SEO specialist: intervista a Stefano Schirru

SEO specialist: intervista a Stefano Schirru

Essere SEO specialist oggi non è semplice. In realtà non è mai stato un lavoro senza responsabilità, i clienti affidano il proprio sito web alla tua attenzione. E questo significa curare l’attività on site e off site per raggiungere gli obiettivii. Ovvero buoni posizionamenti su Google e sui motori di ricerca. Per questo è importante contattare persone competenti, capaci di ottenere il miglior risultato possibile. Con MediaBuzz siamo sempre stati attenti ai profili dei vari SEO specialist: abbiamo intervistato Ivano Di Biasi, Claudio Marchetti, Ivan Cutolo e altri ancora. Oggi dedichiamo spazio a Stefano Schirru. Chi sei e di cosa ti occupi? Sono Stefano Schirru e da oltre 10 anni mi occupo di SEO e visibilità online per i miei progetti personali e per conto di clienti. Lo scorso anno ho fondato la Img Solutions con cui aiutiamo le aziende a ottenere visibilità sul web sia attraverso i motori di ricerca che attraverso i social network e tutti gli altri canali. Mi dedico alla formazione e gestisco diversi progetti personali in settori a media e alta competizione. Cosa significa lavorare come SEO specialist? Quello del SEO Specialist è un lavoro davvero complesso. Oltre a dover padroneggiare bene la materia, quindi conoscere esattamente le dinamiche che regolano il comportamento di un motore di ricerca, bisogna saper coordinare anche tutti gli aspetti che stanno dietro a un progetto online. Spesso ci si trova a dover collaborare con un team composto da più professionisti dove bisogna rispettare le esigenze di ciascuno per ottimizzare al massimo il lavoro del gruppo. Dietro a quello del SEO specialist c’è un lavoro che va ben oltre...
Digital Life Coach: intervista a Giuseppe Noschese

Digital Life Coach: intervista a Giuseppe Noschese

Quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare. Mi sembra questo un buon modo per annunciare il Digital Life Coach, una figura che oggi inizia a guadagnare spazio tra le aziende che decidono di investire nel mondo digitale. E magari vogliono aprire un e-commerce per vendere online. Sì, ma cosa? E come? […]

Quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare. Mi sembra questo un buon modo per annunciare il Digital Life Coach, una figura che oggi inizia a guadagnare spazio tra le aziende che decidono di investire nel mondo digitale. E magari vogliono aprire un e-commerce per vendere online. Sì, ma cosa? E come? Oggi c’è bisogno di persone in grado di analizzare i processi interni e valutare l’operato della tua attività. Detto in altre parole, c’è bisogno di una persona che si occupi della tua attività online. E della tua vita digitale. Un profilo utile per osservare tutto questo? Propongo Giuseppe Noschese di www.clickeweb.com. Chi sei e di cosa ti occupi? Ciao, la risposta sintetica è: mi chiamo Giuseppe Noschese e sono un Digital Life Coach! Ma poiché è sempre difficile racchiudere in due parole se stessi, ecco qualche informazione in più su di me. Nasco come programmatore, laureato in Informatica, e a 5 anni avevo già il mio primo pc, a testimonianza del fatto che la tecnologia e l’innovazione digitale mi hanno sempre affascinato. Ho gestito la mia Web Agency per diversi anni, prima di diventare Digital Life Coach e posso dire che è stata un’esperienza altamente formativa. Due anni fa, nel 2015, sono diventato PrestaShop Ambassador assumendo l’impegno di aiutare le aziende sul territorio ad avvicinarsi alla vendita online e l’anno successivo, Associate Partner di yourDIGITAL, un network europeo di Digital Transformation Manager con l’obiettivo di affiancare le imprese nel processo di digitalizzazione. Oggi mi occupo a tempo pieno di consulenza e formazione per le aziende e sono specializzato in consulenza nel settore e-commerce. Cosa...
Digital marketing per B2B: intervista a Federica Riva

Digital marketing per B2B: intervista a Federica Riva

Non è facile lavorare nel digital marketing per B2B. Nella maggior parte dei casi si parla sempre di esperienza diretta con il consumatore, su chi acquista lasciandosi guidare dalle emozioni e dall’intuito. Ma come si lavora quando dall’altra parte c’è un’azienda che valuta ogni dettaglio? Lo ripeto, il settore digital marketing per B2B è spinoso. […]

