3 strategie per fare link earning con il tuo blog

3 strategie per fare link earning con il tuo blog
[Total: 1 Average: 5]

Voglio partire da un punto sostanziale: per ottenere un buon posizionamento su Google devi lavorare in due direzioni. Ovvero sull’ottimizzazione SEO on page, ma anche sull’off page (Link Earning). Nel primo caso devi mettere in pratica tutte le tecniche utili per costruire una pagina web intorno alle ricerche dei tuoi lettori.

Quindi devi fare un buon uso del tag title, della description, dell’heading, del testo utile per migliorare l’ottimizzazione SEO delle immagini.

Per quanto riguarda l’ottimizzazione off page, invece? Cosa puoi fare per migliorare il posizionamento della tua pagina web con azioni esterne? Puoi fare in modo che le persone inseriscano dei link verso le tue risorse. Perché guadagnare buoni link in entrata è un’azione decisiva per definire il posizionamento sui motori di ricerca.

Cosa significa Link Earning? Come devono essere questi link?

Devono avere una caratteristica fondamentale: spontanei. Il modo migliore per ottenere backlink e rispettare le regole di Google è questo. Devi lavorare in modo pulito, devi fare in modo che i link arrivino in modo naturale. Quindi devi fare link earning.

Cosa significa fare link earning? Ecco una definizione: con link earning comprendiamo tutte le attività che ti permettono di guadagnare – anzi, di meritare – i link in modo naturale. Ad esempio attraverso un buon uso dei contenuti.

Ci sono mille modi diversi per ottenere link, alcuni sono audaci di fronte al giudizio superiore di Mountain View, ma il mio punto di vista – il punto di vista di un webwriter – è chiaro: investi nel content marketing per fare link earning. Per dare un buon motivo alle persone di linkarti senza forzatura.

Ti piace questo approccio?

Perfetto, anche a me. E il tuo punto di partenza è il blog. Attraverso un blog, infatti, puoi creare dei contenuti utili per ottenere link. Ma come fai? Lavorando sui contenuti di qualità? Superficiale come approccio, troppo generico, non basta per fare la differenza nella tua attività di link earning.

Va bene pubblicare contenuti che i tuoi lettori amano e condividono, ma per fare breccia nel cuore dei blogger e dei webmaster devi fare qualcosa in più. Devi lavorare sodo con il concetto di link earning. Qualche idea? Ecco la mia esperienza personale, ecco come ho lavorato sui contenuti per ottenere buoni link in ingresso.

1. Argomenti controversi

Una delle tecniche più interessanti per ottenere link da altri blog: lavorare su argomenti controversi, su argomenti che attirano conversazioni online e che hanno un grande trasporto emotivo. Il tuo compito? Prendere una posizione non banale, alternativa alla massa.

Faccio un esempio: la Fornero apostrofa i giovani italiani come choosy, ovvero schizzinosi. Non si accontentano. L’argomento diventa popolare, un trend topic perfetto. Tutti ne parlano sui social e cercano informazioni sull’argomento. Ma cosa succede?

Le informazioni si appiattiscono, si livellano su un sentiment unico. Ovvero tutti seguono il senso comune, che nell’esempio della Fornero porta a una critica feroce delle parole lasciate dal Ministro.

Tutti seguono la scia perché è difficile uscire dal coro. E’ rischioso. Faticoso. Ma il bravo blogger riuscirà a creare un articolo capace di andare controcorrente e di intercettare la curiosità di un pubblico già assuefatto al sentimento comune.

Detto in altre parole, devi andare controcorrente. Devi essere la voce che va contro un sentimento comune, un’idea di massa. Devi diventare – per usare le parole di Seth Godin – la mucca viola. Unica controindicazione: non esagerare. Un articolo estremo può portare a conseguenze estreme, e può essere pericoloso per il tuo brand.

2. Regalare qualcosa

Devi puntare sul dono, devi creare qualcosa di prezioso e di unico. E devi fare in modo che le persone capiscano l’importanza del lavoro che hai svolto. Per promuovere questo percorso, per spingere i tuoi doni e diffonderli online, puoi usare le pagine del blog: puoi creare una landing page e distribuire gratuitamente una serie di contenuti utili e ricchi di valore. Qualche esempio?

  1. Contenuti visual – In questa categoria puoi racchiudere diverse soluzioni: immagini gratis da scaricare, infografiche, video, webinar. Insomma, contenuti visual che i lettori possono trovare utili e sfruttare per la propria attività.
  2. Ebook – Un classico. Puoi creare un ebook e distribuire il PDF in forma gratuita (o con Pay With a Tweet) su una pagina del blog. Le persone scaricano, leggono, apprezzano e suggeriscono nei propri blog la tua risorsa.
  3. Case study – Dati, report, studi in forma di PDF, statistiche, grafici che hai creato grazie a studi esclusivi. I numeri attirano sempre, e se hai qualcosa di unico in mano puoi lavorare bene con la link earning.

Il concetto è chiaro: se vuoi ottenere link di qualità e in forma spontanea devi lavorare sodo. Devi creare qualcosa che nessuno ha fatto, e che non sia facile da replicare. Inutile – detto in altre parole – scrivere un ebook riprendendo gli articoli più letti del blog. Devi creare qualcosa di unico.

Risorse esclusive

Un metodo ottimo per fare link earning: creare qualcosa di utile. Sembra un concetto banale, ma nella maggior parte dei casi gli articoli non riescono ad affrontare un argomento per intero. Ecco, in questa categoria ci sono articoli capaci di dare una risposta completa a una domanda.

Individua un problema della tua nicchia e definiscilo con cura. Affronta tutti i punti del tema, non tralasciare gli aspetti più articolati e non lesinare sui dettagli: in questi casi la stesura dell’articolo può impegnare per giorni – anche settimane.

Puoi creare una lista di tool che nessuno conosce, un elenco completo di siti dai quali puoi scaricare immagini, un tutorial arricchito con la tua esperienza personale. Qualcosa, in pratica, difficile da replicare.

La tua opinione

I contenuti regnano, ma la distribuzione è decisiva. Cosa significa? Il passo successivo alla creazione del contenuto: devi creare una strategia per diffonderlo. Un pulsante Pay With a Tweet è utile per la diffusione di un contenuto PDF tipo ebook, ma può essere utile fare un lavoro di digital PR e blogger outreach per intercettare gli influncer del tuo settore.

La mia strategia per fare link earning è questa: creare grandi contenuti, legati ai bisogno del target e basati su un’attenta analisi, è il primo passo per ottenere buoni link. Il secondo, invece, si fonda sulla distribuzione, sulla capacità di intercettare le persone giuste. Secondo te è una buona soluzione per ottenere link di qualità? Lascia la tua opinione nei commenti.

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, blogger per MediaBuzz. Si occupa di scrittura online dal 2008: ha iniziato in agenzia e ora passa 14 ore al giorno davanti al monitor del suo iMac. Il suo blog personale: My Social Web

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *