Vuoi aumentare i backlink? Inizia a ottimizzare sito e blog aziendale

Vuoi aumentare i backlink? Inizia a ottimizzare sito e blog aziendale
[Total: 1 Average: 5]

Te lo dico subito: aumentare backlink non è un’operazione semplice. Hai bisogno di una strategia di link building chiara ed efficace, gestita da un professionista in grado di spingere il tuo nome limitando i rischi e i problemi.

Puoi lavorare sui contenuti, questo è chiaro. Ma le attività che ti portano a registrare menzioni e link in ingresso sono sempre difficili da organizzare e portare ai livelli ottimali. In particolar modo se operi in un settore ricco di insidie, competitivo, già affollato e senza spiragli. Difficile andare avanti in questo caso, devi trovare il tuo oceano blu della SEO.

D’altro canto ottenere nuovi link in ingresso, menzioni e collegamenti è imprescindibile, fa parte della buona ottimizzazione SEO. Che si divide in on-page e off-page. Oggi ci concentriamo su quest’ultima fase e approfondiamo un tema: il tuo blog è pronto per accogliere link? Ogni strategia mette in pratica le sue azioni, ma la base di partenza è stata ottimizzata? A volte lavoriamo sodo sui punti avanzati e ci dimentichiamo le cose semplici. Ecco perché voglio dedicarmi a questi step.

Da leggere: come fare link earning con le immagini

Il tuo sito è (e appare) sicuro?

Tu metteresti un link a un sito non sicuro? Ad esempio con una valanga di pubblicità che invade le pagine web o senza dei riferimenti chiari rispetto a chi si trova dietro a un progetto editoriale? Io no, inserire un link vuol dire prendersi la responsabilità di suggerire un indirizzo di fronte a Google.

Verifica sempre gli argomenti trattati, assicurati che il dominio non tratti temi che potrebbero essere contrassegnati come spam. In che modo? Basta usare l’operatore site: su Google e aggiungere parole che potrebbero rimandare all’universo dei contenuti già etichettati dal motore di ricerca. Inoltre un controllo su archive.org ti dà la possibilità di scoprire cosa è stato un sito web prima di cambiare faccia.

aumentare numero di backlink

Una piccola verifica per il tuo sito.

Hai la coscienza pulita e vuoi presentarti nel miglior modo possibile a chi vuole linkarti? Per implementare le probabilità di incassare menzioni togli la pubblicità invadente, metti sempre in primo piano i tuoi contatti e i riferimenti utili per controllare il tuo operato, usa un certificato SSL e cura la qualità delle pagine: lanciare comunicati stampa e articoli di bassa caratura non è un buon biglietto da visita.

Crea una struttura di qualità per il sito

Un tema chiave non solo per attirare link in ingresso, ma soprattutto per fare in modo che quelli conquistati siano in grado di dare il maggior numero di risultati possibili. Quindi, ecco il punto di partenza: crea una struttura ad albero, con la home page come perno del sito e subito dopo le ramificazioni che vanno dal generale al particolare. Esempio di un possibile ecommerce:

  1. Home
  2. Categoria
  3. Sottocategoria
  4. Prodotto

Questa struttura è perfetta per dare la possibilità a Google di navigare e scoprire nuove risorse, e per sfruttare al massimo la grande mole di link che arrivano sulla home page. Di regola questa è la pagina più linkata del sito, e per far fluire il link juice verso le risorse in modo naturale, distribuendo il lavoro svolto in termini di link building sulle pagine che contano.

Crea una struttura di qualità per il sito

Una buona struttura interna di link.

Ultimo punto: ricorda di creare il tuo blog in una sottocartella del sito e non con un sottodominio o, peggio ancora, su un progetto a parte. Solo così puoi ottimizzare il risultato e consentire ai link in ingresso di influenzare il tuo progetto. In linea di massima il blog è la fonte principale di menzioni naturali.

Sei focalizzato sull’argomento?

Un punto di riferimento per chi vuole aumentare backlink: devi diventare un’istituzione nel tuo settore, un esempio. Quando si parla di un determinato argomento nella mente del pubblico deve apparire il tuo logo, il tuo nome e la tua linea editoriale. Questo è un lavoro lungo e complesso, lo so.

Nel tempo, però, diventa una fonte di link in ingresso. Individua un tema, un argomento che non è stato ancora affrontato ma abbastanza complesso e articolato da poter essere digerito nel corso degli anni. Poi crea un calendario editoriale e inizia a pubblicare articoli degni di nota, giorno dopo giorno. Devi fare in modo che il tuo nome sia presente in ogni lista dei migliori blog dedicati all’argomento.

Attenzione ai contenuti commerciali

Aspetto correlato al punto precedente. Vuoi essere linkato con naturalezza e aumentare backlink? Perfetto, uno dei punti essenziali è l’attenzione nei confronti dei testi commerciali. Certo, devono esserci. Ogni progetto ha bisogno delle landing page e un ecommerce deve essere costituito dalle schede: non si sfugge a questo equilibrio. Però è giusto mettere in primo piano l’informazione.

Devi smetterla con questo atteggiamento da venditore. Le persone odiano i siti web che provano sempre a vendere: non devi solo eliminare la pubblicità invadente (già bacchettata da Google sulle pagine mobile) ma devi dosare le esternazioni commerciali. Nessuno ama linkare un sito web che sembra un volantino ambulante, metti in primo piano ciò che ti suggerisco nel prossimo paragrafo.

Da leggere: come controllare i tuoi link in ingresso

Crea contenuti attira-link naturali

Questo è il cardine della tua strategia online per aumentare backlink in modo naturale, anche se nofollow non è un problema: fanno sempre bene al tuo profilo di link in ingresso. Sul tuo blog o sito web devi fare in modo che siano facili da raggiungere ciò che può rappresentare una buona risorsa per blogger e webmaster. Qualche esempio di content marketing che potresti sviluppare in questa direzione?

  1. Guide e approfondimenti.
  2. Ebook gratuiti.
  3. Risorse e documenti.
  4. Infografiche.
  5. Dati, analisi, ricerche.
  6. Case study approfonditi.
  7. Tool e strumenti professionali.

Basta andare online per fare link earning? No, o meglio: puoi cogliere dei risultati migliori se investi in digital PR. Vale a dire le operazioni per raggiungere persone interessate a ciò che hai creato e che potrebbero essere motivate per inserire dei link naturali. Non sempre funziona, ma è giusto valutare i margini che hai a disposizione per operare in questo senso.

L’aspetto essenziale di questo lavoro? L’investimento. Nella maggior parte dei casi i contenuti che ottengono un buon numero di link sono pubblicazioni che hanno registrato un investimento concreto in termini di risorse. Non puoi ottenere tanto se non investi il giusto.

Aumentare backlink: la tua opinione

Lo so, non è facile aumentare backlink in modo naturale. Per questo esistono professionisti che lavorano in questa direzione. Le strategie di content marketing si fondono con i lavori di link earning per portare il maggior numero di vantaggi. Di fronte a tutto questo il posizionamento di un sito web diventa la base di partenza per collezionare buoni risultati e backlink virtuosi. Sei d’accordo? Hai esperienze?

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.