serie di esempi che mostrano come aggiungere testo alle immagini senza distrarre l’occhio, concentrando l’attenzione su tutti gli elementi. Quando possibile usi gli spazi della foto, altrimenti sfrutti lo sfondo: questa è una buona regola da mettere in pratica con qualsiasi strumento.

Punta su un font leggibile

La scelta del font è altrettanto importante. Per scrivere sulle immagini devi avere uno sfondo, oppure lo devi creare con una base trasparente capace di fare contrasto con il carattere. Ma quest’ultimo elemento deve essere scelto con cura. Di solito io punto su un aspetto chiaro: il testo deve essere importante.

Non deve essere per forza un font di grandi dimensioni, ma meglio usare un grassetto. Un font sottile rischia di confondersi con uno sfondo trasparente. Il sans serif è sempre gradito, ma tutto dipende dallo stile e dall’argomento. Se stai elencando i 10 romanzi d’amore che hanno fatto la storia puoi scegliere un carattere con grazie evidenti, se stai parlando di storia classica punti sul Time New Romans. E se definisci i punti di forza del nuovo Samsung puoi lavorare con un Anton. O magari con un Verdana.

famiglie di font

Ecco qualche esempio, le famiglie di font – Fonte immagine

Puoi anche combinare più font in un’unica immagine ma ti consiglio di usare famiglie comuni e di non abbondare, non esagerare con le diversificazioni. Stesso discorso riguarda i colori: usa le palette per trovare gli abbinamenti. Anche il colore deve essere definito in base al target. Vuoi uno strumento per scegliere le cromie? Puoi dare uno sguardo a questo tool: paletton.com.

Da leggere: i migliori strumenti per fare digital storytelling

Dove posizionare il testo

Su un’immagine devi valutare l’altezza e la larghezza. La soluzione migliore è la più semplice: situare il testo al centro. Per soddisfare le esigenze legate alla presenza di spazi omogenei per lo sfondo puoi portare il testo a destra o a sinistra. In ogni caso ti consiglio di rispettare sempre il centro per quanto riguarda l’altezza. In questo modo assicuri anche una buona posizione del copy nella preview di Facebook.

Perché lo stai facendo per questo. Aggiungere testo alle immagini: perché? Certo, nella home page del blog è importante. Ma è sui social che fa la differenza questa pratica. Mentre le preview di Google Plus e Twitter sono più versatili, quella di Facebook deve rispettare determinate misure. La misura minima è di 476 x 249 pixel, più piccola si presenta come miniatura e l’effetto è pessimo. Inoltre costringe l’immagine a una dimensione rettangolare, io ad esempio uso un ratio di 13 : 8 con dimensioni di 650 x 400 pixel.

posiziona il testo

Il modo migliore per centrare il testo: la griglia.

Per inserire il testo io di solito mi affido agli strumenti di centramento o alla griglia. In questo caso ho fatto lo screenshot di Picmonkey: le linee mi permettono di capire qual è la posizione del testo e di inserire il copy per farlo apparire nel miglior modo possibile nelle preview dei social.

Ora la domanda: Facebook non prende l’immagine che hai preparato ma un’altra foto contenuta nel post. Come risolvere questo problema? Installa WordPress SEO by Yoast e vai nel modulo che si trova alla fine di un articolo. Qui c’è la sezione per aggiungere tag title e meta description, ma anche quella per cambiare foto preview di Facebook e Twitter. Bastano pochi click per forzare il visual. Alla fine dell’operazione vai su Facebook Debug e rinfresca le informazioni immagazzinate dalla piattaforma.

Come scrivere sulle immagini: la tua opinione

Hai iniziato a pubblicare pagine web con immagini curate e ben organizzate? Spero di sì, questo è un passaggio decisivo per ottenere buoni risultati. E per spingere i lettori a cliccare, aumentare le visite dai social e attirare i click di chi arriva in home page. Il successo dipende anche dai dettagli.

Anzi, spesso il legame tra risultati e impegno riguarda proprio delle sfumature che non puoi ignorare. Come l’attività che ho descritto in questo articolo: per scrivere sulle immagini basta un’applicazione come Canva, ma l’obiettivo si raggiunge soprattutto se punti sulla leggibilità e sull’equilibrio degli elementi grafici. Vuoi aggiungere qualcosa a questo elenco? Non esitare, ti aspetto nei commenti.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.