Non è facile lavorare nel digital marketing per B2B. Nella maggior parte dei casi si parla sempre di esperienza diretta con il consumatore, su chi acquista lasciandosi guidare dalle emozioni e dall’intuito. Ma come si lavora quando dall’altra parte c’è un’azienda che valuta ogni dettaglio? Lo ripeto, il settore digital marketing per B2B è spinoso. Però ci sono persone che lavorano costantemente in questo campo. E portano a casa dei risultati interessanti. Ho fatto qualche ricerca e tra i miei contatti c’è una persona che può dare qualche riferimento utile: Federica Riva. Chi sei e di cosa ti occupi? Ciao, mi chiamo Federica ho 26 anni e da circa tre anni lavoro in Noovle, società di consulenza ICT e principale Premier Partner di Google Cloud in Italia. In Noovle sono Digital Marketing Specialist. Mi occupo di creare e declinare, su tutti i canali digitali dell’azienda, un contenuto di interesse per la community di riferimento costituita dagli operatori dell’innovazione digitale nelle aziende italiane. Ho iniziato la mia carriera nel digital marketing per B2B e per chi ama il marketing potrebbe sembrare una scelta limitante e difficile. In realtà si è rivelato un ambito estremamente stimolante che ti sprona ad usare la creatività, ad affinare le tecniche di contatto. Parliamoci chiaro, catturare l’attenzione parlando di tecnologia è decisamente complesso e il rischio di cadere nel tecnicismo è dietro l’angolo. Cosa significa lavorare nel digital marketing per B2B? Significa molte cose, e paradossalmente il lavoro è strettamente connesso all’attività offline. Mi spiego meglio: nel B2B la relazione con la propria audience è un aspetto estremamente delicato e prezioso. Costruire una relazione di...
SEO copywriting in inglese: intervista ad Alessia Baldassarre

SEO copywriting in inglese: intervista ad Alessia Baldassarre

Lavorare come SEO copywriting in inglese. Quante volte hai letto articoli dedicati alla buona scrittura online? Argomento decisivo perché oggi i contenuti sono sempre più importanti. E in quest’ottica la scrittura regna sovrana. Ma poi? Basta questo per avere successo online? No perché il content marketing è molto di più della semplice scrittura. Ma è […]

Lavorare come SEO copywriting in inglese. Quante volte hai letto articoli dedicati alla buona scrittura online? Argomento decisivo perché oggi i contenuti sono sempre più importanti. E in quest’ottica la scrittura regna sovrana. Ma poi? Basta questo per avere successo online? No perché il content marketing è molto di più della semplice scrittura. Ma è molto di più rispetto alla semplice scrittura in italiano. Spesso dimentichiamo che buona parte del pubblico interessato al prodotto o al servizio non è italiano. Ma presenta una lingua diversa, intercettabile con l’idioma anglosassone. Ecco perché è così importante lavorare con esperti di SEO copywriting in inglese come Alessia Baldassarre. Chi sei e di cosa ti occupi? Ciao, sono Alessia Baldassarre. Freelance copywriter, appassionata di giornalismo, di comunicazione e di web. Ci ho messo un po’ a capire cosa volessi fare da grande ed il percorso che mi ha portato oggi a collaborare con diverse testate giornalistiche, blog e portali on line non è stato così lineare. Come molti giovani, dopo l’università, mi sono ritrovata con una laurea in tasca e con zero esperienze professionali. Mi sono chiesta quindi: cosa potrebbe rendermi felice? Sono partite quindi le mie esperienze lavorative: giornalismo, operatore museale, guida turistica, tour operator… Insomma ce ne ho messo di tempo ad approdare nel web, ma oggi posso dire che non poteva esserci scelta migliore! Come hai scoperto il SEO Copywriting? Ad un certo punto della mia vita mi sono resa conto che al centro delle mie esperienze c’era un fil rouge: la passione per la scrittura ma soprattutto per la comunicazione e per il dialogo con gli altri e il...
Graphic design e web marketing: intervista ad Alessia Vinci

Graphic design e web marketing: intervista ad Alessia Vinci

Cosa succede quando arrivi su un sito web? O magari su un blog? Quali sono le prime sensazioni che investono la tua attenzione? Te lo dico io: quelle legate al graphic design, alla comunicazione dedicata a tutto ciò che si vede. E non solo quello che si legge. Anzi, si può dire che è proprio il visual […]

Cosa succede quando arrivi su un sito web? O magari su un blog? Quali sono le prime sensazioni che investono la tua attenzione? Te lo dico io: quelle legate al graphic design, alla comunicazione dedicata a tutto ciò che si vede. E non solo quello che si legge. Anzi, si può dire che è proprio il visual a fare la parte del leone. Le immagini comunicano con l’utente, e lo fanno con una velocità sconosciuta al testo. Lo stesso vale per il colore e per le forme: è l’insieme che fa la differenza, è la sintesi tra testo ed elementi grafici a smuovere l’attenzione. Quindi è importante lavorare con esperti copy come Primavera Contu, Eleonora Usai e Valentina Falcinelli per scrivere grandi testi. Al tempo stesso è decisivo avere al proprio fianco una figura come Luca Orlandini o Andrea Saletti per migliorare le pagine in termini di ottimizzazione dei percorsi per ottenere nuove conversioni. Ma come migliorare il visual design delle tue creazioni, del tuo mondo e dei tuoi lavori? Chiediamolo ad Alessia Vinci. Chi sei e di cosa ti occupi? Ciao sono Alessia Vinci e mi occupo di graphic design creativo, ossia creo logotipi, illustrazioni e visual art per supporti digitali e cartacei. L’impaginazione stessa, inoltre, rimane sempre una mia occupazione quotidiana. Ultimamente, vista la mia passione per la fotografia, lavoro anche in questo settore ma non oso definirmi una fotografa professionista avendo ancora tanto da imparare. Cosa significa per te occuparti di visual? Occuparmi di visual significa creare, progettare e sviluppare concetti e trasformarli in prodotti reali, a volte tangibili. Mettere a disposizione del cliente le mie competenze, che diventano il mezzo per aiutarlo nella sua crescita professionale è gratificante. Il percorso...