Come migliorare il tuo profilo LinkedIn

Come migliorare il tuo profilo LinkedIn
[Total: 0 Average: 0]

Sai di cosa stiamo parlando, vero? LinkedIn è il social network dedicato ai rapporti professionali, è il punto di riferimento per te che devi presentarti in modo composto di fronte ai futuri clienti e datori di lavoro.

In realtà non c’è solo LinkedIn (probabilmente i datori di lavoro vanno a guardare prima Facebook e poi LinkedIn) però una cosa è certa: se vuoi dare un’impressione professionale devi essere presente su LinkedIn. Anche perché con una ricerca “nome e cognome” ha una buona probabilità di uscire nei primi risultati della serp, e questa è cosa buona e giusta per la tua brand protection.

Ma c’è un punto da sottolineare: essere presente su LinkedIn non è sufficiente. O meglio, non basta essere presente su Linkedin per poter essere soddisfatti e ottenere un buon risultato. Anzi, in qualche caso puoi ottenere anche esito opposto. Ecco i miei consigli per ottimizzare il tuo profilo LinkedIn fino a raggiungere la perfezione (o quasi).

Dati e profilo

Il primo punto da mettere in chiaro: LinkedIn non è il luogo adatto per giocare a Second Life. Quindi sul tuo profilo LinkedIn devi inserire nome e cognome reali, un’immagine professionale ma non troppo, residenza, professione, aziende attuali e passate. Quello che devi evitare (secondo me):

  • Inventare titoli e posizioni (tipo il SEO ninja).
  • Inserire nomi di fantasia.
  • Caricare un’immagine non adeguata.

Cosa significa immagine non adeguata? Siamo su LinkedIn e le persone si aspettano di trovare una sorta di curriculum. Vuoi mettere la foto della tua festa di 18 anni su un curriculum? Io non lo farei. Ma non metterei neanche quella della mia carta d’identità. Una via di mezzo, ecco. Ricorda che puoi caricare anche un’immagine come sfondo.

Contact Info

Metti tutto quello che puoi, o meglio: tutti i canali attraverso i quali vuoi essere contattato. Skype, email, telefono, indirizzo fisico, sito web, Twitter. Tutto dipende dalla tua disponibilità, non lamentarti delle email se hai messo il tuo contatto in questo box. Un consiglio: cerca di inserire una email con dominio personale, è più professionale.

A proposito di contatti. Per avere un profilo LinkedIn attivo devi fare in modo che le persone lo vedano. Mai dimenticare di inserire sul blog, sul sito web, nella firma email e in quella dei forum (ovviamente se possibile) il link al tuo profilo LinkedIn. E non dimenticare di personalizzare l’URL.

Contenuti

Lo sai che su LinkedIn puoi fare content marketing con pubblicare i tuoi contenuti migliori? In primo luogo puoi collegare l’applicazione Slideshare e mostrare sul profilo le tue presentazioni (mondo del lavoro e slide: un connubio perfetto) ma puoi anche trasformare LinkedIn in un blog e usarlo per pubblicare articoli.

Come migliorare il tuo profilo LinkedIn

Questa è una funzione interessante perché ti permette di mostrare nuove competenze a chi visita il tuo profilo LinkedIn, puoi creare interesse e occasione di condivisione attraverso lo share dei contenuti. Per ottenere questa funzione devi passare a un profilo inglese: per scoprire come puoi dare uno sguardo a questo articolo di Riccardo Scandellari.

Vita social

LinkedIn è un social a tutti gli effetti. Di conseguenza puoi pubblicare contenuti sulla bacheca e nei vari gruppi che si formano intorno a un interesse. Il mio consiglio: segui questi gruppi, iscriviti a quelli che vanno incontro al tema che segui con maggior attenzione, e partecipa alla vita social. Ovvero rispondi alle domande, pubblica contenuti interessanti, fatti riconoscere come un esperto del settore.

Un altro punto importante: le testimonianze dei clienti. LinkedIn permette di inserire delle testimonianze di persone che lavorano con te, che hanno avuto modo di conoscerti e di apprezzare le tue qualità. Una cosa positiva, puoi chiedere alle persone che conosci di lasciare un contributo. Ma senza esagerare, senza forzare la mano. Inutile avere decine di segnalazioni fasulle.

Cosa scrivere

Ecco, questo è un punto interessante. LinkedIn deve essere trattato come qualsiasi altro curriculum: devi scrivere solo quello che interessa veramente alle persone che cercano figure professionali come la tua. Sei un webwriter freelance? Inserisci le informazioni e le esperienze di lavoro che ti contraddistinguono come uno specialista di questo settore.

progetti

Non devi scrivere tutto. Solo il necessario. Solo i punti più importanti della tua carriera lavorativa: successi, obiettivi, progetti importanti, nuove esperienze. LinkedIn ti dà la possibilità di aggiornare i moduli con un buon margine di libertà. Ma tu non devi esagerare. Non devi scrivere informazioni inutili e, soprattutto, false.

Vuoi aggiungere qualcosa? Lascio a te la parola nei commenti.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.