Come migliorare le immagini del tuo blog

Come migliorare le immagini del tuo blog
[Total: 0 Average: 0]

Ormai la strada da percorrere è chiara: la pubblicazione di un articolo sul tuo blog deve comprendere anche un coinvolgimento visual. Questo significa che devi lavorare sodo (anche) con le immagini.

Le persone amano le immagini perché permettono di racchiudere significati complessi, idee, valori, connessioni semantiche con il contenuto scritto. Ed ecco che il successo di un post appare strettamente legato a quello del visual.

Quindi è indispensabile ottimizzare le immagini dei tuoi articoli, ed è utile ragionare su questi errori se vuoi ottenere buoni risultati dai contenuti che accompagnano e arricchiscono i tuoi post migliori.

Scarsa qualità

Il primo motivo per bocciare le immagini del tuo blog: scarsa qualità. Foto scattate con poca luce, sgranate, forzate in dimensioni eccessive: questi fattori portano una perdita di qualità dell’immagine.

Uno dei criteri fondamentali per migliorare la velocità di caricamento di una pagina web è la compressione delle immagini. I file devono essere leggeri e adatti al tipo di immagine, ma al tempo stesso devono mantenere la qualità dell’immagine. Salva il materiale visual mantenendo questi criteri in primo piano. Un consiglio: usa Smush.it.

Eccesso di stock immagini

Hai puntato sulla qualità e hai siglato un contratto con un sito di stock immagini. In altre parole hai un catalogo infinito a tua disposizione: questo significa che hai risolto i problemi?

Ovviamente no. La scarsa disponibilità è solo un brutto ricordo ma adesso devi scegliere la miglior immagine per il tuo post. I cataloghi di stock immagini spesso propongono soluzioni inflazionate, completamente fuori luogo, ma semplici da scegliere. Anche le immagini possono veicolare luoghi comuni che appesantiscono e svalutano il tuo progetto online.

Niente Social

Lo sai che le immagini possono essere utilizzate per smuovere la tua presenza sui social e in particolar modo su Pinterest? Devi semplicemente utilizzare un buon plugin per agevolare l’opera di condivisione. Io uso JQuery Pin It For Image perché mi permette di inserire su ogni immagine il bottone di share. Ovviamente puoi scegliere anche di disabilitare la funzione sulla singola immagine.

Poca variazione

Il settore visual è lungo e largo, offre diverse opzioni per arricchire e migliorare il tuo blog. Ci sono le immagini, i meme, le citazioni, le infografiche, le slide da embeddare e le immagini di Instagram e Pinterest che puoi inserire grazie al codice.

Poi ci sono video e mini video, ci sono i contenuti di YouTube, Vimeo, Vine. E ci sono le gif che hanno preso di nuovo un ruolo significativo nella creazione dei contenuti. Il panorama è ampio, ma tu devi intuire qual è la soluzione giusta: variare, provare, non esagerare.

Immagini inutili

Collegato al punto precedente. Qualcuno ti ha detto che le immagini spezzano la monotonia del blocco di parole, e che attirano l’attenzione del lettore. Quindi hai preso una decisione ben precisa: abbondare.

In realtà le immagini possono diventare anche ostacoli alla lettura. Non è detto che siano realmente un aiuto: meglio inserirne poche o tante? Meglio una? Si può pubblicare un articolo senza immagini? Il mio punto di vista: ci vuole equilibrio. Un post senza immagini sembra nudo, poco invitante. Ma questo non vuol dire giustiziare il testo a colpi di immagini (peggio ancora se brutte da vedere e semanticamente scollegate dall’articolo).

Poca personalità

Oggi non devi essere campione di Photoshop per modificare le tue immagini. Basta sfruttare applicazioni online come Canva e Picmonkey per dare nuova linfa a immagini fin troppo banali. Non accontentarti dell’immagine stock: modifica, dai personalità, fatti riconoscere immediatamente.

Questi semplici consigli possono cambiare radicalmente l’esperienza visual del tuo blog. Ma alla base di tutto ci sei tu, c’è la tua iniziativa e la tua vena creativa: il miglior tool per migliorare l’aspetto visual del tuo blog è la tua creatività. Non dimenticarlo mai.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle Plus

Trackbacks/Pingbacks

  1. Condividere e creare contenuti: intervista a Francesco Ambrosino | MediaBuzz - […] è vero che i contenuti non sono solo quelli che l’occhio legge (ci sono anche i contenuti visual) ma la…

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *