Le tecniche evergreen per aumentare le interazioni su Facebook

Le tecniche evergreen per aumentare le interazioni su Facebook
[Total: 1 Average: 5]

Il tuo obiettivo nell’universo social media marketing? Dipende dal tipo di progetto che stai portando avanti, ma un punto è chiaro: vuoi sapere come creare interazione su Facebook. Perché sai bene che questo è il valore aggiunto alla tua strategia, è attraverso il coinvolgimento che puoi creare una community.

Che poi sarebbe il bene più prezioso nell’universo del digital marketing. Oddio, diciamo che è uno dei capisaldi per ottenere buoni risultati. Perché un pubblico compatto e affiatato non ti abbandona, non ti lascia.

Ti accompagna e rispetta il tuo lavoro. Ti segue, tu sei un punto di riferimento. Tutto è partito con la strategia di inbound marketing, con la necessità di deliziare la platea. Non basta vendere, devi creare degli ambassador capaci di fare il tuo gioco.

Vale a dire individui soddisfatti del tuo lavoro e in grado di evangelizzare i propri collegamenti. In modo da trasformarsi in micro-influencer. Ti sembra un passaggio complesso? In realtà si inizia con un buon lavoro sulla community. Ecco che diventa importante capire come creare interazione su Facebook.

Da leggere: come usare Twitter per fare digital PR

Lascia una call to action nella didascalia

Il primo consiglio per chi si chiede come creare interazione su Facebook. Se vuoi qualcosa la devi chiedere e se c’è qualcosa da fare in questi casi è usare al meglio le call to action. Vale a dire le chiamate all’azione, le didascalie possono ospitare del testo utile per spingere a commentare. In che modo?

  1. Chiedi di lasciare un’opinione.
  2. Sfrutta uno spazio bianco _____.
  3. Invita a descrivere con un aggettivo.
  4. Punta su una dicotomia: Sì/No.

Un consiglio: punta sulle emoji, vale a dire elementi visuali che danno la possibilità di migliorare la comunicare. Ad esempio puoi sfruttare le frecce per indicare il punto che ti interessa (una domanda o un link). Oppure puoi usare le emoji per creare una lista in grado di attirare l’attenzione della fan base.

Studia a fondo le statistiche del tuo account

Sai qual è il passaggio chiave che ti separa da una gestione casuale e ti avvicina a un’attività professionale? Devi studiare i numeri, le statistiche, i risultati. Per capire cosa vogliono i singoli, cosa cercano e cosa commentano. Gli Insight di Facebook lasciano informazioni importanti e ti danno la possibilità di capire cosa si apprezza e commenta. In questo modo puoi lavorare in questa direzione.

E alimentare il calendario editoriale con qualcosa di utile al tuo scopo. Ovviamente non devi solo seguire i capricci dei follower, non è questo il punto. Ma devi sempre ricordare perché sei qui. E chi ha in mano il tuo potere. I social non sono fatti per gridare le proprie idee e i contenuti commerciali, ma per creare interazioni. Ed ecco che la riflessione sui numeri diventa essenziale per emergere al meglio.

Non dimenticare l’importanza dei video

Questo è un dato chiaro: i video funzionano su Facebook. Hanno una buona visibilità, riescono a intercettare gli utenti e fanno la felicità dell’algoritmo. Perché fanno un lavoro di intrattenimento e sai bene che Facebook ha tutto da guadagnare nel mantenere l’attenzione sulla piattaforma. Quindi, come fare video marketing? Come creare interazione su Facebook con questi esempi di content marketing?

 

Pianifica il tuo calendario editoriale, crea un appuntamento specifico e inizia a fare dei test per capire cosa funziona e cosa no. Infine, lavora sulla varietà. Vale a dire sui vari formati che puoi sviluppare per soddisfare l’audience. Ad esempio puoi pensare ai mini-video che ti permettono di presentare un articolo del blog (io li creo con l’applicazione Legend o con Animoto) ma c’è anche l’opzione relativa ai live.

Pensa a delle rubriche periodiche

Dopo aver studiato i dati puoi seguire un filone. E creare una rubrica periodica, un appuntamento che si aspetta con costanza. C’è un punto che da sempre cerco di sviluppare sui progetti che vogliono aumentare i commenti: devi diventare una scelta.

Non devi essere trovato per caso, ma devi fare in modo che le persone arrivino sulla tua pagina per scelta precisa. Devi essere interessato a raggiungere la risorsa e così puoi combattere le condizioni avverse della reach organica. Che pesa sempre di più sui contenuti che cercano di emergere senza sponsorizzazione.

Crea un sondaggio sulla pagina Facebook

Un elemento capace di calamitare lo sguardo con domande mirate. Le persone amano i sondaggi e tu puoi usare questa possibilità per invogliare a lasciare la propria opinione. Un consiglio preso dai miei vecchi studi di sociologia quantitativa: spesso le opzioni di risposta non coprono al meglio le necessità, quindi conviene sempre lasciare spazio a soluzioni ad hoc.

In che modo? Nella didascalia del sondaggio ricorda che è possibile aggiungere la propria opinione. Qui devi curare le conversazioni per aumentare i commenti e i rilanci. Chiaramente il successo del sondaggio dipende dalla tua capacità di intercettare temi interessanti.

Rispondi sempre ai commenti sui post

Una delle regole d’oro per aumentare la visibilità dei post su Facebook: non limitarti a creare interazione, ma rispondi a tutto ciò che viene lasciato o fatto. Qualcuno condivide il post? Ringrazia con un commento e alimenta le discussioni. Lo stesso vale per ciò che succede sulla tua pagina Facebook.

come creare engagement su facebook

Io di solito lavoro con la tecnica dell’innesco. Questo significa che ogni commento che lascio come risposta non è un semplice “Grazie” o “A presto”. C’è sempre un elemento che richiama in causa l’autore della prima interazione per costringere (almeno in linea teorica) a commentare di nuovo.

Per approfondire: 8 dettagli di Twitter che forse non conosci

Come creare interazione su Facebook

Questa domanda è importante per chi si muove nel mondo delle social media strategy. Ti chiedi come aumentare le visite di un blog aziendale o promuovere un ecommerce, e sai bene che di fronte a te hai una vastità di risorse da mettere in campo: email marketing, ottimizzazione SEO, social media marketing.

In questo equilibrio c’è il bisogno di lavorare sull’engagement e sulla creazione di una community compatta. Fidata. Attenta a ciò che pubblichi e alla necessità di creare fiducia. Tutto questo inizia da qui: come scrivere un post di successo su Facebook e ottenere buoni risultati? Lascia la tua opinione.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.